(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "L'illustratore fiorentino"

945.51 
146 



cop.2 



Digitized by the Internet Archive 

in 2012 with funding from 

University of Illinois Urbana-Champaign 



http://archive.org/details/lillustratorefioOObecc 



I 

I > 



L'ILLUSTRATORE FIORENTI 

CALENDARIO STORICO 

ipieir, L'^.isrnsro 1909 

COMPILATO DA 

GUIDO CAROCCI 



COLLABORATORI 

DEL PRESENTE VOLUME 

Brunori Can.oo Dionisio - Bucchi Can.co Dott. Gennaro 

Canestrelli Prof. Antonio - Carnesecchi Carlo - Chiappelli Dott. Afbert< 

Cocchi Arnaldo - Del Badia Jodoco - Ferretti P. Lodovico 

Galletti Dott. Paolo - Guerri Augusto - Minucci Del Rosso Paolo 

Ristori Can. Dott. Gio. Battista - Tosi Carlo Odoardo 




FIRENZE 

TIPOGRAFIA DOMENICANA 
Via Ricasoli, 63 

1908 



UNIVERSriYOF 

ILLINOIS LIBRARY 

Al URBANA-CHAMPAIGN 






AI LETTORI 



Anche in questo Sesto volume dell 1 Illustra- 
tore non ho mancato di raccogliere numerosi 
ed interessanti scritti di cultori egregi ed ap- 
prezzati degli studj sulla storia e sull'arte 
fiorentina e nuovi nomi di collaboratori si sono 
aggiunti a quelli che fin dal primo anno mi 
sono di prezioso aiuto nella compilazione di 
questa miscellanea. 

Uno, sciaguratamente, è scomparso per sem- 
pre dal novero di coloro che coir autorità del 
loro nome e col valore dei loro scritti hanno 
così efficacemente contribuito a ridar vita e 
diffusione air Illustratore Fiorentino ed io pago 
qui doveroso tributo di gratitudine e di rim- 
pianto alla memoria di Paolo Minucci Del 
Rosso, che V opera sua di erudito e di lette- 
rato dotto e geniale ha chiuso coi due articoli 
che per V ultima volta fanno figurare il nome 
di lui in questa raccolta. 

U Illustratore Fiorentino, anche in questo 
anno, continua a svolgere fedelmente il suo prò- 



VI 



gramma, offrendo ai suoi lettori copia dovi- 
ziosa di monografie, di note e di documenti 
che tendono a tener vivo il ricordo di vecchie 
tradizioni e di caratteristiche costumanze, a 
far maggiormente conoscere la storia e V im- 
portanza artistica dei nostri monumenti, ad 
evocare tutte quelle memorie che si riferiscono 
a luoghi, a persone, a famiglie, a fabbricati 
della città e dell'antico territorio fiorentino. 
In tal guisa, V Illustratore "potrà divenire 
un giorno la più ricca e la più completa fra 
le miscellanee di storia, d'arte è di curiosità 
fiorentine. 

G. Carocci 



l' illustratore fiorentino 



VII 



&■ 



& 



GENNAIO 



Fasi lunari 

L. P. il dì 6 a ore 13 m. 31 
U. Q. il dì 14 a ore 17 m. 29 
L. N. il dì 21 a ore 23 m. 30 
P. Q. il dì 28 a ore 14 m. 25 



Circoncis. 
s. Macario 
ss. Leo. M. 
s. Tito v, 
s. Telesforo 
Ep. diN.S. 
s. Cristof. 
ss. 40 Mar. 
s. Giuliano 
s. Paolo er. 
s. Igino p. 
s. Modesto 
s. Ilario v. 
s. Dazio ar. 
s. Mauro 
s. Marcello 
s. Antonio 
Catt. Pietro 
S. N. di g. 
s. Seb. e F. 
s. Agnese 
s. Vincenzo 
Spos M. V. 
s. Timoteo., 
Conv Paolo 
S. Famiglia 
s. Giov. C. 
s. Cirillo 
s. Fran, S. 
s. Mart. 
s. Pietr. N. 



Ave Maria della sera 

Fino al dì 14 a ore 80 
Dal dì 27 a ore 17 e 1 q, 



1 


V 


2 


S 


3 


D 


4 


L 


5 


M 


6 


M 


.7 


G 


8 


V 


9 


S 


10 


D 


11 


L 


12 


M 


13 


M 


14 


G 


15 


V 


16 


S 


17 


D 


18 


L 


19 


M 


20 


M 


21 


G 


22 


V 


23 


s 


24 


D 


25 


L 


26 


M 


27 


M 


28 


G 


29 


V 


30 


S 


31 


D 



FEBBRAIO 



Fasi lunari 

L. P. il dì 5 a ore 7 m. 43 
TJ. Q. il dì 13 a ore 4 ni. 29 
L. N. il dì 2 a ore 9 m. 37 
P. Q. il dì 9 a ore 5 m. 28 



s. Verdiana 
Purif. di M. 
s. Biagio 
s. s. Agata 
s. Andrea 
s. Dorotea 
s. Pvomual. 
s. Pietr. Ig. 
s. Apollo n. 
s. ScolaSt. 
ss. 7 Fond. 
s. Severino 
s. Caterina 
s. Valent. 
s. Faustino 
Sess. s. Ig. 
s. Donato 
s. Simeone 
s. Corrado 
s. Zenobio 
s. Eleonora 
s. Margh. 
Sess. s.Laz. 
s. Sergio 
s. Mattia 
s. Pietro D. 
Berling. Os 
I di Quar. 



Ave Maria della sera 

Il dì 9 a ore 18. 

Il dì 22 a ore 18 e 1 q. 



1 


L 


* 2 


M 


3 


M 


4 


G 


5 


V 


6 


s 


7 


D 


8 


L 


♦ 9 


M 


10 


M 


11 


G 


12 


V 


13 


S 


14 


D 


15 


L 


* 16 


M 


17 


M 


18 


G 


19 


V 


20 


S 


21 


D 


22 


L 


* 23 


M 


24 


M 


25 


G 


26 


V 


27 


S 


28 


D 



■&- 



Vili 



L 7 ILLUSTRATORE FIORENTINO 



■* 



MARZO 



Fasi lunari 
L. P. il dì 7 a ore 2 m. 14 
U. Q. il dì 15 a ore 3 m. 
L. N. il dì 20 a ore 10 m. 10 
P. Q. al dì 27 a ore 2 m. 7 



s. Albino 
s. Simplicio 
s.Cunegon. 
Le Ceneri 
s. Eusebio 
s. Marziano 

II di Quar. 
s. Giovanni 
s. Frances. 
ss. 40 Mart. 
s. Eulogio 
s. Gregorio 
s. Cristina 

III Quar. 
s. Matilde 
s. Abramo 
s. Patrizio 
s. Gabriele 
s. Gius. sp. 
s. Ippol G. 

IV Quares. 
s. Caterina 
s. Vittoria. 
s. Timoteo 
Ann. di M. 
s. Roberto 
s. Giovan. 
di Passion. 
s. Rogato 
s. Amedeo 
s. Mauric. 



Ave Maria della sera 

Il dì 7 a ore 18 e mezzo 
Il dì 20 a ore 18 e 3 q. 



* 1 


L 


2 


M 


3 


M 


4 


G 


5 


V 


6 


S 


* 7 


D 


8 


L 


9 


M 


10 


M 


11 


G 


12 


V 


13 


S 


«fr 14 


D 


15 


L 


16 


M 


17 


M 


18 


G 


* 19 


V 


20 


s 


* 21 


D 


22 


L 


23 


M 


24 


M 


«£ 25 


G 


26 


V 


27 


S 


* 28 


D 


29 


L 


30 


M 


31 


M 



$ 



APRILE 



L. P. 
U. Q. 

L. N. 
P. Q. 



Fasi lunari 
il dì 5 a ore 19 m. 46 
il dì]3 a ore 13 m. 48 
il dì 20 a ore 4 m. 9 
il dì 27 a ore 7 m. 54 



s. Ugo 
s. Frane. 
s. Pancraz. 
delle Palme 
s. Vincenz. 
s. Sisto 
s. Celestino 
s. Alberto 
s. Maria C. 
s. Ezechiele 
Pasqua 
Lun. santo 
Mart. santo 
Mere, santo 
Giov. santo 
Ven. santo 
Sab. santo 
in Albis 
s. Leone IX 
s. Agnese 
s. Anselmo 
s. Sotero p. 
s. Giorgio 
s. Fedele 
s. Marco 
s. Bianca 
s. Cleto 
ss. Vit. Val. 
s. Pietro 
s. Caterina 
da Siena 



Ave Maria della sera 

Il dì 2 a ore 19 

Il dì 19 a ore L9 e 1 q. 

Il dì 28 a ore 19 e mezzo 



1 


G 


2 


V 


3 


S 


* 4 


D 


5 


L 


6 


M 


7 


M 


8 


G 


9 


V 


10 


S 


* 11 


D 


12 


L 


13 


M 


14 


M 


15 


G 


16 


V 


17 


S 


* 18 


D 


19 


L 


20 


M 


21 


M 


22 


G 


23 


V 


24 


S 


* 25 


D 


26 


L 


27 


M 


28 


M 


29 


G 


30 


V 



& 



l' illustratore fiorentino 



IX 



■* 



MAGGIO 



Fasi lunari 
L. P. il dì 5 a ore 11 m. 26 
TI. Q. il dì 23 a ore 1 m. 17 
L. N. il dì 30 a ore 4 m. 15 
P. Q. il dì 8 a ore 12 m. 23 



ss. Giac. e Fil. 
s. Antonino 
In. s. Croce 
s. Monica 
s. Pio Y 
s. Griov. D, 
s. Stanislao 
s. Vittorio 
s. Gregorio 
Pat. "S. Gius. 
s. Gio. daV. 
S.Pancrazio 
s. Atanasio 
s. Bonifazio 
s.G.B.deS. 
s. Griov. N. 
s. Pasquale 
s. Felice 
s. Pudenz. 
Ascensione 
s. Valerio 
s. Umiltà 
s. Giov. p. 
Maria Aus. 
s. Greg. VII 
s. Filippo 
s. Maddal. 
s. Germano 
S.Bonifacio 
Pentecoste 
s. ADgela 



Ave Maria della sera 

Il dì 11 a ore 19 e 3 q. 
Il dì 24 a ore 20 



1 


S 


* 2 


D 


3 


L 


4 


M 


5 


M 


* 6 


G 


7 


V 


8 


s 


♦ 9 


D 


io 


L 


11 


M 


12 


M 


13 


G 


14 


V 


15 


S 


* 16 


D 


17 


L 


18 


M 


19 


M 


* 20 


G 


21 


V 


22 


S 


* 23 


D 


24 


L 


25 


M 


26 


M 


27 


G 


28 


V 


29 


S 


* 30 


D 


31 


L 



GIUGNO 



Fasi lunari 

L. P. il dì 4 a ore m. 43 
U. Q. il dì 11 a ore 2 m. 1 
L. N. il dì 17 a ore 22 m. 46 
P. Q. il dì 25 a ore 18 m. 1 



s . Crescen. 
s. Erasmo 
s. Clotilde 
s. Quirino 
s. Bonifazio 
SS. Trinità 
s. Eustorg. 
s. Medardo 
s. Primo 
Corpus Do. 
s. Barnaba 
s. Basilide 
s. Antonio 
s. Basilio 
ss. Vito, 
Crescenzia 
S.Aureliano 
S.S. Cuor di G. 
s. Ranieri 
s. Gervas. 
s. Luigi G. 
s. Paolino 
s. Agripp. 
s. G. B.sta 
s. Gugliel. 
s. Eligio v. 
s, Ladislao 
s. Leone II 
ss. Piet.eP. 
Gom. S. Paol. 



Ave Maria della sera 
Tutto il mese a ore 20 e 1 q. 



1 


M 


2 


M 


3 


G 


4 


V 


5 


S 


* 6 


D 


7 


L 


8 


M 


9 


M 


* 10 


G 


11 


V 


12 


S 


* 13 


D 


14 


L 


15 


M 


16 


M 


17 


G 


* 18 


V 


]9 


S 


20 


D 


«$> 21 


L 


22 


M 


23 


M 


* 24 


G 


25 


V 


26 


S 


* 27 


D 


28 


L 


* 29 


M 


30 


M 



■•& 



L 7 ILLUSTRATORE FIORENTINO 



-#- 



LUGLIO 



L. P. 
U. Q. 
L. N. 
P. Q. 



.Fasi lunari 

il dì 3 a ore 11 m. 35 
il dì 10 a ore 6 m. 16 
il dì 17 a ore 10 m. 3 
il dì 25 a ore 11 m. 3 



s. Marziale 
Visit. di M. 
s. Eulogio 
s. Ulderico 
s. Margher. 
s. Romolo 
s. Lucina 
s. Elisab. r. 
s. Zenone 
s. F. e figli 
s. Pio I 
s. G. Guai. 
s. Anacleto 
s. Bonav. 
s. Camillo 
B. V. d. Car. 
s. Alessio 
s. Sinf. e F. 
s.Yinc. di P. 
s. Girolamo 
s. Prassede 
s. Maria M. 
s. Apollin. 
s. Cristina 
s. Giacomo 
s. Anna m. 
s.Aurelian. 
ss. Naz. eC. 
s. Marta v. 
s. Abdon. 
s. Ignazio 



Ave Maria della sera 
Il dì 22 a ore 20 



1 


G 


2 


Y 


3 


S 


4 





5 


L 


6 


M 


7 


M 


8 


G 


9 


V 


10 


S 


11 


D 


12 


L 


13 


M 


14 


M 


15 


G 


16 


Y 


17 


S 


18 


D 


19 


L 


20 


M 


21 


M 


22 


G 


23 


Y 


24 


S 


25 


D 


26 


L 


27 


M 


28 


M 


29 


G 


30 


Y 


31 


S 



AGOSTO 



L. 
U. 
L. 
P. 
L. 



Fasi lunari 

il dì 1 a ore 20 m. 32 
il dì 8 a ore 11 m. 24 
il dì 15 a ore 23 m. 13 
il dì 24 a ore 3 m. 13 



P. il dì 31 a ore 4 m. 26 



s.Piet. inY. 
s. Alfonso 
Inv . s. Stef . 
s. Domenico 
Mad. d. N. 
Tr. di N. S. 
s. Gaetano 
s. Erminia 
s. Romano 
s. Lorenzo 
s. Filomena 
s. Chiara v. 
s. Ippolito 
s. Eusebio 
As. di M. Y 
s. Giovach. 
s. Settimio 
s ; Elena 
s. Lodovico 
s. Bernardo 
s.G-io.Chan. 
s. Timoteo 
s. Fil. Ben. 
s. Bartolom. 
s. Luigi re 
s. Alessand. 
s. Gius. Cai. 
s. Agostino 
s. Giov. B. 
s. Rosa 
s Raimondo 



Ave Maria della sera 

Il dì 1 a ore 19 e 3 q. 

Il dì 11 a ore 19 e mezzo 

Il dì 21 a ore 19 e 1 q. 

Il dì 31 a ore 19 



* 1 


D 


2 


L 


3 


M 


4 


M 


5 


G 


6 


Y 


7 


S 


«$► 8 


D 


9 


L 


10 


M 


11 


M 


12 


G 


13 


Y 


14 


S 


* 15 


D 


16 


L 


17 


M 


18 


M 


19 


G 


20 


Y 


21 


S 


«$► 22 


D 


23 


L 


24 


M 


25 


M 


26 


G 


27 


Y 


28 


S 


* 29 


D 


30 


L 


31 


M 



L 7 ILLUSTRATORE FIORENTINO 



XI 



#- 



•^ 



SETTEMBRE 



Fasi lunari 

TJ. Q. il dì 6 a ore 19 m. 2 
L. N. il dì 14 a ore 14 m. 27 
P. Q. il dì 22 a ore 17 m. 49 
L. P. il dì 29 a ore 12 m. 23 



s. Egidio 
s. Stefano 
s. Ansano 
s. Rosalia 
s. Vittorino 
s. Zaccaria 
s. Regina 
E", di M. V. 
s. Gorgonio 
s. Nic. daT. 
ss. Proto eGr 
s. Guido 
s. Eugenia 
Es. d. s. C. 
s. Nicomede 
s. Eufemia 
Stira, di s.F. 
s.Gius, d. C. 
s. Gennaro 
s. M. Add. 
s. Matteo 
s. Maurizio 
s. Lino 
s. Tecla v. 
s. Anatal. 
s. Cipriano 
ss. Cosma e 
Dam, med. 
s.Venceslao 
s. Michele 
s. Girolamo 



1 


M 


2 


G 


3 


V 


4 


S 


5 


D 


6 


L 


7 


M 


8 


M 


9 


G 


10 


Y 


11 


S 


12 


D 


13 


L 


14 


M 


15 


M 


16 


G 


17 


y 


18 


s 


19 


D 


20 


L 


21 


M 


22 


M 


23 


G 


24 


V 


25 


S 


26 


D 


27 


h 


28 


M 


29 


M 


30 


G 



Ave Maria della sera 

Il dì 8 a ore 18 e 3 q. 
Il dì 16 a ore 18 e mezzo 
Il dì 24 a ore 18 e 1 q. 



OTTOBRE 



Fasi lunari 

TJ. Q. il dì 6 a ore 6 m. 2 
L. N. il dì 14 a ore 7 m. 31 
*P. Q. il dì 22 a ore 6 m. 22 
L. P. il dì 28 a ore 21 m. 25 



s. Remigio 
ss. A; Custi 
s. Candido 
s. Fr. d'As. 
s. Placido 
s. Brunone 
s. Brigida 
s. Pelagia 
s. Dionigi 
s.FranC; B. 
Mat. M. Y. 
s. Mona are. 
s. Edoardo 
g. Callisto 
s. Teresa 
s. Gallo ab. 
s. Edvige 
s. Luca ev. 
s. Pietro 
s, Felieiano 
s. Orsola 
s. Donato 
s. Giovanni 
s. Raffaele 
s. Crispino 
s. Evaristo 
s 4 Cresci 
s. Simone 
s. Massimil. 
s. Alfon. R. 
s. Quintino 



Ave Maria della sera 

Il dì 8 a ore 18 

Il dì 18 a ere 17 e 3 q. 

Il dì 28 a ore 17 e mezzo 



1 


Y 


2 


S 


* 3 


D 


4 


L 


5 


M 


6 


M 


7 


G 


8 


Y 


9 


S 


«f> 10 


D 


11 


L 


12 


M 


13 


M 


14 


G 


15 


Y 


16 


S 


* 17 


D 


18 


L 


19 


M 


20 


M 


21 


G 


22 


Y 


23 


S 


* 24 


D 


25 


L 


26 


M 


27 


M 


28 


G 


29 


Y 


30 


S 


31 


D 



XII 



l' illustratore fiorentino 



■* 



NOVEMBRE 



u. 

L. 

P. 

L. 



Fasi lunari 

Q. il dì 4 a ore 20 m. 56 
N. il dì 13 a ore 1 e m. 36 
Q. il dì 20 a ore 16 m. 47 
P. il dì 27 a ore 8 m. 10 



Tutti i San. 
C. de' Def. 
s. Umberto 
s. Carlo B. 
s. Zaccaria 
s. Leonardo 
s. Vitale 
I ss; 4 Cor. 
s. Oreste 
s. Andrea 
s. Martino 
s. Diego 
s. Omobono 
s. Clemente 
s. Eugenio 
s. Edmondo 
s. Geltrude 
s. Romano 
s. Ponziano 
s. Felice diV. 
Pres. di M. 
V al Temp 
s.. C ecilia 
s. Clemente 
s. Prospero 
s. Caterina 
s. Leonardo 
s.Virgil. v, 
I. Avv. 
s. Gelasio 
s. Andrea 



Ave Maria della sera 

Il dì 8 a ore 17 e 1 q. 
Il dì 22 a ore 17 



1 


L 


2 


M 


3 


M 


4 


G 


5 


V 


6 


S 


* 7 


D 


8 


L 


9 


M 


10 


M 


11 


G 


12 


Y 


13 


S 


* 14 


D 


15 


L 


16 


M 


17 


M, 


18 


G 


19 


V 


20 


S 


* 21 


D 


22 


L 


23 


M 


24 


M 


25 


G 


26 


V 


27 


S 


<$► 28 


D 


29 


L 


30 


M 



DICEMBRE 



Fasi lunari 

U. Q. il dì 4 a ore 15 m. 31 
L. N. il dì 12 a ore 19 m. 17 
P. Q. il dì 20 a ore 1 m. 36 
L. P. il dì 26 a ore 20 m. 48 



s. Ans. m. 
s. Bibiana 
s. Fran. S. 
s. Barbara 
s. Saba 
s. Niccolò 
s. Amb. v. 
C .di M. V. 
s. Procolo 
s. Melch. 
s. Damaso 
s. Costanza 
s. Lucia 
s. Spiridio. 
s.Valerian. 
s. Eusebio 
s. Lazzaro 
Esp. del Parto 
s. Nemesio 
s. Liberato 
s. Tomaso 
4.Adelai. r. 
s. Vittoria 
s. Adele 
S. N. 
s. Stefano 
S. Giovanni 
I ss. Innoc. 
s. Tom. v. 
s. Eugenio 
s. Silvestro 



Ave Maria della sera 
Tutto il mese a ore 17 e mezzo 



1 


M 


2 


G 


3 


V 


4 


S 


* 5 


D 


6 


L 


7 


M 


* 8 


M 


9 


G 


10 


V 


11 


S 


* 12 


D 


13 


L 


14 


M 


15 


M 


16 


G 


27 


V 


18 


S 


* 19 


u 


20 


L 


21 


M 


22 


M 


23 


G 


24 


V 


* 25 


S 


* 26 


D 


27 


L 


28 


M 


29 


M 


30 


G 


31 


V 



■* 



fegfS-jLro^L^rasi 



NOTIZIE DEL MESE DI GENNAIO 



Cenni topografici di Firenze romana. 

I. 
Le mura, i lastrici, le fogne e V acquedotto. 

Sorge Firenze sopra uno strato alluvionale di 
sabbia giallastra, talvolta mista d'argilla, dello 
spessore di vari metri, cui sta sotto uno strato 
di ghiaia. 

Alla profondità perfino di 4 o 5 metri dalla 
attuale superfìce stradale trovansi gli avanzi 
della città costruita all' incrocio delle grandi 
vie da Arezzo a Pisa e da Siena all'Appennino, 
nella forma regolare d' un campo militare, dalla 
colonia romana mandata 39 anni A. C. dai 
Triumviri, o come altri vuole, 20 anni prima 
da Giulio Cesare, ad infrenare i Fiesolani, un 
dei più riottosi popoli d' Etruria, che poco in- 
nanzi avevan fatto causa comune con Catilina 



2- l'illustratore fiorentino 

e con la colonia militare Sillana probabilmente 
stanziata presso S. Domenico o Camerata, Il 
suo nome di Fiorenza, comune ad altre colonie 
che poi lo perder ono, fu augurio di prosperità. 

Altri centri si eran formati collo scendere 
degli abitanti, per l'agricoltura e pei commerci, 
al piano, prima pantanoso e che andava pro- 
sciugandosi^ altri ancora se ne formarono dalla 
nuova città; quali ebber nome dai possidenti ro- 
mani : fundus /Septimianus, Corninianus, Te- 
rentianus, cioè Settignano, Corbignano, Teren- 
zano ; quali furon chiamati dalle miglia di di- 
stanza dalla colonia : Quarto, Quinto, Sesto, 
Settimo, Decimo, Quintole, Settimello ecc. 

L/ estensione della città era secondo il Mali- 
spini dalla Via odierna dei Tosinghi a Vacche- 
reccia, dalla Via dei Cerchi a quella dei Vec- 
chietti; secondo altri era quella stessa che fu poi 
della cinta medievale ; cioè dalla Via Cerretani 
al Borgo SS. Apostoli e da Via del Proconsolo 
a Via Tornabuoni. Probabilmente ambedue le 
opinioni si conciliano pel fatto che in molti 
campi militari romani poi divenuti permanenti, 
come in quello di Ganzigrad nella Serbia, le co- 
struzioni non occupavano tutta l'area compresa 
nella cinta fortificata, ma questa conteneva pure 
il luogo per le esercitazioni, i mercati ecc. 

Da tramontana e da ponente Firenze era ba- 
gnata dal Mugnone scorrente nel primo naturale 
alveo e a mezzodì dall'Arno. 



l'illustratore fiorentino 3 

Gli angoli tondeggiavano come vedesi dietro 
il Duomo ed in piazza S. Trinità ; le Vie del- 
l'Arcivescovado e di Calimara rappresentavano 
il cardo e mettevan capo a due porte ; le Vie 
del Corso, degli Speziali e degli Strozzi, il de- 
cumano e facevan capo ad altre due porte. 

Le mura furon dapprincipio di mattoni raf- 
forzate di tanto in tanto da torri rotonde dello 
stesso materiale e che sorgevano anche di fianco 
alle porte. Così dice il Villani e lo confermano 
le scoperte fatte ai giorni nostri in piazza S. 
Giovanni. Forse quelle eran le mura della cinta 
fortificata, mentre altre diversamente formate 
circondavano il nucleo primieramente abitato. 
Vogliamo dire delle mura di calcestruzzo fode- 
rate di filaretto di pietra che trovansi sulle trac- 
eie della cinta indicata dal Malispini. 

Un blocco di tal costruzione apparve nel 1873 
in Por S. Maria difaccia a Vacchereccia, simile 
alla fiancata d' una porta ed un altro ne gia- 
ceva a pochi metri a sud, staccato e sprofondato 
nel sottosuolo ; un altro fu veduto nel 1885 for- 
mar le fondamenta del muro di Palazzo Vecchio 
sul principio di Via della Ninna. Infatti il Gar- 
gani rammenta la tradizione che il Palazzo fosse 
fondato sulle mura della città, ciocché vale an- 
che a spiegare lo esser quel lato fuor di squa- 
dra colla facciata. 

In piazza della Signoria, presso la statua di 
Cosimo e in dirittura di Via dei Cerchi, fu tro- 



4 l'illustratore fiorentino 

vata nel 1893 d'egual costruzione quella porta 
che il Malispini dice appunto a lato alle case 
degli Ormanni. 

Nel 1885 si scoperse alP angolo nord-est di 
Via 8. Elisabetta e del Corso un simile avanzo 
di mura e forse d' una porta. 

Nel 1843 in Via Calzaioli presso la Via del- 
l'Oche un altro ne apparve, come ne fa fede 
l'epigrafe apposta sulla casa vicina. Di lì si vi- 
dero nel 1879 cominciare due antichissimi la- 
strici sovrapposti e volgenti verso Piazza della 
Signoria ; segno che di lì cominciava pure 
l'abitato. 

Egual costruzione di mura di smalte ricoperte 
di filaretto sostiene il muro di facciata del pa- 
lazzo Vecchietti ed appare in quegli avanzi tra 
il Vicolo di Capaccio e Via delle Terme di cui 
diremo in un altro articolo. 

Lastrici romani fatti di pietre dello spessore 
da 40 a 50 centimetri si trovarono alla profon- 
dità di metri 2,80 in Piazza Strozzi parallela- 
mente al Palazzo, con incrociatura della fogna 
verso la Via dei Pescioni. Altri due, pure con 
fogna, alla profondità di m. 2,50 nelle Vie di 
Pellicceria e dell' Arcivescovado. In Via Cal- 
zaioli, quasi in faccia a Via dei Tosinghi, ve 
n'era uno alla profondità di m. 2,78 ed un altro 
57 cent, più sotto, in Portarossa a m. 2,50, con 
fogne sottostanti. 

Nel 1885, ponendosi il tubo per V acqua in 



h r ILLUSTRATORE FIORENTINO 5 

Via del Corso, fu trovato alP angolo dì Croce 
Rossa un solidissimo lastrico e sopra ad esso 
una enorme pietra, probabilmente avanzo di sti- 
pite della porta orientale. 

Nel Museo archeologico di Firenze vedesi una 
fogna completamente rimontata, un lastrico coi 
solchi delle ruote, il fontanile ed una torre della 
porta settentrionale. 

Per provvedere di acqua potabile la città 
eravi l'acquedotto derivato dalla Val di Marina 
appiè del Monte Morello per Settimello, Doccia, 
Colonnata e TArcora, luoghi tutti che ne con- 
servaron più a lungo gli avanzi e che tuttora 
coi nomi, ne serban la memoria. Il Manni ne 
riporta il disegno di tre arcate e pilastri fatte 
di calcestruzzo foderato di filaretto di pietra 
esistite fino ad un secolo fa al Romituzzo presso 
Pattuale barriera del Romito. 

Augusto Guerri. 



I busti dei Grandu chi Medicei. 

Percorrendo le vie di Firenze si veggono 
spesso sulle facciate di edifizi pubblici e privati 
busti marmorei che riproducono l'effige di al- 
cuni fra i Granduchi di casa Medici che furono 
signori di Firenze e della Toscana. 

Quanto ai busti collocati sugli edifizj di ca- 
rattere pubblico non occorre ricercare la ra- 



L r ILLUSTRATORE FIORENTINO 



gione per la quale vi furono posti; quell'i invece 
che adornano palazzi o altre fabbriche di privata 
proprietà hanno un significato tutto speciale, per- 
chè stanno a rappresentare un atto di omaggio 
devoto che cortigiani benaffetti e favoriti rende- 
vano pubblicamente al Granduca regnante. 

Su per giù cotesti busti avevano lo stesso si- 
gnificato di tanti stemmi Medicei che si veggono 
sulle facciate di edifizj che non furono mai sede 
di pubblici uffici e che molto meno erano appar- 
tenuti alla famiglia regnante. 

Era la forma più chiara, più espressiva del sen- 
timento di devoto rispetto e diciamo pure di cor- 
tigianeria e di adulazione, quando non era di ri- 
conoscenza per benefici ricevuti, che famiglie e 
individui volevano ostentare per ingrazionirsi 
quei principi e per distruggere ogni dubbio in- 
torno alla loro sincera devozione. 

Di questi busti ne esistevano un giorno in 
numero maggiore di quel che oggi ne sussista 
e la scomparsa loro deve più che altro attri- 
buirsi ai danni prodotti dal tempo, alla trasfor- 
mazione ed alla demolizione degli edifizi, quando 
non fosse il caso di ritenerla come espressione 
del desiderio dei discendenti di liberarsi dalla 
taccia di un servilismo che in epoche più recenti 
non avrebbe potuto esser sufflcentemente ap- 
prezzato. 

Si sa che fra gli scultori fiorentini quello che 
primo si dedicò a cotesto fruttifero lavoro fu 



l/ ILLUSTRATORE FIORENTINO T> 

Giovanni Bandini, più comunemente conosciuto 
col nome di Giovanni dell'Opera perchè stava* 
ai servizi dell'Opera di S. Maria del Fiore. A> 
lui si debbono infatti diversi busti di Cosimo L 
e di Francesco di lui figlio che sono in questo 
genere quelli di maggior valore artistico. Dei i 
busti di Cosimo I egli ne scolpì cinque, ma dr 
questi sussiste soltanto quello che è posto al di-- 
sopra della residenza dell'Opera di S. Maria del* 
Fiore in Piazza del Duomo. Scomparvero invece' 
dalla pubblica vista quelli che egli scolpì per il^ 
palazzo Minerbetti da S. Trinità, per la casa dei 
Gaddi in Piazza di Madonna, per il palazzo Nicco j 
lini in Via de' Servi e per quello Soderini in Via' 
Carraia (oggi Borgo S. Frediano). 

Maggior fortuna ebbero altri cinque busti del 
Granduca Francesco figlio di Cosimo, perchè sus- 
sistono tuttora: quel lo sulla casa Martelli (oggi della 
Banca di Credito) in Via de' Martelli, quello della 
porta delle Suppliche sotto V arco che dal piaz- 
zale degli Ufizj comunica colla Via Lambertesca, 
quello sulla facciata del Palazzo Uguccioni in 
Piazza della Signoria e l' altro sul Palazzo già 
de' Benci, oggi Mannelli Galilei fra; Via del Canto 
de' Nelli e la Piazza di Madonna. Non si vede 
più il quinto ritratto fatto per il palazzo Nicco- 
lini in Via de' Servi. 

Della maggior parte degli altri busti di Gran- 
duchi che veggonsi sparsi per Firenze non si co- 
noscono gli autori ; ma alcuni altri, oltre quelli 



8 l/lLLUSTRATORE FIORENTINA 

citati dai documenti, debbono essere usciti certo 
dcilla bottega di Giovanni dell'Opera, per i carat- 
teri stilistici che hanno comuni con quelli sopra 
ricordati. 

Senza però indagare intorno alla ricerca degli 
autori di questi busti, ci limiteremo a indicare 
quelli che tuttora rimangono esposti alla vista 
del pubblico nelle varie parti della città. 

Cominciamo dagli edifizj pubblici. 

Sulla facciata dello Spedale di S. Maria Nuova 
sono i busti di Ferdinando II, Cosimo II, Co- 
simo III e Giovan Gastone scolpiti dal Cennini, 
dal Caccini, dal Marcellini e dal Montanti; su 
quella dello Spedale degl' Innocenti stanno i ri- 
tratti di Cosimo I, Francesco I, Ferdinando I e 
Cosimo II opere di Giovan Battista Sermei fieso- 
lano. Sopra alla loggia, già Spedale di S. Paolo 
de' Convalescenti in Piazza S. Maria Novella è 
il busto di Ferdinando I ed in piazza de' Fresco- 
baldi sul palazzo o convento già dei Signori della 
Missione, oggi Scuola Normale, sono i ritratti dei 
Granduchi Ferdinando I, Cosimo II, Ferdinando II 
e Cosimo III scolpiti dal Novelli e dal Marcellini. 

L'effige di Cosimo I vedesi sopra i seguenti 
edifizj privati: 

Sopra un palazzo in Via del Canto de' Nelli il 
busto di proporzioni colossali venne trasportato 
da una casa in Via dei Ginori che apparteneva 
allo scultore Baccio Bandinelli che ne fu pure 
V. autore ; in Borgo degli Albizzi nel palazzo detto 



l/ ILLUSTRATORE FIORENTINO 9 

dei Visacci, che il Senatore Baccio Valori fece 
adornare di ritratti d' illustri fiorentini e sopra ad 
una casa de' Pitti air entrare di Via Maggio. 

Di Francesco I è il busto sopra la porta del 
Palazzo che fu già dei Corsi, oggi Da Montauto 
dove ha sede il Circolo dell' Unione in Via dei 
Tornabuoni. 

Più numerosi sono i busti superstiti del Gran- 
duca Ferdinando I che fu indubbiamente il più 
ben accetto dai Sovrani Medicei. Se ne veggono 
infatti in Via de' Cerretani sopra un palazzo che 
fu de' Carnesecchi e che oggi serve ad uso del- 
l' Albergo Milano, in Via della Scala sul palazzo 
Dal Borgo che ha la facciata adorna di eleganti 
graffiti, in Via del Mercatino presso la piazza di 
S. Pier Maggiore sopra una casa che fu di un 
ramo dei Medici, in Via di Pinti al palazzo che 
servì di dimora e di opificio a Giovan Bologna 
che ne fu V autore. 

Busti di Cosimo II esistono: in Borgo SS. Apo- 
stoli ad una casa che fu delle Monache di Can- 
deli, e ad un palazzo già degli Albizzi nel Borgo 
degli Albizzi, scolpito da Chiarissimo Fancelli, 
sulla Piazza di S. Maria Soprarno al palazzo 
Tempi, ora Bargagli, alla facciata dipinta del 
Palazzo Dell'Antella in Piazza S. Croce e in Via 
de' Neri alla Loggia del Grano. 

Di Ferdinando II esistono i ritratti alla casa 
già de ? Nardi in Via dell'Alloro e sul palazzetto 
che fu dei Farinola in Via del ^ole. 



ItT x/lLLUSTRATORE FIORENTINO 

Via degli Alfani 

Porta oggi questo nome la strada che dal 
canto di via Larga va a terminare al canto di 
Monteloro all' imboccatura di via di Pinti. 

Ma in antico il nome di via degli Alfani era 
proprio soltanto del tratto fra via de' Servi e 
via della Pergola, mentre a' nostri tempi esso 
fu esteso anche ai tratti che si dicevano via del 
Ciliegio e via di Cafaggiuolo. 

Alla vecchia strada dette nome la famiglia 
Alfani che fin da tempo remoto vi aveva le sue 
case. 

Gli Alfani erano di origine antichissima; ma 
nei tempi delle fazioni dovettero andare esuli 
da Firenze e dopo il 1360 non figuravano più 
fra le famiglie che godevano i pubblici uffici. 

Il nome di via degli Alfani si trova ricordato 
nel 1315 in un atto di mallevadoria che sotto 
il 5 febbraio Alberto del fu Vermiglio Alfani, 
prestò per la vendita che Giovanni di Lapo Al- 
fani voleva fare a Migliore d'Andrea Adimari 
d'una mezza casa e di altra casa annessa po- 
ste nel popolo di S. Michele Bisdomini in via 
degli Alfani. 

Nel 1337 in un legato di una casa e due ca- 
solari che Giovanni del fu Lapo Alfani fa ai 
monaci eremitani degli Angioli la via è chia- 
mata del Lione, ossia degli Alfani e la stessa 



L *ÌEEHSTR ATORE FIORENTINO IT 

\ 

denominazione si trova nel 1347 in un con- 
tratto col quale Bartolommeo di Giovanni Al- 
fani vende certe case a Filippo Nelli priore di 
S. Maria degli Angioli. 

Quando gli eremitani Camaldolesi fondarono 
in questo luogo una chiesa ed un convento la 
via perdette i precedenti nomi degli Alfani e 
del Lione e si disse via degli Angioli o degli 
Agnoli e più tardi anche del Tiratoio degli 
Agnoli, perchè dal lato opposto al convento 
sorgeva uno dei tanti tiratoj dell'arte della Lana 
così denominato. 

Fu soltanto in epoca relativamente moderna 
che riacquistò la sua antichissima denomina- 
zione la quale serve a ricordare il luogo dove 
una celebre famiglia ebbe la sua antica dimora. 



La popolazione di Firenze nell'anno 1562. 

Da una specie di censimento compiuto nel- 
l'anno 1562 e del quale si dà conto in due vo- 
lumi manoscritti del nostro Archivio di Stato 
intitolati Ricerche delle case della città di Fi- 
renze risulta che in quell'anno la popolazione 
di Firenze era riunita in 8726 fuochi (case) e 
costituita da 26,446 uomini e 59,216 donne. 

Alla enorme sproporzione fra il numero dei 
maschi e quello delle femmine debbono aver 
certo contribuito gli avvenimenti occorsi dopo 



15 L r ILLUSTRATORE FIORENTINA 

l'assedio di Firenze, in forza dei quali molti cit- 
tadini vennero banditi ed altri scelsero volon- 
tariamente la via dell'esilio per sfuggire alle 
vendette dei nuovi signori. 



Chiesa e Conservatorio di S. Francesco di Sales 
detto il Conventino 

(29 Gennaio). 

I Monaci eremitani di Camaldoli ottennero 
fin dal 1102 dal Comune di Firenze la dona- 
zione di una chiesetta dedicata a S. Salvatore 
presso la quale eressero un monastero che di- 
venne una delle loro più grandiose e più ric- 
che Abazie. A cotesti monaci appartennero 
molti terreni adiacenti, parte situati sulle col- 
line di Bellosguardo, parte posti in un tratto 
della pianura che restò incorporato nelle nuove 
mura d'Oltrarno. 

, Dai Camaldolesi trasse il nome di Camaldoli 
questa estrema parte della città, dov' essi eres- 
sero- numerose case e di Camaldoli si chiamò 
pure una porta che venne chiusa e che sorgeva 
a poca distanza dall'attuale Barriera di Bello- 
sguardo. 

II Duca Alessandro de' Medici sostituì in que- 
sto luogo ai monaci camaldolesi la Cavalieresse 
di Malta che stavano già presso la chiesa di 
S. Giovan Battista alla Porta Romana; ma an- 



l'illustratore fiorentino 13 

ch'esse dovettero sloggiare, quando più tardi 
venne quivi inalzato un baluardo a difesa della 
città. 

L'abbandonato convento, che era ampissimo, 
fu ridotto ad arsenale e ad uso di pubblici ma- 
gazzini e nel 1621 parte di esso servì di ospi- 
zio per i poveri Mendicanti. 

Negli ultimi del XVII secolo parte del fab- 
bricato della Badia di Camaldoli venne acqui- 
stato da Don Pietro Dupin monaco nel convento 
di S. Maria della Pace fuori di Porta Romana 
e ridotto col disegno dell'architetto Anton Maria 
Ferri ad uso di Conservatorio per trasferirvi 
una quarantina di fanciulle che il Dupin aveva 
accolte dapprima in una casa posta sulla Costa 
di S. Giorgio a confine col monastero dello Spi- 
rito Santo. 

Nel 1700, a dì 14 d'ottobre, entrarono in que- 
sto nuovo locale alcune suore destinate a edu- 
care quelle fanciulle e la nuova istituzione ebbe 
largo aiuto dal Granduca e dalla famiglia Da 
Verrazzano. Monsignore Lodovico Da Verraz- 
zano prese particolarmente a cuore le sorti di 
cotesto Conservatorio che nel 1718 ampliò consi- 
derevolmente cedendone poi tutte le ragioni al 
Granduca Cosimo III. 

L'architetto Ferri edificò di carattere barocco 
la chiesa e diresse la costruzione del monastero 
nel quale vennero istituite tre scuole per la 
istruzione e V educazione delle giovinette. 



L ? ILLUSTRATORE FIORENTINO 

Al convento venne aggiunto anche un vicina 
palazzetto nel quale erano accolte per otto giorni 
gentildonne e cittadine che sotto la direzione df 
sacerdoti facevano gli esercizi spirituali. 

Col volgere del tempo rimase soltanto il Con- 
servatorio che oggi ha sempre vita prospera e si 
trova sotto la tutela dell'autorità governativa. 

Vi sono annessi un bel giardino e degli orti 
chiusi dalle mura della città. 

La chiesa, che nelP insieme della sua costru- 
zione risente del carattere barocco dell' archi- 
tettura del settecento, ricca di stucchi e di ador- 
namenti, è nel suo insieme graziosa ed elegante. 
AlPaltar maggiore è una tavola dipinta da Igna- 
zio Hugsford rappresentante S. Francesco di 
Sales al quale la chiesa è dedicata. Agli altari 
laterali sono due quadri che rappresentano il 
Crocifìsso con S. Andrea Corsini e S. Francesco 
di Chantal e la Visitazione di Maria. Taluno 
attribuisce questi due dipinti al Pucci discepolo di 
Domenico Gabbiani, altri a Giuseppe Grifoni me- 
diocre pittore fiorentino dei primi del settecento. 

Quarata in Val d'Ema. 

La lunga e frastagliata valle in mezzo alla 
quale serpeggia il torrente Ema, che ha le sue 
scaturigini ai piedi dei poggi di Montescalari e 
di Cintoja, costituisce una delle più pittoresche 
e ridenti contrade del territorio fiorentino. 



l'illustratore fiorentino 



15 




I monti e le colline che la fiancheggiano, ora 
allontanandosi per renderla ampia ed aperta. 



16 l'illustratore fiorentino 

ora stringendosi da lasciare appena libero i] 
corso alle limpide acque del torrente, i piani 
che si distendono sulle due rive sono ubertis- 
simi, coperti di fiorente vegetazione, sparsi di 
borghi e di villaggi ed offrono una serie non 
interrotta di paesaggi variatissimi e ricchi di 
splendide bellezze naturali. 

In uno dei punti più ampii ed al tempo stesso 
più ameni e più variati di questa valle si di- 
stende il villaggio di Quarata, dominato dal pog- 
getto sul quale appaiono colla loro massa irre- 
golare le case del vecchio castello e gli avanzi 
di una rocca che per la sua giacitura doveva 
essere un giorno un potente istrumento di guar- 
dia e di difesa. 

Le vicende storiche di Quarata sono comuni 
a quelle di un'antichissima e potente famiglia 
fiorentina, i Quaratesi che originari di questo 
luogo dal quale trassero il loro nome, ne furono 
anche per lungo tempo i possessori. 

Ghibellini dapprima e dichiarati dei grandi 
esercitarono lungamente il loro dominio nell'alta 
valle dell' Ema insieme agli Scolari e soltanto 
nel XIV secolo, quando rinunziando alla loro 
nobiltà si fecero di popolo, poterono partecipare 
alle magistrature del popolare governo della 
Repubblica. 

A Quarata tutto ricorda ancora la potenza e 
la ricchezza di questa famiglia, per quanto essa 
dopo il XVI secolo non avesse conservato nel 



l Illustratore fiorentino 17 

suo luogo di origine che i diritti di patronato 
sulle chiese da lei fondate. 

Un giorno, oltre air ampio e gagliardo cas- 
tello che chiudeva fra le sue forti mura il pa- 
lagjo signorile dominato dalla fortissima torre, 
oggi scapezzata e quasi cadente, essi possede- 
vano numerose ville, poderi, boschi e vasti beni 
di suolo che si estendevano nei piani dell' Ema 
e sulle pendici dei poggi. 

Il villaggio di Quarata ebbe un giorno due 
chiese parrocchiali: quella di S. Bartolommeo, 
tuttora esistente e quella di S. Michele Arcan- 
gelo che era la chiesa del castello. La prima 
è affatto rimodernata e del suo antico corredo 
artistico serba soltanto un bel gradino o pre- 
della d'altare della maniera dell'Angelico ed 
un ciborio di marmo adorno di eleganti deco- 
razioni e degli stemmi dei Quaratesi e dei Bar- 
badori. 

La chiesa di S. Michele, piccola di propor- 
zioni, colle mura di pietra, ha il carattere delle 
congeneri fabbriche sorte poco dopo il mille; 
ma da parecchi anni è profanata e serve ad 
uso di capanna. 

Caratteristico e pittoresco è V insieme del 
vecchio castello: delle mura gagliarde che lo 
cingevano rimangono pochi avanzi, la torre del 
cassero è scapezzata e squarciata dai fulmini ; 
ma il palagio signorile, la chiesa ed altri fab- 
bricati, oggi ridotti a case coloniche, serbano 



18 



L'ILLUSTRATORE FIORENTINO 



ampie tracce della loro robusta e severa co- 
struzione medievale. Nel castello di Quarata 
esisteva uno dei tanti spedale tti per i pellegrini : 
eia stato fondato nel 1433 da Francesco di An- 
drea Quaratesi ed aveva annesso anche un ora- 
torio. 

Il castello, che riunisce in se tutti i vecchi 
ricordi di quella potente famiglia alla quale ap- 
partennero personaggi illustri come Castello che 
fu uno dei cittadini più ricchi e più munificenti, 
Messer Giorgio letterato e rettore dello Studio 
di Padova, passò dai Quaratesi in proprietà 
nella famiglia Serzelli. 

Oggi tutto il caseggiato, colla torre vicina, 
appartiene ai Marchesi Viviani Della Robbia. 



&gr s.j^g ° <r^ss? 



NOTIZIE DEL MESE DI FEBBRAIO 



Il Ponte di S. Trinità. 

Dei quattro ponti in muratura che nell'interno 
della città attraversano l'Arno quello di S. Trinità 
è di costruzione più recente ; ma è altresì il più 
bello ed il più elegante per la maestosità del suo 
insieme, la curva ardita e armoniosa dei suoi archi, 
per il gusto squisito delle sue decorazioni. E non 
solo questo ponte vince per i suoi pregi d'arte gli 
altri tre di Firenze ; ma per comune consenso di 
qlianti critici d'arte ne hanno parlato, esso deve 
considerarsi come una delle più perfette opere di 
tal genere sorte dopo il periodo del rinascimento. 

Intitolato dalla vicina chiesa di S. Trinità, an- 
tica Badia dei Vallombrosani, un primo ponte 
venne edificato nel 1252 in faccia alla principale 
delle vie d'Oltrarno, chiamata dapprima via Mag- 
giore e poi Via Maggio e secondo quanto narrano 



20 l Illustratore fiorentino 

il Villani e gli altri antichi cronisti fiorentini sorse 
specialmente per le premure e per le concessioni 
fatte da Messer Lamberto Frescobaldi il quale 
insieme ad altri delle sua famiglia possedeva case 
e palazzi incorporati più tardi nella fabbrica del 
convento dei Missionari (1). 

Ma questo primo ponte ebbe poca durata, per- 
chè la piena del 1260 lo abbattè e nell'anno stesso 
venne riedificato. Si afferma che del secondo 
ponte fossero autori quei Frati Sisto e Ristoro 
architetti valenti che lavorarono alla fabbrica 
di S. Maria Novella; ma documenti che valgono 
a provarlo non ne esistono. 

Nemmeno questo secondo ponte potè resistere 
alla furia della terribile piena del 1333, la quale 
empì di rovine tutta la città ed abbattè anche gli 
altri ponti e non potendosi immediatamente ripa- 
rare a tanti disastri si provvide per il comodo 
delle persone a gettare fra questo e quello della 
Carraia un ponteprovvisorio di legname. Nel 1342 
si nominò una balìa di cittadini perchè studiasse 
il modo di rifabbricarlo e difatti nel 1346 si pose 
mano al lavoro. 



(1) La piazza che tuttora s ; intitola dei Frescobaldi era 
circondata tutt' all' intorno dalle case di questa famiglia. Sul- 
l'angolo del Borgo di S. Iacopo si vedono tuttora le tracce di 
un grandioso palagio medievale che serba ancora gli stem- 
mi de ? Frescobaldi. Dall'opposto lato era la loggia familiare 
della quale sussiste solo un pilastro con ricco capitello a 
fogliami. 



L 7 ILLUSTRATORE FIORENTINO 



21 



Taddeo Gaddi, pittore e architetto che aveva 
già riedificato con grande magnificenza il Ponte 




Vecchio, pur esso smantellato dalla terribile piena, 
diresse anche la fabbrica del nuovo ponte che forse 



22 l'illustratore fiorentino 

rimase incompleto e disadorno, perchè in certe 
provvisioni del 1415 si parla di abbellire ed or- 
nare il Ponte di S. Trinità. 

Anche l'opera del Gaddi non potè sostenere 
F impeto furioso del fiume ed il ponte cadde per 
r ultima volta nel 1557 (1). 

Cosimo I dispose immediatamente a che esso 
venisse ricostruito ed a Bartolommeo Ammannati, 
uno dei suoi architetti favoriti ordinò di far sì 
che esso, oltre che solidissimo, fosse anche ele- 
gante di forme e ricco di adornamenti. 

Ed il valente artista ben corrispose alla fidu- 
cia del sovrano, perchè immaginando il ponte 
assai elevato dal letto del fiume, con ampie luci 
appoggiato a gagliardi piloni, ottenne il primo e 
più importante scopo, quello della solidità; men- 
tre neir adornarlo impiegò tutto il gusto arti- 
stico che gli era proprio. Il lavoro condotto colla 
massima energia e senza risparmio fu compiuto 
neir anno 1559 e vuoisi costasse la somma di 
238,000 lire toscane. 

A maggior vaghezza e ricchezza dal ponte 
furono poste alle sue quattro estremità, sopra ad 

(1) NelP inondazione del 1557 insieme al ponte cadde an- 
che una chiesetta dedicata a S. Michele che sorgeva sulla 
coscia del ponte stesso dal lato settentrionale, in faccia alle 
case dei Gianfigliazzi. Cotesta chiesetta, che era adorna di 
pitture, apparteneva ai monaci di S. Trinità ai quali Y ave- 
vano donata nel 1323 a Niccolosa del quondan Buggeri e 
Margherita di Giovanni da Mangona. 



l'illustratore fiorentino 23 

eleganti basi, le statue rappresentanti le quattro 
stagioni che secondo un ricordo del tempo ven- 
nero scoperte nel 1608. Giovanni Caccini scolpì 
le figure della Primavera e dell'Autunno, il Fran- 
cavilla eseguì quella dell' Estate e Taddeo Lan- 
dini quella dell' Inverno. 



Come si viaggiava da Pistoia a Firenze nei secoli 
decimoterzo, decimoquarto e decimoquinto] 

Le relazioni che correvano tra Pistoia e Fi- 
renze negli ultimi tre secoli del Medio Evo, 
avuto riguardo ai tempi, erano assai frequenti, 
ed erano determinate da ragioni molto varie. 

Soprattutto lo svolgimento dei negozi politici 
e dei rapporti commerciali, in secondo luogo la 
cura ed il disbrigo d'interessi religiosi, econo- 
mici, familiari, artistici ecc. richiamavano i 
pistoiesi con una relativa frequenza a Firenze. 

Le vie di comunicazione tra Pistoia e Firenze 
erano in gran parte diverse dalle attuali. Esse 
erano inoltre più anguste, più tortuose', e meno 
ben tenute che le strade odierne. A cura degli 
ufficiali pubblici addetti al mantenimento delle 
vie, esse erano tenute alte, colme nel mezzo, e 
« inghiarate al modo fiorentino » (1). 

(ì) Archivio Comunale di Pistoia. Provvisioni. Filza LXIII. 
À. e. 24. 



24 l'illustratore fiorentino 

Queste strade di comunicazione furono tre. La 
prima moveva da Pistoia e costeggiando le col- 
line passava per il Montale e Prato, e fino a 
questa città seguiva in molta parte il trac- 
ciato della odierna via montalese. La seconda 
moveva da Pistoia, seguitava nel piano verso 
Agliana e Prato, e da Prato per Campi a Firenze. 
La terza, che era la più frequentata, da Pistoia 
per il Poggio a Caiano faceva capo a Firenze. 

In Italia, fino verso il termine del secolo deci- 
moquarto V unico modo di viaggiare fu quello di 
recarsi a cavallo al luogo, che era la meta del 
viaggio stesso. Verso la fine di quel secolo inco- 
minciò a introdursi Fuso di viaggiare in cesta (1), 
ma tale modo di trasporto fu limitato quasi es- 
clusivamente per il trasferimento di persone am- 
malate, o di persone alle quali, o non era pos- 
sibile, o riusciva malagevole il cavalcare. 

Cosi pure il viaggio tra Pistoia e Firenze, 
nell'età medioevale, si faceva esclusivamente 
per mezzo di cavalcature. 

I pubblici ufficiali, come il Potestà ed il Capi- 
tano del popolo e le loro corti, il Vescovo, e le 
famiglie più ricche tenevano a loro disposizione 
nelle stalle di loro proprietà, un certo numero 
di cavalcature per le occorrenze di gite e di 
viaggi. Avevano per questo un dato numero di 
cavalli e muli da insellare, come ne tenevano 

(1) La cesta era una specie di piccola carrozza mezza co- 
perta, e talora con un piccolo mantice al davanti. 



l'illustratore fiorentino 25 

altri per trasporto a basto di bagagli, masseri- 
zie, od altro. 

Per il servizio delle persone che avevano mi- 
nore possibilità di spendere vi erano coloro che 
davano i cavalli o ronzini, i muli, e gli asini « a 
vettura », classe di esercenti, che oggi si direbbe 
dei noleggiatori di animali da trasporto. A questa 
classe appartenevano vetturali propriamente 
detti, i maniscalchi e gli albergatori. Queste due 
ultime classi di persone, oltre all'esercizio delle 
arti particolari, cioè della ferratura degli ani- 
mali e dell'esercizio degli alberghi, solitamente 
facevano pure quello del noleggio degli animali 
da cavalcare, e degli animali pei trasporti a 
soma. Il noleggio delle bestie, (pur rimanendo 
a carico di chi se le assumeva la cura e la spesa 
della loro alimentazione) si faceva a giornata, e 
la spesa del noleggio variava a seconda dei tempi, 
e a seconda del genere degli animali noleggiati. 

Dai documenti amministrativi del Capitolo 
della Cattedrale di Pistoia si rileva, come nella 
seconda metà del secolo decimoterzo si poteva 
a Pistoia noleggiare una cavalcatura per un 
viaggio di andata e ritorno a Firenze, pagando 
al noleggiatore un compenso di quattro o cinque 
soldi al giorno (1). 

(1) Per non ingombrare il testo di soverchie citazioni, per 
la parte generale di questo nostro studio ci possiamo rife- 
rire alle filze amministrative del Capitolo della Cattedrale 
e del Vescovado di Pistoia^ a qualche filza amministra- 



26 l'illustratore fiorentino 

Nel secolo decimoquarto la richiesta del com- 
penso andò ad aumentare, e dalle filze ammi- 
nistrative capitolari, come da quelle del Mona- 
stero di Monteoliveto di Pistoia, si può desumere 
che il compenso richiesto per ogni animale da 
cavalcare e per ogni giornata crebbe fino a sette 
soldi al giorno, senza comprendere in questa 
somma le spese di nutrizione della bestia. 

Nel secolo decimoquinto la spesa per il noleg- 
gio delle cavalcature crebbe ancora. I cavalli 
e muli per cavalcatura si davano da otto fino 
a dieci e undici soldi al giorno, a seconda della 
qualità delle cavalcature, ed a seconda dei di- 
versi periodi di quel secolo, poiché anche al- 
lora i prezzi di ogni genere andavano colP an- 
dare degli anni ad aumentare. Il noleggio de- 
gli asini per cavalcature però si mantenne assai 
basso, non più di cinque soldi al giorno. 

La spesa per la biada delle cavalcature du- 
rante il viaggio era minima: non più di due o 
tre soldi al giorno : così pure la spesa dello 
scotto per il cavaliere all'osteria del Poggio a 
Caiano o di Campi, a seconda della strada pre- 
scelta, riusciva molto modesta. Così una volta 

tiva di conventi della città stessa, ed ai ricordi familiari di 
alcuni pistoiesi contemporanei. Intorno alle spese dei viaggi 
da Pistoia a Firenze possono essere utilmente consultati i 
documenti pubblicati da Pèleo Bacci in appendice all'articolo 
suo: La Trinità del Pesellino nella National Gallery di Londra. 
(Rivista d'Arte, anno II, n. 9). 



l'illustratore fiorentino 27 

nel 1426 notasi « per mangiare alPalbergo soldi 
due e denari otto » ; altra volta nel 1484, « per 
bere all'osteria alla tornata col compagno da 
Firenze soldi dui « ed altra volta pure nel 1484 
è notata la spesa di « soldi sei per un desinare 
a Campi per me et pel sacrestano quando an- 
damo a Firenze ». Se poi si trattava dell' allog- 
gio per la notte e del nutrimento per il cava- 
liere e per il cavallo il pagamento dello scotto 
si aggirava dai tredici ai sedici soldi (1). 

A coloro che da Pistoia si recavano in quei 
tempi a Firenze per la via del Poggio a Caiano 
occorreva traversare il fiume Arno con la nave, 
e dovevano per questo passaggio pagare il pe- 
daggio nella somma di due a tre soldi (2). 

Quando poi il viaggio da Pistoia a Firenze ve- 
niva fatto di notte, i cavalieri si munivano di lan- 
terne, ed al Poggio a Caiano essi trovavano una 
beccheria, dove all'occorrenza potevano rifornirsi 
di candele di sevo per illuminar meglio la strada (3). 

(1) Archivio del Seminario di Pistoia. Libro di uscita del 
Monastero di S. Benedetto di Pistoia (1421-1456), A e. 112, 

— Idem. Libro di uscita del Monastero di S. Benedetto di 
Pistoia (1481-1502), A e. 34 e 41. 

(2) Archivio del Seminario di Pistoia. Libro di uscita del 
Monastero di S. Benedetto di Pistoia, (1481-1502), A e. 34. 

— Idem. Libro d'uscita dello stesso Monastero, fL421-1456), 
A e. 35 — Idem. Libro di uscita dello stesso Monastero, 
(1406-1421) A e. 137 e 139. 

(3) Archivio della Curia Vescovile di Pistoia. Giornale 
delle spese del Vescovado. (1491-93), Ac. 52. 



28 l'illustratore fiorentino 

Arrivati i viaggiatori pistoiesi a Firenze, quan- 
do non avessero avuto alloggio in case private? 
essi dovevano recapitare ad un albergo. Ben 
difficilmente i ricordi amministrativi e familiari 
serbano il ricordo degli alberghi di Firenze dove 
i pistoiesi andavano ad alloggiare : ci indicano 
questi ricordi più facilmente il tempo della di- 
mora in Firenze e la spesa dell' alloggio dei 
viaggiatori pistoiesi. 

La spesa delP alloggio in Firenze, compreso 
la biada per il cavallo ed il vitto per il cava- 
liere non soleva essere superiore ai 15 o 20 soldi 
al giorno (1). 

Degli alberghi fiorentini frequentati dai pi- 
stoiesi ne abbiamo trovati indicati due, l'albergo 
della Copa in un documento dell'anno 1352 (2ì, 
e l'albergo della Campana in un ricordo ammi- 
nistrativo dell'anno 1421 (3). 

Non siamo in grado però di potere determi- 
nare dove questi alberghi fossero situati. 

Alberto Chiappelli 



(1) Idem. Libro di entrata e uscita del Vescovado di Pi- 
stoia (1421-1422), Ac. 101 e 103. 

(2) Archivio Capitolare di Pistoia. Libro di entrata e uscita 
del Capitolo di S. Zeno di Pistoia per Panno 1352, A e. 28. 

(3) Archivio della Curia Vescovile di Pistoia. Libro di en- 
trata e uscita del Vescovado di Pistoia. (1421-1422), A e. 101. 



l/lLLUSTRATORE FIORENTINO 29 



Il riposo festivo — Nulla di nuovo sotto il Sole. 

Oggidì che una legge senza capo né coda, ha 
rimesso in vigore il riposo festivo, non sarà 
inopportuno il rendere di pubblica ragione la 
supplica di un lasagnaro di Mercato Vecchio, di- 
retta all'Ordinario Fiorentino col fine di otte- 
nere il rimborso di una contravvenzione ai bandi 
ecclesiastici fattagli dagli esecutori di giustizia, 
per aver tenuto aperto lo sportello della sua 
bottega in giorno festivo. 

Ill.mo et R.mo Monsig.re 

Die 10 Martj 1619 

(Stile Fiorentino) 

Nicolaio di Luca Cini lasagnaio in Mercato vecchio hum i 
lis.° Servo di V. S. 111. ma et R.ma la viene a pregare che 
p l'Amor di Dio gli vogliate far grati a che possa tenere i 1 
suo sportello aperto, cioè quello dove sta la rete, insieme 
con il pane, che è braccia dua e mezzo di lunghezza in circa, 
braccio uno in circa di altezza acciò lui possa tenere fuora 
il suo pane conforme à che tengano nove, o ver dieci bot- 
teghe, che sono in Mercato vecchio, e glie ben ver questo, 
che questi tali tengano le lor ; Botteghe serrate ma il pan- 
fuora per che in quelle Botteghe tengano più sorte Robe, che 
in giorno di festa non glie concesso star ' aperta. Ma io, 
che non tengo se non Pane e Paste la vengo a' pregar p 
l'Amor di Dio farmi tal gratia, e farmi restituire li mia 
cinque scudi pe quali io ne fui gravato e di tal grat. ne 
terrò obligo perpetuo pregandolo dal Sig Dio ogni sua mag- 
gior felicità e grandezza. 

F.o Nicolaio sopraddetto di mano propria. 



30 L T ILLUSTRATORE FIORENTINO 

Mentre il supplicante non venda altro, che pane, et pastumi 
se li fa gratia possa tenere il suo sportello aperto dove sta la 
rete, con che non possa tenere a mostra altro che pane, et 
quanto alla condonatione habbia gratia eccetto però di 
quello, che hanno havuto li Esecutori et il Camarlingo gli 
restituisca il restante, questo dì 5 di Marzo 1619 ab incar- 
nati one. 

L'Arcivescovo di Firenze 
(«$♦ Piero Niccolini) 

Giù per su, sempre la stessa minestra ! 

P. M. Del Eosso 



Le Stufe o Bagni. 

A tempo de' Romani erano a Firenze nume- 
rosi edifizi ad uso di terme o bagni dei quali 
in epoche diverse si sono ritrovati i resti nel 
sottosuolo. Le terme Romane, che in generale 
sorgevano in vicinanza delle porte della città, 
erano ampie, ricche di comodità e di annessi 
e doviziosamente adornate. 

In tempi posteriori non cessarono di esistere 
a Firenze congeneri edifizi, che si chiamarono 
Stufe, per uso dei cittadini i quali dovevano 
pagare una tassa, o diritto d ? ingresso ai pro- 
prietari o affittuari. 

Di alcune di queste stufe abbiamo trovato ri- 
cordo nei libri del Catasto. 

Nella via che tuttora si chiama della Stufa, 
vicino a S. Lorenzo, esistevano nel 1427 (vedi 



l/lLLUSTRATORE FIORENTINO 31 

Gonfalone Lion d'Oro) la stufa degli uomini che 
era posseduta per metà da Lorenzo d' Andrea 
Della Stufa e per l'altra metà del di lui fra- 
tello Lotteringo e la stufa delle femmine che ap- 
parteneva a Giovanni di Lorenzo Della Stufa. 

Un' altra stufa della quale abbiamo memoria 
fino da' primi del XIV secolo era nella Via del 
Ramerino, oggi compresa nel Borgo Allegri e 
cotesto tratto di strada si chiamava, per distin- 
guerlo dall'altro nel popolo di S. Lorenzo, Via 
della Stufa da S. Simone. 

Nel chiasso degli Erri, stradella oggi sop- 
pressa che sboccava in Via Porta Rossa, era la 
stufa detta di Porta Rossa che apparteneva ai 
Davanzati. 

Un' altra stufa, più importante e forse anche 
più elegante e più frequentata, era prossima alla 
chiesa di S. Michele Berteldi, oggi S. Gaetano, 
e sorgeva isolata in mezzo ad una piazzetta 
ora soppressa, chiamata piazza Padella. 

Nel 1427 la troviamo appartenente a Lippozzo 
di Cipriano Mangieri di antica e cospicua fami- 
glia fiorentina che allora abitava a Vico Pisano. 
La stufa era tenuta a pigione da un tal Sandro 
di Matteo. Più tardi essa passò in proprietà dei 
Marchesi Obizzi di Ferrara e mentre era prima 
detta la Stufa di S. Michele Berteldi si disse 
dipoi la Stufa degli Obizzi. Nel 1561 la teneva 
a fìtto « Domenico torniajo al Ponte vecchio che 
vi tiene un garzone a parte del guadagno ». 



l Illustratore fiorentino 



Bernardo di Francesco maestro di vetri. 

Fra i numerosi artisti che nel XIV e XV se- 
colo si occupavano della dipintura delle fine; 
stre delle chiese era Bernardo di Francesco che 
in una sentenza del 1436 troviamo indicato come 
Bernardum olim Francisci pictorum fenestra- 
rum vitrei. 

Egli lavorò specialmente alle finestre di S. 
Maria del Fiore, valendosi dei cartoni preparati 
da Paolo Uccello, Andrea del Castagno e Do- 
menico del Ghirlandaio. 

Nel 1437 egli fece un finestrone alla cappella 
maggiore della chiesa di S. Ambrogio per com- 
missione di Francesco d'Antonio Meringhi ret- 
tore e conservatore del monastero ; ai termini 
del contratto egli doveva fare quattro finestre 
grandi con ornamenti e fregio. 

Nella riduzione di quella chiesa ad altra forma 
il finestrone andò distrutto. 



NOTIZIE DEL MESE DI MARZO 



La carestia del 1340. 

Dagli Annali di Simone Della Tosa, che vanno 
dal 1196 al 1346, togliamo queste notizie rela- 
tive ad una carestia che unita a mortalità gran- 
dissima desolò Firenze nel 1340. « Nel detto 
anno, di marzo, fu in Firenze e nel distretto 
grandissimo caro di pane, e mortalità di gente, 
che cadevano morti per fame, che non se ne 
trovava per denari; e per Firenze e fuori 
delle porte per i cittadini si feciono in più luo- 
gora canove di pane a vendere per lo co- 
mune e popolo, e faceasi pane inferigno a ra- 
gione di soldi 50 lo staio, e non se ne potea 
avere più che due pani per persona avendo 
denari in mano. E noto, che la Compagnia della 
Misericordia ne sotterrò in questo mese di marzo 
300 poveri; le fave valse lo staio soldi 9, lo 



34 l'illustratore fiorentino 

staio dell'orzo fiorini 28, la spelda 16, la sag- 
gina soldi 8. E tutti i poveri e infermi delle cir- 
costanze trassero... E d'aprile tuttala città di Fio- 
renza si commosse, rammaricandosi di questa 
fame, perocché le genti... (giravano ?) per le vie 
quasi come morti, onde i mercatanti di Firenze 
ebbero grande paura di non essere... {derubati ?): 
s'acchetò il fatto e non fu nulla ». 



Contributo alla Storia della Badia a Settimo 

Controversia col Comune di Firenze per i mu- 
lini e pescaia del monastero, presso il Ponte a 
Signa a Gangalandi. 

Da molte carte dell' antica Badia a Settimo, 
che si conservano nell'Archivio di Stato di Fi- 
renze, appariscono i rapporti di varia indole 
corsi tra la Badia stessa e il Comune fiorentino : 
e tra le carte cistercensi provenienti dal mona- 
stero di Cestello si trova un « Rotolo in carta- 
« pecora contenente Paffare della demolizione 
« dei mulini e pescaia del monastero di Settimo, 
« posti presso il ponte a Signa a Gangalandi ». 

Dall'esame di questi documenti risulta che gli 
uffiziali del Comune deputati a trattare su tale 
argomento con l'Abate di Settimo secondo la 
provvisione del 27 marzo 1319, ordinano con 
altra provvisione del successivo 12 maggio che 
per riparare dalle inondazioni le terre circon- 



l'illustratore fiorentino 35 

vicine alla pescaia suddetta, essa sia totalmente 
distrutta insieme coi suoi mulini, e solo si lasci 
illesa sotto la proprietà e dominio del mona- 
stero, la casa nella quale essi son posti insieme 
con tutto il legname e attrazzi spettanti ai me- 
desimi, ed in ricompensa stabiliscono la somma 
di 5500 fiorini d' oro da pagarsi al medesimo 
monastero, prima che dal Comune di Firenze 
si ponga mano all'ordinata demolizione ». 

« I monaci, per mezzo di D. Girolamo e di 
D. Andrea, procuratori, promettono di mai più 
rifabbricare alcuna pescaia dal luogo della pre- 
detta fino al fiume Bisenzio : riserbano però al 
monastero la facoltà di fabbricare una pescaia 
di giuncheto o di pezzuola, la quale abbia la 
distanza solita dalla salita alla discesa delle 
acque, cioè di due braccia e i / 4 nell'altra di pez- 
zuola, e promettono, in caso che l'altezza della 
medesima fosse maggiore o minore, di pagare 
oltre al doppio di quello di cui si tratterà 10 m 
fior, d' oro in pena ; dei quali la metà sia devo 
luta al Comune di Firenze, e l'altra metà alla 
chiesa romana ». 

« In conseguenza dell'antecedente provvisione 
fu vinta nei consigli del Comune, secondo la 
.forma consueta, il di 24 maggio dell'anno me- 
desimo, un'altra deliberazione dei Priori delle 
Arti e del Gonfaloniere di Giustizia, con la quale 
si concedeva agli ufflziali predetti deputati alla 
demolizione, ampia facoltà di tassare nel modo 



36 l'illustratore fiorentino 

più proprio, i Comuni e popoli di Signa, di 
Campi, di 8. Donnino e li altri ai quali spettava 
il vantaggio di questa demolizione, ad effetto 
di raccogliere la precitata somma di 5500 fio- 
rini e le altre spese che occorrerebbero air e- 
secuzione ». 

La deliberata demolizione incontrò peraltro 
difficoltà, poiché nell'Archivio Cistercense, tro- 
viamo, in data del 17 marzo 1321, un monito- 
rio di scomunica nel termine perentorio di tre 
giorni « fatto dal Capitolo della Chiesa fioren- 
tina allora vacante, a Guido da Corrigia, capi- 
tano di- parte Guelfa in Firenze, ai suoi giudici 
ed ai dodici buonuomini, perchè tralascino di 
demolire la pescaia e mulini del monastero di 
Settimo posti sotto al ponte di Signa, né mole- 
stino per questa parte il monastero medesimo ». 

Nel 27 marzo del 1331, furono però deputati 
« a demolire tutte le pescaie e mulini dal ponte 
a Signa, fino alla serra di Capraia, Marco di 
Rosso Strozzi, Naldo di Cenni, priore di S. Bar- 
tolo e Rinieri Peruzzi. Ma si oppone franca- 
mente D. Andrea Abate di Settimo e protesta 
per mezzo dei suoi procuratori, che non pos- 
sono esser compresi nella demolizione i mulini 
e le pescaie del monastero, fuorché nel modo 
in cui era stato convenuto con il Comune di 
Firenze ». 

Al seguito di questa protesta « fu vinta nei 
diversi consigli del Comune un' altra delibera- 



i/ ILLUSTRATORE FIORENTINO 37 

zione dei Priori, con la quale restava fissato 
che la ricompensa da darsi al monastero di 
Settimo per le pescaie e i mulini del medesimo 
fosse di fiorini 3500 e non più, e che dopo tale 
approvazione fossero immediatamente distrutti 
i mulini e pescaie predetti, nel termine di otto 
giorni, dal monastero medesimo e, dopo questo 
termine dai predetti Marco Strozzi, Naldo di 
Cenni ed altri deputati, a 7 quali è concessa am- 
pia facoltà di imporre ai popoli e comuni, che 
hanno interesse in detta demolizione, avendo 
considerazione ai loro beni per la somma pre- 
detta e per il restante delle spese. Si ordina 
parimente che si deputino alcuni camarlinghi 
che riscuotano le somme della predetta tassa- 
zione e le passino ai camarlinghi della Camera 
i quali paghino la detta somma ai monaci della 
Badia, ricevuto prima il giuramento di conver- 
tirli in altrettanti beni. E per dare una sicu- 
rezza al predetto monastero ipotecano al me- 
desimo per fino al pagamento di detta somma, 
il Poggio di Semifonte con le sue pertinenze 
ed otto tavole poste in Mercato Nuovo appar- 
tenenti al medesimo Comune. Infatti il procu- 
ratore della Badia nel 31 luglio prende possesso 
delle tavole, le quali sono descritte nei suoi con- 
fini e fa riconoscere il monastero dai condut- 
tori delle medesime ». 

I monaci di Settimo possederono pacifica- 
mente il poggio di Semifonte e le botteghe, 



38 l'illustratore fiorentino 

banchi (o tavole) di Mercato Nuovo fino al- 
l'anno 1340. 

In quell'anno troviamo neir Archivio di Stato 
di Firenze, con la data da Siena del 12 giugno, 
una lettera monitoria di « Francesco pievano 
di S. Bartolommeo a Pentolina, diocesi Senese, 
come subconservatore dei beni, diritti e privi- 
legi del monastero di Settimo, deputato da Do- 
nusdeo vescovo di Siena, diretto contro gli uf- 
fiziali della Torre, perchè nel termine di 9 giorni 
dopo la presentazione della lettera, abbiamo re- 
stituito al detto monastero il poggio di Semi- 
fonte e le otto tavole in Mercato Nuovo asse- 
gnate al medesimo in ricompensa della pescaia 
e mulini tra Signa e Gangalandi distrutti per 
ordine del Comune di Firenze ». 

Non sembra però che tale monitorio produ- 
cesse effetto, poiché nello stesso anno 1340 a di 
14 di novembre leggiamo una « provvisione dei 
Priori delle Arti, e del Gonfaloniere di Giusti- 
zia insieme con V Ufficio dei Dodici Buonomini, 
nella quale ordinano che il milite Iacopo Gab- 
brielli da Gubbio, Capitano generale di guerra 
del Comune di Firenze, dichiari cassa e nulla 
rassegnazione del poggio di Semifonte e di otto 
tavole in Mercato Nuovo, fatta dal Comune di 
Firenze in ricompensa dei mulini e pescaie de- 
molite nel fiume Arno presso il ponte a Signa 
e Gangalandi, e ritornare il Comune di Firenze* 
nel possesso di detti beni, sì perchè tale asse- 



l/lLLU8TRAT0RE FIORENTINO 39 

gnazione è pregiudicevole al Comune medesimo, 
sì perchè avendo l'Abate di Settimo avuti dal 
Comune fiorini 600 per declinare e rimettere 
nel corso naturale le acque del fiume Arno dalla 
parte dei muri di Firenze, le quali cagionavano 
inondazioni alla porta di S. Frediano, aveva 
tralasciato di eseguire come aveva convenuto ». 

Nel successivo 9 Dicembre, come ci attesta 
un'altra carta del suddetto Archivio « avvenne 
T accesso personale del capitano generale di 
guerra alle tavole o banchi di cambisti sopran- 
nominate e il possesso preso delle medesime; 
ed inoltre l'accesso di un uffiziale del predetto 
capitano generale al Poggio di Semifonte ed il 
possesso presone per il Comune di Firenze ». 

Nel « Rotolo in cartapecora » citato da prin- 
cipio è memoria che nel 25 dicembre 1340 « gli 
uffiziali deputati sopra i beni e diritti del Co- 
mune, detti volgarmente della Torre, ricevono 
da Danza del fu Bernardo del popolo di S. Pietro 
a Petrognano e da Gherardo del fu Gerbino 
della pieve di S. Giorsolè, affittuarii del Poggio 
di Semifonte, la concessione di ritenerlo per il 
Comune medesimo ». 

Peraltro devono aver prevalso propositi di 
trovare un accomodamento, poiché leggiamo che 
nell'anno 1341 a dì 31 di maggio, il già ricor- 
dato Francesco pievano di S. Bartolommeo a 
Pentolina della diocesi senese, sempre « subcon- 
servatore dei diritti, privilegi e beni della Badia 



40 i/lLLUSTRATOKE FIORENTINO 

di Settimo, deputato da Donusdeo vescovo di 
Siena, revoca i monitori e sentenze di scomu- 
nica, fulminate contro gli uffiziali della Torre 
del Comune di Firenze, per cagione del Poggio 
di Semifonte e delle otto tavole in Mercato 
Nuovo tolte ultimamente a detta Badia, prò 
mettendo i detti uffiziali di convenire con essa». 

Intanto nel di 19 maggio del 1343 un « Pre- 
cetto fatto da Gualtieri duca di Atene e signore 
di Firenze ai lavoratori del Poggio di Semifonte 
e ai pensionar! delle 12 tavole in Mercato Nuovo 
già assegnate col detto poggio del Comune di 
Firenze al monastero di Cestello (sic), per de- 
creto del Comune medesimo nuovamente ritolte 
ordina agli stessi lavoratori e pensionari « che 
corrispondano le raccolte e pensioni al mede- 
simo monastero ». 

E nel 20 gennaio del 1345, « D. Angelo Abate 
di S. Galgano, diocesi di Volterra, e padre Abate 
del monastero di Settimo, dà licenza a D. Re- 
migio abate di questo di eleggere, arbitri nella 
lite tra il monastero e il Comune di Firenze 
per cagione del Poggio di Semifonte e delle do- 
dici tavole in Mercato Nuovo aggiudicate a 
detto monastero e poi ritolte e nuovamente con- 
cesse da esso Comune in compensazione della 
peschiera e dei mulini di GangalandL 

Nell'Archivio di Stato di Firenze tra le carte 
cistercensi si trova il 25 febbraio del 1345 il 
lodo che pronunziarono nella controversia in- 



L ? ILLUSTRATORE FIORENTINO 41 

sorta tra il Comune di Firenze e il monastero 
di Settimo, Lapaccio Ducei, Bartolo Sorbi, Franco 
Borghini, Schiatta Ricchi, Gìo. di Girio Del Bello, 
Borghino Taddei, Rinuccio Bonacci e Aldobran- 
dino di Lapo Tenaglia cittadini fiorentini, arbi- 
tri eletti dalle due parti, i quali decisero « che 
P Abate e i monaci predetti rilascino liberamente 
al Comune e agli uffiziali di Torre pel medesimo, 
le predette 12 tavole e ritengano il Poggio di 
Semifonte nel termine di 5 anni da incominciare 
nelle calende di marzo p.° f.° e terminato que- 
sto tempo lo rilascino pur liberamente al Co- 
mune ; che sia lecito al monastero fabbricare 
nel fiume Arno una peschiera di giuncheto ed 
i mulini annessi alla medesima, con certe con- 
dizioni riguardo alle cateratte e con patto che 
ogni volta che il Comune paghi al detto mona- 
stero 2 mila fiorini esso monastero debba de- 
molire affatto senza alcuna resistenza i detti 
mulini e peschiera. 

Posteriormente a questo lodo si trova, in data 
27 dicembre del 1345 una carta « sottoscritta 
da tutti i monaci del monastero di Settimo, con 
la quale consentono che Baronto, vescovo di Pi- 
stoia proceda a riconoscere l'affare del Poggio 
di Semifonte e delle 12 tavole nel Mercato Nuovo 
come aveva incominciato, avendo citato il Co- 
mune di Firenze come Commissario Apostolico »: 
e « una sentenza, resa nel 28 luglio del 1346, 
dal giudice collaterale del Podestà di Firenze, 



42 L y ILLUSTRATORE FIORENTINO 

a favore della Badia di Settimo, alla quale di- 
chiara dover esser rifatti i danni cagionati dalla 
depredazione o gravamento fatto da Gerio di 
Iacopo e Niccolò di Lotto sopra i mulini e in- 
frantoi della medesima, come compratori della 
gabella dei macinati, per ragione della gabella 
medesima ». 

(Archivio di Stato di Firenze — Archivio Cistercense,. 
Spogli di Pergamene, alla data). > 

A. Canestrelli. 



Il Tetto dei Pisani. 

Sulla Piazza della Signoria, di prospetto a 
Palazzo Vecchio, nel luogo dove nel periodo in 
cui Firenze fu capitale d' Italia sorse il palazzo 
oggi delle Assicurazioni di Venezia, esisteva un 
gruppo informe di fabbricati, differenti per carat- 
tere, per dimensioni, per altezza. 

Dei tratti di muraglie solide col paramento a 
bozze di pietra annerite dagli anni e dagl'incendi 
ricordavano che in quel luogo s'inalzavano un 
giorno antichi palagi ed altri edifizi di severa 
costruzione medievale. 

Nel centro di quel gruppo di fabbriche erano 
poche tracce della facciata di una chiesa ; sul 
canto di Calimaruzza aprivasi un grande atrio che 
serviva al passaggio delle corriere postali e 
sull'opposto canto, verso Via Vacchereccia, inai- 



L ? ILLUSTRATORE FIORENTINO 



43 



zava ancora la sua massa cupa e solenne una 
di quelle torri che evocavano ancora il ricordo 
lontano e penoso delle lotte cittadine. 

A pian terreno sussistevano ancora molte di 
quelle arcate di bozze poggianti su sodi o pila- 




nwann 






*" "*Q * ' v * '■ 



Il Tetto dei Pisani e la vecchia porta. 



stri che formano una caratteristica comune a 
tutte le fabbriche civili del XIII e XIV secolo. 
Bastava un semplice esame di questo disor- 
dinato insieme di costruzioni per comprendere 
com' esse fossero i resti di edifizi che furono un 
giorno parzialmente abbattuti. 



44 l/lLLUSTRATORE FIORENTINO 

E difatti una demolizione del caseggiato in- 
terposto fra Vacchereccia e Calimaruzza era 
stata iniziata per ordine del Duca d'Atene, il 
quale aveva forse in animo di dare aspetto più 
regolare e più conveniente a questo lato della 
Piazza de' Signori ; ma l'antipatico tiranno fu 
cacciato da Firenze a furia di popolo ed il la- 
voro quasi ad onta di lui, fu lasciato interrotto. 

Fu soltanto nel 1364 che per dare una siste- 
mazione qualunque alla località, la Signoria 
pensò d'utilizzare l'opera dei molti prigionieri 
pisani trasportati a Firenze dopo i disastri della 
guerra in Val d'Era, per costruire una grande 
tettoia che potesse in qualche modo dare aspetto 
meno triste a quelle rovine e servire al tempo 
stesso di rifugio a' cittadini nelle stagioni in- 
clementi. 

La lunga e sporgente tettoia, la quale non 
era in fin dei conti che una riproduzione di 
tante altre congeneri costruzioni che nelle vie 
centrali della vecchia città avevano l'ufficio di 
proteggere i fondachi e le botteghe degli artieri, 
se presentava nell' insieme un aspetto pittore- 
sco, nulla aveva di artisticamente pregevole, 
perchè sostenuta da semplici e disadorne men- 
sole di legname. 

I resti di vecchie costruzioni alle quali la tet- 
toia venne addossata ricordavano le dimore forti 
e maestose di famiglie antichissime ricordate dal 
Villani e da altri antichi cronisti ; quelle dei 






» l'illustratore fiorentino 45 

Malispini, dei Guglialferri, dei Tebalducci, de- 
gV Infangati e dei Mangiatroje. Erano per la 
maggior parte famiglie Ghibelline, quindi i loro 
beni vennero confiscati e passarono in possesso 
del comune, il quale ne concesse parte ad una 
delle più ricche fra le corporazioni delle arti, 
quella del Cambio. E fu difatti in questo luogo 
che cotest'arte creò comoda e bene adorna la 
sua residenza che corrispondeva sull'angolo fra 
la Piazza e la Via chiamata prima Calimala 
Francesca, poi Calimaruzza. 

Le altre case furono vendute e le ebbero 
varie famiglie fra le quali gli Alberti, i Te- 
daldi, i Pigli, i Baroncelli. Ai Baroncelli per- 
venne anche la torre, un giorno degr Infan- 
gati, che faceva angolo con Via Vacchereccia. 
Quasi nel centro del fabbricato fu più tardi 
dato accesso all'antichissima chiesa di S. Cecilia 
che in origine aveva la sua fronte verso un'in- 
terna piazzetta che tuttora ne serba il nome; 
ma la chiesa fu soppressa nel 1732 e distrutta 
pochi anni dopo. 

Quando la città fu provvista di un regolare 
servizio di Posta, sia per i trasporti, quanto per 
le lettere, si ridussero ad uso di questo ufficio 
tanto la residenza dell'arte del Cambio quanto 
tutte le botteghe poste al disotto della tettoia, 
aprendovi una serie di finestre per la distribu- 
zione delle corrispondenze. 

Cosi il tetto dei Pisani fu per un lungo corso 



46 l'illustratore fiorentino 

di anni la Posta delle lettere la quale vi rimase 
fino a che non si pensò a trasferirla in una 
località più comoda e più decorosa. 

Oggi, se non fosse una vecchia fotografia 
che offiamo qui riprodotta, nessuno serberebbe 
forse il ricordo di queir insieme di costruzioni 
che nella loro massa irregolare offrivano però 
un qualche cosa di originale e soprattutto di 
sommamente pittorico e di quel tetto che ram- 
mentava il triste periodo di lotte fraterne fra 
città della stessa regione. 



Tia dell'Oche. 

Sull'origine del nome di questa strada anti- 
chissima di Firenze sono state fatte diverse con- 
getture ; ma esse si basano sopra dati dubbiosi 
o erronei. I più hanno affermato che quel nome 
derivasse dalla costumanza di tenere in queste 
adiacenze nel giorno d' Ognissanti una fiera 
d'oche; ma di questa fiera non si hanno auten- 
tiche e positive notizie ; mentre la supposizione 
sarebbe contradetta dal fatto che nei più vecchi 
documenti la strada si trova denominata del- 
l'Oca, invece che delle Oche. 

Il Passerini, in certe annotazioni aggiunte allo 
Stradario manoscritto dal Follini, dice che forse 
il nome pervenne dall' Oca dello stemma della 
famiglia Ubriachi, affermando che era appunto 



l'illustratore fiorentino 47 

degli Ubriachi l'alta torre medievale che sorge 
in questa via. Ma la supposizione cade, man- 
cando la ragione di fatto : quella famiglia, che 
esulò da Firenze, ebbe le sue case Oltrarno e 
precisamente nella Via S. Spirito e la torre di 
Via dell'Oche appartenne invece fin da tempo 
remotissimo alla consorteria dei Visdomini. 

Bisogna quindi rassegnarsi a lasciare nel dub- 
bio e neir incertezza la spiegazione di questo 
nome, ciò che pur troppo accade per altre 
strade e località della vecchia città (1). 

La strada era compresa nel primo cerchio 
delle mura fiorentine e faceva capo ad una porta 
o meglio postierla, dell'esistenza della quale si 
perpetuò il ricordo con una iscrizione dipinta 
sulla cantonata dello stabile che servì di resi- 
denza allo Studio Fiorentino (2). 

Le famiglie che prime ebbero dimora in que- 
sta strada furono i Visdomini o Bisdomini ed i 
loro consorti, gli Adimari e le altre famiglie 
della loro consorteria, i Ricci, forse gli Alberighi 
ed i Tedaldini. 

Di uno dei ceppi delle case de' Visdomini che 
si estendevano da un lato fino a Via de' Cal- 

(1) In qualche portata del Catasto la strada si trova an- 
che designata col nome di Via del Cicalino. 

(2) Al disopra di una specie di stipite di porta si vede 
dipinto lo stemma del Capitolo Fiorentino e al disotto è 
l' iscrizione : Semper restituenda ac servanda antiquitaz. Oggi 
il fabbricato fa parte del Collegio Eugeniano dei chierici. 



48 l'illustratore fiorentino 

zaioli e dall'altra fino a S. Maria in Campo, fa- 
cevano parte un palazzo che tuttora conserva 
il suo carattere trecentesco e la torre massiccia 
di fianco alla quale si vede ancora, per quanto 
murata, una porta assai caratteristica coir ar- 
chitrave sorretto da delicate mensolette. 

Palazzo e torre appartennero più tardi ai Cor- 
tigiani, una delle famiglie facenti parte della 
consorteria dei Visdomini e vennero acquistati 
dall'Opera di S. Maria del Fiore per incorpo- 
rarli neir edilìzio della Canonica che ai primi 
del XV secolo venne notevolmente accresciuto. 

In una deliberazione del Magistrato dell'Opera 
in data 23 agosto 1418, si da facoltà di eseguire 
il muramento della Canonica dalla piazza di S. 
Benedetto fra le case degli eredi di Giovanni 
Tedaldini e la tórre di Bartolo Cortigiani com- 
prendendo nel nuovo recinto anche la chiesa 
di S. Pier Celorum (1). 

La consorteria degli Adimari possedeva i fab- 
bricati posti su i due lati della Via dell' Oche 
all' imboccatura di Via de' Calzaioli e dalla parte 
di mezzogiorno sorgeva la celebre loggia nobi- 
liare chiamata la Neghittosa, proprietà comune 
a tutte le numerose famiglie che costituivano 
la consorteria degli Adimari. Tutti questi edi- 
fizi, meno la loggia, toccarono nelle divise alla 



(1) La chiesa serve oggi di sede all' Archivio Capitolare 
del Duomo. 



l'illustratore fiorentino 49 

famiglia degli Alamannesehi alla quale appar- 
tenne pure Pedifizio grandioso che fu di poi 
dei Corboli, posto dirimpetto alla Via della Morte. 
Sull'angolo di Via della Morte e su quello della 
Via di S. Elisabetta, chiamata allora il Convento 
Nuovo, erano case dei Ricci. 

Sul lato meridionale della strada, oltrepas- 
sata la Via S. Elisabetta e andando verso Via 
dello Studio, erano delle case, prima dei Ricci 
poi dei Del Cittadino e quindi tre case dei Be- 
nivieni che corrispondono oggi a quelle che por- 
tano i numeri comunali 3, 5, 7. Questi Beni- 
vieni, ai quali appartennero Girolamo poeta e 
filosofo amico del Savonarola ed il fratello An- 
tonio medico celebrato, possedevano fin da tempo 
remoto in questa via una casa alla quale ne ag- 
giunsero una comprata nel 1451 da Pagolo Gilii 
e nel 1489 un' altra acquistandola da Francesco 
di Martino Alto viti nel quale era passata da 
Gostanza degli Scolari sorella del Vescovo di 
Varadino (1). 

L'edifizio attiguo alle case dei Benivieni e che 
fa cantonata sulla Via dello Studio apparteneva 
in origine ai Tedaldini, potente famiglia di parte 
Ghibellina alla quale venne confiscato per ag- 
gregarlo allo Studio Fiorentino. 

(1) I passaggi di possesso risultano dai Campioni del gon- 
falone Vajo degli anni 1427, 1469 e 1498. 



o < ^^ g ? o 



♦ ♦ ♦ 



NOTIZIE DEL MESE DI APRILE 



La funzione del fuoco santo. 

Nella chiesa dei Santi Apostoli si conservano 
alcune scaglie di pietra, dette del Santo Sepol- 
cro, le quali si costudivano in Santa Maria sopra 
Porta, prima che fosse soppressa. Secondo una 
leggenda, sarebbero state recate da Gerusalemme 
da Pazzo di Ranieri de' Pazzi quando fece ri- 
torno dalla crociata che Pp. Urbano II aveva 
bandita nell'unno 1088. 

Da queste pietre, secondo il rito, si trae il 
nuovo fuoco la mattina del sabato santo. Senza 
entrare in merito all'autenticità di esse, mi piace 
ripetere l'osservazione che altri fecero, cioè che 
il santo sepolcro non è composto di pietra si- 
lice o focaia : quindi potrebbero essere invece 
state raccolte sul monte Oliveto, dove si trovano 
sparse molte selci o pietre focaie; anzi i pelle- 



I/ILLUSTRATORE FIORENTINO 



51 




Chiesa dei SS. Apostoli — Il porta fuoco del Sabato Santo. 



52 l'illustratore fiorentino 

grini ebbero in di uso raccoglierne e recarne alle 
loro case con religiosa considerazione, essendo 
pietre dei luoghi che furono illustrati dalla pre- 
senza di Gesù. Ciò potrebbe anche riferirsi a 
qualcuno della famiglia Pazzi, o che vera- 
mente avesse preso parte alla crociata, o che 
peregrinando nei luoghi santi, avesse raccolto di 
quelle selci, le quali furono poi ritenute quali 
pietre del Santo Sepolcro. 

È incerto quando furono depositate nella chiesa 
di Santa Maria sopra Porta; antichissimo però 
è il costume di prendere il fuoco santo da que- 
sta chiesa, trovandosene memoria nel codice 
Mores et consuetudines canonicae florentinae, 
compilato nella prima metà del secolo XIII, nel 
quale si legge : . . . . hora competenti mittimus 
nuntium nostrum ad ecclesiam sancte marie 
supra portam ut cereum benedicto igne accen- 
sum hunc afferatur (1). Forse quest'uso non 
è anteriore agli ultimi anni del secolo XII, per- 
chè in un codice più antico in cui parimente 
sono descritti i riti della chiesa di Firenze, non 
se ne fa parola (2). 

Giovanni Villani che fini di scrivere la sua 

(1) Arch. dell'Op. di Santa Maria del Fiore, cod. 21, seriel. 

(2) Bibl. Riccard., Cod. 3003, A e. 34 r. è così descritta 
la benedizione del fuoco: .... Sacerdos induit alba et stola et 
pluviali vèniens cum ministris ad locum convenientem (\) cruce 
precedente benedica ignem de cristallo vel silice noviler excussum 
cum proprio officio aspergit illnm acqua benedicta et incenso* 



l'illustratore fiorentino 53 

cronaca nel 1348, essendo morto in quell'anno, 
mentre accenna al rito praticato in Gerusalemme, 
descrive quello che praticavasi in Firenze senza 
far parola della chiesa donde traevasi il fuoco 
santo: « Si benedice nelle fonti l'acqua del bat- 
« tesimo, e il fuoco ordinato ; e spandesi il detto 
« fuoco santo per tutta la città, al modo si fa 
« cea in Jerusalem che per ciascuna casa v ? an- 
« dasse uno a accenderlo, e di quella solennità 
« venne alla casa de' Pazzi la dignità che hanno 
« della grande facellina intorno qua di 140 anni 
« per un loro antico nomato Pazzo forte e grande 
« della persona, che portava maggiore facellina 
« che nulla altro ed era il primo che portasse il 
« fuoco santo, e poi gli altri da lui ». (1). 

La grande facellina non era che una grossa 
fiaccola, cui fu poi sostituito un carro col quale 
in gran pompa e festa andavano coloro della 
famiglia Pazzi a prendere per i primi il fuoco 
benedetto, il che sembra si possa arguire altresì 
dal braciere col fuoco, che vedesi in cima del 
carro disegnato nel Priorista di Luca Chia- 
ri (2) e dalle fiaccole che si vedono agli angoli 
del medesimo. 

Nella portata al catasto dell'anno 1438, si trova 
che la chiesa di Santa Maria sopra Porta aveva 
di spesa ogni anno pel cero (che) fa fare per 



(lj Cron., lib. I, cap. IX. 

(2) Bibl. Naz., Centr., Il, 1. 262, 



e. 38. 



54 



l'illustratore fiorentino 



portare elsabato sancto el fuocho benedetto a 
sancta maria del fiore el quale vi si porta hono- 
revolmente (cioè) con chompagnia di preti e colle 
trombe fiorini trenta (1). 

Nella seconda metà del secolo XV, al cero 
deve essere stato sostituito l'artistico porta-fuoco, 
ordinato dai Capitani di Parte Guelfa, i quali 
avevano il patronato di Santa Maria sopra Porta. 
È composto di tre parti distinte, riunite senza 
troppo criterio: il soggetto principale è lo stemma 
della Parte consistente in un'aquila, che tiene 
tra' suoi artigli un drago. Lo stemma è sormon- 
tato da una colomba, trattata più sommaria- 
mente e al di sotto trovasi un vaso, a forma 
di bracere, di rame dorato lavorato a sbalzo e 
fatto in modo da contenere il fuoco. 

L' aquila il drago e le volute sono di ferro 
a colori rosso e verde, che erano appunto i co- 
lori della Parte. Il porta fuòco è un insieme di 
pezzi disparati ed ha più l'aspetto di un em- 
blema politico che religioso. 

Arnaldo Cocchi 



(1) Arch. di St. Fior., Catasto Firenze e Fiesole, n. 602, 
pag. 50. 



l'illustratore fiorentino 55 



Cosimo I dei Medici gentiluomo privato. 

La politica e le cure dello Stato, le donne e 
lacaccia non occupavano né tutto iltempo,nè tutta 
la energia di Cosimo I dei Medici : egli, mente 
superiore di uomo e di sovrano, a tutto era 
presente e tutto voleva passasse dalle sue mani. 
Egli non posava un momento, e mentre o det- 
tava un ordine o un' istruzione per un suo agente 
presso i veneziani o presso il papa, o imponeva 
il nome ad una sua galera (la marina costante 
pensiero dei suoi ultimi anni) o mentre rescriveva 
bizzarramente ad una supplica (1), o mentre me- 
ditava come eludere l'ambizione dei re di Fran- 
cia o di Spagna che avrebbero voluto la To- 
scana per loro provincia, o mentre teneva dietro 
alle mosse dello Strozzi sotto Siena e faceva 
piani strategici la cui esecuzione imponeva al 
Marignano, non dimenticava le più piccole cose 
domestiche e non sdegnava informarsi magari 
del come rendevano i pollai dei suoi poderi. 

Riserbandomi ad altra occasione dimostrare 
la verità di quanto ho detto con maggior nu- 
mero di documenti, ne scelgo oggi i due che 
pubblico, i quali serviranno, almeno lo spero, 

(1) Cfr. il mio : Rescritti bizzarri di Cosimo I dei Medici 
in Erudizione e Belle Arii, fascicoli del 1900, Cortona, Tip. 
Bavagli. 



56 l'illustratore fiorentino 

a persuadere chi mi legge quanto fossero nel 
falso coloro che in un'epoca storicamente non 
lontana (1) paragonavano il grande Mediceo a 
Tiberio, tacendone ad arte le virtù, ingiganten- 
done i difetti, del resto comuni a' principi della 
sua età, e attribuendogli colpe e delitti che la 
sana critica moderna ha dimostrato non essere 
esistiti che nella nera fantasia degli evirati av- 
versari di lui. 

Il 22 agosto 1560 un Achille Falconcini, così 
scrivevagli da Portoferraio : « Questo giorno pei* 
«il Sig r Com rio di questo Porto s'è venduto a 
« Andrea da Costa della riviera di Gienova sacca 
« cinquanta di grano di quello s' è ricolto al po- 
« dere di V. E. a lire 9 soldi 10 il sacco. 

« A presso li dico che al podere predetto si è 
« ricolto sacca 400 di grano colme (2). » E il 
buon fattore finisce la sua lettera, sia « tutto 
per adviso » baciando le mani all'augusto pa- 
drone. Oh gran semplicità de' fattori del se- 
colo XVI ! 

Ma più interessante di questo è il documento 
che segue e che mi sembra perciò sia da do- 
versi riportare per intero. 



(1) Circa quaranta anni indietro allorché eravamo sco- 
lari noi nelle prime classi di ginnasio. 

(2) R. Archivio di Stato in Firenze — Archivio Me- 
diceo durante il Principato. — Carteggio Universale, filza 
486, a. e. 322. 



57 



« III.™ et Ex.™>o J). (4) 



« Benché in questo paese le vignie mostrino pochissima 
« uva tamen questa di V. E. I. ne ha ragionevolm. te E 
« perche lanno passato quel poco che si ricolse divento tutto 
« aceto causato dala stanza calda dove e si ripose pero 
« a causa che questo anno e' si conservi buono mie parso 
« di ricordar a quella con debita humilta e reverentia cho 
« e' sarebbe bene far un poco di chantina sotterra, mas- 
« sime per conservare il moscatello che ha cosj buono odore 
« come sabino quelli di Chandia e basta solo che lami fac- 
« eia intendere da qual banda la vuole che la si faccia. E 
« de danari ne habiamo abastanza. Qua sono stati venti 
« grand mi da libeccio, pur li ulivi si passano beue e aremo 
« una bella sorte di poponi vernerecci e degli altri anchora 
« e cosi de cocomeri zucherini. 

« In Antignano eie un fresco di paradiso e laqua bonis- 
« sima e ci stiamo tutti sani e molto più commodam te eh' io 
« non pensavo a L n ° non fo [per] dire. La gratia del No- 
« stro S re Gesù Christo sia sempre con V. E. I. Dantig" 
« adì 9 di luglio 1565 

« Di V. E. Ill. ma 

« Humil e fedel s. vo 
« Il Baroncello 

Fuori: Allo Ill m ° et ecc m ° sig. il sig 
[Duca] di Fior a [e] di Siena. 

Colui che si firmava in tal modo era Ber- 
nardo Baroncelli, ed occupava F ufficio di Prov- 
veditore di Livorno. Uomo che non voleva far 
torto alla sua carica, a tutto provvedeva: e pren- 

(4) R. Archivio di Stato cit. Arch. cit. Carteggio cit. 
Filza 516bis a. e. 672. 



58 l'illustratore fiorentino 

• 

dendo esempio dal suo Duca, sebbene ridotto 
il paragone in proporzioni minuscole, se oggi 
erano le vigne o gli uliveti di Antignano che 
lo occupavano, domani poteva, a scrivere al suo 
Signore, esser mosso da una grave notizia po- 
litica. Ed era specialmente in tali circostanze 
che l'oscuro ufficiale poneva tanto impegno e 
tanto zelo da far sì che le sue lettere merite- 
rebbero di esser tutte fatte conoscere per la 
stampa, perchè, come già fu detto, esse sono 
una vera miniera di particolari ed episodi ta- 
ciuti in gran parte dagli storici. Ad affermare 
sempre più la diligenza che il Nostro poneva 
nel disimpegno delle sue attribuzioni, basterà 
dire che quando egli ne era impedito o per una 
ragione o per un'altra si faceva sostituire dal 
suo genero che era un Bartolommeo Malinge- 
gni (1). Nome e cognome non certo che si rac- 
comandassero da sé, ma in ogni modo chi li 
portava sembra non corrispondesse né a quello 
né a questo. 

Firenze, il 14 luglio 1908. 

C. 0. Tosi. 



(1) R. Arch. cit. — Arch. cit. — Carteggio cit. Filza cit., 
a o. 576. 






l'illustratore fiorentino 59 

Lettera inedita di Giovanni Targioni-Tozzetti. 

Sembrami ricordo sempre importante e gen- 
tile la seguente lettera, da me posseduta, anche 
come bello esempio della confidenza e della se- 
rietà della corrispondenza d' un giovine studente 
col proprio padre nel secolo XVIII. È scritta 
da Pisa nell'anno 1733, e quel giovine divenne 
presto tanto illustre scienziato, che il suo nome 
glorioso riempì tutto il suo secolo, ed è cele- 
brato tuttora. 

Stimo dunque che specialmente ai lettori 
dell' Illustratore Fiorentino riuscirà gradita 
detta lettera, quantunque tenue ne sia la so- 
stanza, indicando ivi lo scrivente di avere già 
iniziate le proprie collezioni dopo di che fa sa- 
pere d'aver comprato dei buoni libri, e di de- 
siderare d'acquistarne ancora, e che ha cresciuto 
il suo debito con un Sig. Dottore. In questo mo- 
desto documento si accenna pure a un progetto 
di andare per le feste di Maggio al Monte San 
Giuliano, come ora farebbesi una gita a Venezia 
ed ai laghi. Ed ecco la lettera : 

« Carisio Sig.r Padre, 

Ho ricevuto 1' ultima sua de i 20 del corrente in confor- 
mità della quale dissi al Sig. Luca quanto m ; impone, ed egli 
l'ha eseguito. La prego a reverire il Sig. Dott. Gualtieri 
a nome mio, e dirgli che mi ricordo delle obbligazioni, che 



60 l'illustratore fiorentino 

gli professo, e che sarà pensier mio il servirlo in quel ohe 
potrò. Queste feste di Maggio, se altro non occorre, si an- 
elerà a M. S. Giuliano. Ho molto caro lo scaffale e quanto 
prima per via del banco manderò un paniere di cose per 
detto armadio, alcuni semi da seminare, e un fascio d'erbe, 
che ho raccolte finoadora. Io mi son fatto dare dal Sig. 
Dott. Stecchi L. 16 per comprar libri, e già ho comprato 
l'opere mediche del Freind e del Sidhena, e il Compendio 
Anatomico dell' Eistero, ho ordinato l' Istituzioni filosofiche 
del Gradesand, e ho voglia di pigliare un compendio che 
ci è dell' Etmullero, ed ho bisogno di comprare ancora il 
Flores Geometrici del P. Grandi. Dal Sig. Dott. ho auto 
lino ad ora L. 42. E qui pregandola della S. Ben. e resto 
Pisa, 29 Aprile 1733 

Di V. S. 

Aff. m ° figlio 

Giovanni Targioni. 

(A tergo) All' Ecc.™ Sig.™ Sig.™ Prone Col.™ 
Il Sig. Dott. Benedetto Targioni 

Firenze 

Quanti padri non amerebbero avere oggi la 
fortuna di ricevere lettere simili dai loro figli ? 

Paolo Galletti. 



Le Monache a Firenze alla metà del XYI secolo. 

Per dare un ? idea del numero dei monasteri 
di, donne che esistevano a Firenze poco dopo 
la caduta della Repubblica e della quantità di 
religiose che accoglievano, riportiamo a titolo 
di curiosità queste cifre da una specie di cen- 
simento della popolazione che fu fatto nel 1561. 



L r ILLUSTRATORE FIORENTINO 61 

Monasteri : delle Abbandonate in Via Ro- 
mana 122 — d'Annalena, in Via Romana 130 
— di S. Agata in Via S. Gallo 112 — S. Am- 
brogio 42 — S. Caterina, in Via Larga 133 — 
S. Chiara, in Via di Serragli 120 — S. Clemente, 
in Via S. Gallo 120 — S. Domenico di Cafag- 
gio, (nel Maglio) 65 — S. Felicita 54 — San 
Giorgio, sulla Costa 114 — S. Giovannino, in 
Via S. Gallo 74 — S. Giuseppe di Pinti 62 — 
S. Girolamo delle Poverine, nel Corso de' Tin- 
tori 100 — S. Lucia, in Via S. Gallo 146 — 
S. Maria degli Angioli (Angiolini) 102 — S. Ma- 
ria di Candeli, in Via de 7 Pilastri 101 — S. Mar- 
tino, in Via della Scala 87 — S. Matteo, in Via 
del Cocomero 43 — S. Niccolò di Cafaggio, in 
Via del Cocomero 60 - S. Paolo 62 — S. Pier 
Martire, (S. Felice) 80 — Spirito Santo, sulla 
Costa 116 — S. Vincenzo, in Valfonda 20* 

E quelli ricordati sono appena i due terzi dei 
monasteri di donne che esistevano già a Firenze! 



Case di pittori in Borgo 8. Frediano. 

Nel campione della Decima del Gonfalone 
Drago S. Spirito si trovano ricordate in alcune 
portate diverse case appartenenti a pittori fio- 
rentini. 

Ne ricordiamo alcune : 

Giovanni d'Arrigo, pittore di altissimo va- 



62 L ? ILLUSTRATORE fiorentino 

lore più noto col soprannome di Pesello, posse- 
deva : « una casa presso la porta di S. Frediano 
ed una casetta in Via S. Giovanni ». 

Benci di Lorenzo dipintore aveva una casa 
in Borgo S. Frediano a confine colla Via S. Be- 
nedetto (ora Via di Camaldoli). 

Iacopo di Cristofano dipintore, una casa nel 
Borgo a confine coi di Gardo ed una casa in 
Via del Fiore. 

Stefano di Lorenzo dipintore, una casa nella 
stessa via a confine con Borghi e Michele d'Ar- 
rigo orpellato. 



Una scuola in Via Maggio nel XVI secolo. 

Ser Stefano d'Agnolo Della Stiava di Volterra 
e Ser Francesco di Frediano da Lari hanno a 
vita da Antonio Ridolfi due stanze d'una casa 
sul canto di Via Maggio e Via della Tromba 
(ora dello Sprone) « dove tengano scuola ». (1) 

(1) Dalle Ricerche delle case del Quartiere di S. Spirito 
dell'anno 1561. 



K^S=sJ^E 



NOTIZIE DEL MESE DI MAGGIO 



La moglie di Ricciardo Del Bene. 

Ricciardo e Iacopo Del Bene furono figliuoli 
di Francesco e di quella Dora, della quale un 
amoroso ricercatore pubblicò parecchi anni sono 
alcune garbate lettere, gustatissime da quanti 
pregiano le vecchie e belle cose nostre. Dora 
scriveva verso il 1381 al marito assente, men- 
tre ella era nella villetta con giardino, terreni 
coltivati, orti e vigne, che Francesco possedeva 
nel popolo di S. Biagio a Petriolo nel piano di 
Firenze: gli scriveva durante la stagione che fa 
piacevole il soggiorno in campagna, e datava 
le lettere o dalla camera terrena, o « dopo ve- 
spro sotto la loggia », o sedendo all'aperto « nel 
pratello segato ». Da buona massaia con dili- 
genza rendeva minuto conto delle cose dome- 
stiche, dei lavori campestri, delle raccolte, delle 



64 l'illustratore fiorentino 

spese, di tutto ciò insomma che le pareva op- 
portuno riferire al suo Francesco, dal quale at 
tendeva obbediente ordini e consigli. 

Morto Francesco, la cura di tutto passò a' due 
figliuoli. Ed appunto fra certi loro libri di am- 
ministrazione giunti fino a noi ho trovato un 
quaderno tenuto da Ricciardo e Iacopo, che va 
dal 1395 al '99 ed ha in fronte le seguenti pa- 
role : « In questo quaderno scriveremo tutte 
« ricordanze di nostri facti, che faremo dapoi 
« passò di questa vita el nostro padre, che fu 
«dì 17 di dicembre 1394 ». 

Nel quaderno è documento assai curioso la 
nota, che pubblico, delle spese fatte da Ricciardo 
(dottore di legge e uomo di molto senno) quando 
nel 1396 sposò la Filippa figliuola appena se- 
dicenne di Niccolò Guasconi, essendo stato fatto 
il compromesso del parentado in messer Rinaldo 
Gianfigliazzi per la parte di Ricciardo e in 
Guido di messer Tommaso per la parte di Nic- 
colò, lieti entrambi di unire in gentile alleanza 
due ragguardevoli famiglie della loro città. La 
sposa però era stata trovata e proposta da uno 
di quei sensali, che facevano buoni affari in oc- 
casione di matrimoni ; costui, certo Iacopo di 
Cornelio, fu ricompensato con cinque fiorini d'oro. 

La camera venne preparata e arredata se- 
condo Puso modesto d'allora con lettiera, let- 
tuccio e casse, materassi, lenzuola, coltre e co- 
pertoio, guanciali ; e se ne dette affettuosamente 



l'illustratore fiorentino 65 

pensiero monna Dora. Un panno rosso costò 
venticinque fiorini e mezzo. 

Per la sposa convenne comprare una ricca 
roba di sciamito cilestro, una gamurra, due 
cioppe, vaio ed ermellini da porre alle vesti. 
Nello sciamito, azzurro e vermiglio, preso alla 
bottega di Andrea Del Benino setaiolo, si spe- 
sero fiorini novanta, e quarantasette circa per 
vaio ed ermellini. I gioielli più vistosi furono 
una perla legata di ventiquattro fiorini, un 
anello con uno smeraldo, un altro con un dia- 
mante. Tutto questo air orafo Peraccino di Bo- 
naccorso fece intascare quasi 150 fiorini. Le 
gr illande pel capo, ornamento indispensabile, 
costarono tre fiorini : le vendè un setaiolo. 

Ricciardo mandò alla sposa il forzierino coi 
doni nuziali, come voleva la consuetudine fio- 
rentina, e dal fratello Iacopo le fece donare un 
balascio di fiorini quindici. 

Quando poi ai 29 di giugno nella chiesa di 
Santa Maria sopra porta Ricciardo giurò la Fi- 
lippa, molti congiunti assisterono alla cerimonia; 
e lo « invitatore che andò a invitare » ebbe 
trenta soldi per la sua fatica. 

Senza convito non ci possono essere nozze : 
e un convito si fece, e lo preparò uno di quei 
cuochi, de' quali le famiglie si servivano nelle 
grandi occasioni e che avevano una certa re- 
putazione nella loro arte. Dallo stovigliaio si 
presero in prestito piatti, scodelle e bicchieri, 



66 L' ILLUSTRATOLE FIORENTINO 

che allora scarseggiavano nelle case perchè si 
viveva colla massima parsimonia e tutto si li- 
mitava al puro necessario. Il forte delle pietanze 
furon capponi, mandati appositamente a com- 
prare a Pistoia per tre fiorini. Lo speziale forni 
cera e confetti. Né a rallegrare la festa man- 
carono i suoni, ed i pifferi vennero retribuiti con 
un fiorino e ventiquattro soldi. 

Debbo aggiungere che il prete, il quale celebrò 
la messa ascoltata con devozione da messer Ric- 
ciardo e dalla moglie, ricevette l'offerta di qual- 
che moneta, con un torchietto e un po' di mal- 
vagia. 

E neppur le mancie, alle quali il genere umano 
è sempre attaccassimo, furono omesse : Ric- 
ciardo sapeva che nelle allegrezze domestiche 
l'avarizia è biasimevole e biasimata. Due fami- 
gli ebbero ciascuno un bel paio di calze, la ca- 
meriera pel suo premuroso servizio ebbe due 
fiorini. Molto più generosamente fu trattata la 
sposa, e lo meritava; infatti, dopo aver dormito 
seco per la prima volta, Ricciardo la mattina 
(era una domenica) le regalò venti fiorini, otto 
lire e diciannove soldi, con probabilità tutto 
quello che eragli rimasto dopo tante spese. Di 
questo dono del mattino, così chiamavasi, uso 
veramente strano' e bizzarro di antichissima ori- 
gine tedesca, qual donnei, sebbene spregiudicata, 
non si adonterebbe ai giorni nostri? Tale noti- 
zia registrata nel quaderno può avere non pie- 



l' illustratore fiorentino 67 

cola importanza, perchè ci mostra sempre in 
vigore alla fine del secolo XIV ciò che po- 
teva credersi tramontato e dimenticato da un 
pezzo. 






La Filippa, che poi sopravvisse al marito, gli 
partorì più figliuoli; ricorderò ]a bambina Oretta 
primogenita, nata nel settembre del 1397, ed un 
fanciullo, in cui fu rifatto il nonno Francesco, 
nato ai 18 aprile 1399 e tenuto al battesimo dal 
reverendo priore di S. Lorenzo e da Bernardo 
degli Strozzi. 

Anche Iacopo Del Bene più tardi prese mo- 
glie; e fu esaudito il voto di monna Dora, che 
nel 1397 aveva speso certi denari « per una tela 
« fecie texere, disse voleva per Iacopo nostro 
« quando menasse moglie ». Queste parole si 
leggono nel citato quaderno. Vi si legge pure 
che Iacopo, partendo air improvviso da casa 
nell'agosto 1399, « disse andava alla divotione 
santa de' bianchi »: ma il fervore ascetico, che 
lo invogliò a prender parte alle processioni di 
que' penitenti, gli passò in breve e volle farsi 
una famiglia come Ricciardo, sposando Lena 
de' Eicci. Cosi la tela di monna Dora non ingialli 
nei cassoni. 



68 l'illustratore fiorentino 

1396 

Al nome di Dio e della Vergine Maria qni di sotto farò 
raentione di tutte le spese farò io Ricciardo in menare la 
donna, la quale giurai dì 29 di giugno 1396 in Santa Maria 
sopra porto: e fei il compromesso con Niccolò Guasconi 
padre della detta mia donna in messer Rinaldo Gianfigliazzi 
per la mia parte e in Guido di messer Tomaso per la parte 
di Niccolò. 

In prima per fornitura di una roba di sciamito cilestro, 
la quale le feci innanzi ne venisse, e per panno per lo col- 
lare e per cucitura.... 

Item per dare allo 'nvitatore, che andò a invitare 
quando giurai la donna, soldi trenta. 

Item a dì 16 settembre per due anella, uno ismeraldo 
e uno diamante, mi fecie comperare, fiorini ventidue. 

Item per lo fusto del forzerino mio e per coralli, pagò 
Domenico di Sandro a Peraccino di Bonaccorso orafo, fio- 
rini venticinque. 

Item a uno setaiuolo per grillando fiorini tre, lire una, 
soldi diciassette, pagò Domenico di Sandro. 

Item a Iacopo di Cornelio sensale per senseria fiorini 
cinque, pagò Domenico di Sandro. 

Item per uno panno rosso, si comperò da Singniorino 
di Manno Singniorini, fiorini venticinque e mezzo. 

Item a Cristofano lengnaiuolo, per parte di pagamento 
del lengniame della lettiera lettuccio e casse, fiorini quattro, 
ebbe per me da Domenico di Sandro. 

Item al detto Cristofano, ebbe per me da Niccolaio e 
Antonio Davanzati, fiorini quattro. 

Item al detto, dì 6 à' ottobre, ebbe per me da ser Santi, 
disse voleva per lo cannaio, lire tre. 

Item per dare à' portatori, che recarono la lettiera e 
V altro lengniame, lire due. 

Item per serrami delle mie casse di camera mia lire tre, 
soldi due. 



l'illustratore fiorentino 69 

Item per federe di guanciali, dì 30 di ottobre, a monna 
Dora nostra lire sedici. 

Item, per dare alla cameriera, fiorini due. 

Item, per dare alla Filippa, la domenica quando era dor- 
mito meco, fiorini venti, lire otto, soldi diciannove. 

Item ner dare a' pifferi, fiorini uno, soldi ventiquattro. 

Item per dare e offerire alla messa che udì con lei e 
per malvagia e un torchietto, fiorini uno, soldi trenta- 
cinque. 

Item per. due paia di calze, feci levare perchè la Fi- 
lippa le donasse h' famigli di casa, fiorini due. 

Item per una perla legata fiorini ventiquattro. 

Item per uno balascio comperai, le quale diedi a Ia- 
copo perchel donasse alla Filippa, fiorini quindici. 

Item, per dare a Cristofano lengnaiuolo per parte di 
pagamento del lengname mio della lettiera e lettuccio, fio- 
rini dodici. 

Item per cucitura de' panni della donna mia, cioè ga- 
murra e due cioppe, una di sciamito e una di rosato, fio- 
rini due, lire sei. 

Item per ispese facte nelle nozze, prima allo spetiale di 
ciera e confetti, e tutto pagò Domenico, lire novantatre, 
soldi tredici ; item per altre cose spese Domenico lire ot- 
tantotto e soldi dieci ; item per capponi, mandai a compe- 
rare a Pistoia, fiorini tre. 

Item per cucitura d' una coltre e uno copertoio di pan- 
nolino fiorini otto. 

Item per dare al cuoco e allo stovigliaio in tutto fiorini 
tre e lire dodici ; lire dodici allo stovigliaio e fiorini tre o 
mezzo al cuoco. E non metto quello mozzo fiorino perchel 
doveva avere lo stovigliaio d' altro, si che si conta nelle 
dodici lire. 

Per resto della lettiera mia, del lengname e di camera 
mia, fiorini sette. 

Per dare all' orafo, che fu Peraccino di Bonaccorso 
orafo, in tutto per ciò che mi diede d'ariento.... 



70 l'illustratore fiorentino 

Per dare al setaiuolo, che fu Andrea Del Benino, per 
lo sciamito azzurro e lo sciamito vermiglio fiorini novanta. 

Per dare al vaialo, per uno fodero di vaio per la donna 
e per uno di altre pelli e per foderatura di maniche con 
ermellini e vaio e per acconciatura d' una sua cioppa cile- 
stra, in tutto fiorini quarantasette. 

Per fare acconciare un anello, si segò perchè le strin- 
geva il dito, fiorini due, lire una, soldi sette. 

Per dare all'orafo per ciò che ebbi a fare con lui, traen- 
done fiorini quaranta gli diedi d ; uno balascio e d ; una perla, 
come è scripto qui di sopra, con fiorini venticinque del fusto 
del forzerino e de' coralli come appare scripto di sopra, fio- 
rini cientotrentacinque. 

Per a Pierozzo linaiuolo compangnio di Matteo del Te- 
ghia, per cose tolte per me propio cioè per lo menare della 
donna, fiorini quattordici, lire trentaquattro, soldi nove. 

Per dare a Angnolo di Ghezzo ritagliatore per braccia 
quindici di rosato per la Filippa.... 

Per dare a Giovanni Carducci per panno per una ga- 
murra per la Filippa, fu braccia otto... 

Per pagare la gabella della dota, dì 20 di decembre, 
portò ser Santi, fiorini trentotto, lire due e soldi diciassette. 

Per braccia diciassette e più di bigio si levò da Giusto 
di Coverello per me e per Vieri, e per panno cupo levò Vieri 
per se, el quale panno metto a mia ragione per rimunerare 
©1 detto Vieri d' una pezza di ciambellotto mi recò da Vi- 
negia, fiorini ventitre, soldi tredici di piccioli, pagai per le 
banco d'Amideo Adimari parte e parte per quello di Filippo 
de' Ricci. 

Carlo Carnesecchi 



L'ILLUSTRATORE FIORENTINO 71 

Giuseppe Antonio Torricelli da Fiesole. 

Quando io abbia detto che Giuseppe Antonio 
di Bartolommeo di Romolo Torricelli e della 
Bernardina di Biagio Loppi nacque in Fiesole 
il 10 Marzo 1659 ; che la famiglia Torricelli fu 
una delle più antiche e cospicue della Città e 
perciò tra quelle i cui membri erano fra i sor- 
teggiati alle magistrature locali, e che la casa 
dei Torricelli, misera in apparenza, vedesi an- 
che oggi a destra di chi si rechi in Borgunto 
fra i luoghi conosciuti coi nomignoli del Mas 
saio e del Poggerello, avrò scritto varie righe, 
ma niente di più saprà la mente dell' illuminato 
lettore. Bisognerebbe perciò che una di quelle 
lapidi commemorative le quali con grave sper- 
pero del bel marmo carrarese si prodigano an- 
che ove ne è minore il bisogno, fosse apposta 
su quella umile casetta perchè il lettore sapesse 
che Giuseppe Antonio Torricelli fu fra i fieso- 
lani illustri quello intorno al quale sarebbe ne- 
cessario uno studio lungo e paziente per farne 
rivivere la fama e ammirare le egregie virtù 
artistiche. Tanto più in oggi che l'arte deve 
per necessità di cose perdersi in ninnoli, questo 
Torricelli che alle durissime pietre e alle gemme 
seppe dare vita e fulgore quali forse non sep- 
pero dare Egizi, Greci o Romani, dovrebbe es- 
sere additato come supremo esemplare a coloro 
che dall' arte industriale debbono trarre nome 



72 



L'ILLUSTRATORE FIORENTINO 



e guadagni. Di lui, oltre le opere insigni, fra le 
quali il busto che rappresenta la Granduchessa 
Vittoria figlia postuma di Federigo Ubaldo della 
Rovere duca d' Urbino, moglie di Ferdinando II 
Granduca di Toscana e il busto dello stesso 
Granduca Ferdinando de' Medici, che fu inviato 
a Milano, restano o per meglio dire, dovrebbero 
restare opere manoscritte, delle quali la princi- 
pale è il « Trattato delle Gioie e Pietre dure e 
« tenere, che si adoprano nella Real Galleria e 
« nella Cappella di S. Lorenzo» dettato nel 1714. 
Su questo manoscritto richiamo V attenzione de- 
gli studiosi ricercatori, perchè si abbia la for- 
tuna di poterlo ritrovare. Si sa che nel 1753 
trovavasi in possesso del celebre naturalista 
Dott. Giovanni Targioni Tozzetti, e questi ne 
fece tesoro per la sua opera principe dei Viag- 
gi per la Toscana nella quale riporta larghi tratti 
del manoscritto Torricelliano, che fanno cono- 
scere la meravigliosa e attiva vita artistica del 
nostro concittadino. Non è nella natura della 
presente pubblicazione che io possa riportare 
tutti i brani della prosa del Torricelli citata 
dal Targioni Tozzetti, ma io ho avuto la co- 
stanza e la pazienza quasi monastica di copiarne 
ben quindici paginette fitte fitte e tali da far 
desiderare che per il vantaggio comune della 
scienza e dell'arte V intero manoscritto possa ri- 
tornare alla luce. Ivi parla del macigno fieso- 
lano, del verde antico, del gesso, dell' alabastro, 



L T ILLUSTRATORE FIORENTINO 73 

dei calcedoni, dei diaspri, dei lapislazzuli, delle 
agate e dei marmi in genere con tale compe- 
tenza e acutezza da raggiungere le altezze di 
un provetto geologo. La carta topografica della 
montagna dove si trovano i calcedoni e cioè la 
dimostrazione dei monti da Monteruffoli a San- 




Busto della Grand uclatssa Vittoria Della Rovere 
scolpito in pietre dure da Gius. Ant. Torricelli 

t' Antonio nel Volterrano che il Targioni Toz 
zetti pubblica neir opera sua è lavoro del Tor- 
ricelli, il quale di sé stesso dice: « Ho servito 
« la casa reale quaranta anni non solo in vari 
« luoghi a far delle provviste per la reale gal- 
« leria, ma ho lavorato di intaglio e scultura 
« non solo figure e bassorilievi e ritratti di più 
« sorte, ma anco in naturale un ritratto cavato 



74 l'illustratore fiorentino 

« da una palla della maremma di Volterra che 
« pesava 84 libbre e ridotta a libbre sei con 
« le ruote » soggiungendo : « credo che sia il 
« primo ritratto grande quanto il naturale che 
« sia stato fatto di duro, e lo feci per impegno, 
« conoscendo non esser fatica per uomo. Ne mi 
« si è reso difficile di fare tutto quello che ho 
« intrapreso ; e con i ferri e mazzuoli ho lavo- 
« rato di quadro, d' intaglio e di scultura tutte 
« le pietre, e quelle che non ho potuto lavorare 
« con i ferri V ho fatto con le ruote, fino le 
« gioie ; e per 25 anni di travaglio con le ruote 
« ho fatto incavi, bassorilievi e rilievi di quanto 
« duri sono passati per le mie mani, e non solo 
« ho veduto le miniere (cave) ma fatta anato- 
« mia delle ossa di questo mondo ». 

Il busto al naturale è quello sopra rammen- 
tato della Granduchessa Vittoria, di cui il volto 
è formato di un bel pezzo di diaspro carnicino 
pallido di Volterra, gli occhi di diaspro ceruleo 
pure volterrano, le pupille di sardonica, i so 
praccigli di ciottoli d'Egitto, le labbra di diaspro 
giallo cementato, i capelli di legno pietrificato. 
Il vestito che è quello proprio delle oblate Mon- 
talve e dalla sovrana indossato negli ultimi anni 
di vita, ha il velo e il busto di nero antico e 
la biancheria di diaspro bianco volterrano. Que- 
sta interessante scultura che amiamo qui ripro- 
durre per curiosità, rimase lungo tempo invisi 
bile nello stabilimento in cui fu prodotta sino 



L r ILLUSTRATORE FIORENTINO 75 

a che il Granduca Leopoldo II la fece porre 
nella Chiesa di Ripoli in via della Scala e di 
11 alla sua soppressione fu trasportata al Con- 
servatorio della Quiete ove tuttora si conserva 
e si ammira. Il Giulianelli (1) a proposito di 
lui scrive : « Io riporto volentieri le espressioni 
« di un tale uomo che hanno nella loro sem- 
« plicità il carattere della verità, la quale è anco 
« sostenuta e autenticata da molte persone de- 
« gne di fede ancor viventi, che V hanno cono- 
« sciuto per quello stesso che egli si decanta. 
« Si vedono in detto suo trattato sei macchine 
« dallo stesso Torricelli inventate per tagliare, 
« forare, pulire e sbozzare le pietre e girare la 
« ruota di sotto il banco ». Ingegno meccanico, 
sagace e inventore ingegnoso di ordigni ed at- 
trezzi ci fa rammentare l'omonimo suo Evan- 
gelista di cui Faenza e Firenze hanno in questi 
giorni celebrata la gloria tre volte centenaria. 
Cosimo III granduca su cui gli storici e i cro- 
nisti hanno saputo accumulare un' intera con- 
gerie di odio e di sprezzo non davvero meri- 
tati del tutto, saggio estimatore e mecenate di 
dotti e di artisti, incaricò il Torricelli di recarsi 
a visitare la località di Levigliani presso Pie- 
trasanta, dove credevasi di potere estrarre il 
cinabro minerale del quale il sovrano aveva 



(1) Giulianelli. Memorie degli intagliatori moderni in pie- 
tre dure. Livorno 1753. 



76 



l'illustratore fiorentino 



bisogno per fare stampare nella sua officina ti- 
pografica i libri ecclesiastici in caratteri rossi 
e neri. Il Torricelli corrispose perfettamente al- 
l' espettazione del mittente, poiché dopo un'at- 
tento esame tornò con 120 libbre di cinabro 
minerale stupendo, che egli stesso aveva sca- 
vato, riferendo il metodo da tenersi in tale la- 
voro affermando che il materiale eravi in gran 
quantità. Lieto il Granduca di questa felice 
scoperta ne diede la privativa alla sua stam- 
peria, la quale volendo mandare colà degli sca- 
vatori di cinabro, invitò Giuseppe Antonio a ri- 
tornarvi. Ma egli o fosse la troppa fatica di tale 
opera o perchè preferisse di attendere all'arte 
sua prediletta, declinò tale invito e propose in 
sua vece Giovan Battista Farsetti scalpellino di 
Settignano al quale dette le istruzioni di quanto 
dovesse fare. Le concepite speranze restarono 
deluse in quanto che i nuovi inviati non ripor- 
tarono che una piccola quantità di cinabro, 
mentre poi si venne a scoprire che la materia 
estratta per la poca avvedutezza dei preposti 
all' opera veniva rubata e venduta dagli operai 
i quali ciò non avevan potuto fare sotto Y occhio 
vigile e perspicace del Torricelli. 

Giuseppe Antonio morì il 2 Marzo 1719 e per- 
ciò non molto vecchio ; lasciò certamente molte 
opere che non ci è dato identificare ; fu uomo 
fornito di molto ingegno e soprattutto di quella 
straordinaria pazienza necessaria in quei deli- 



l'illustratore fiorentino 77 

cati lavori. Allevò il figlio Gaetano nella sua 
professione, e a questi avrà arriso la fortuna, 
non a noi è concessa, di raccapezzare nella biz- 
zarra sintassi degli sperduti manoscritti paterni 
quelle norme sicure e quelle teorie fondamentali 
date le quali all'arte industriale dovrebbero gui- 
dare i giovani nostri, perchè a questa nostra 
regione non sfugga il primato un dì conferitole 
nel lavorio delle pietre dure e delle gemme. 

Can.co Dionisio Brunori. 



Il Convento dei Cappuccini a Montughi. 

16 Maggio. 

Sopra ad una dolce collinetta che forma 
l'estremo lembo della contrada deliziosa di Mon- 
tughi la quale, cosparsa di ville e di giardini s'i- 
nalza leggermente dal piano di Firenze, presenta 
il suo insieme pittoresco il convento dei Cappuc- 
cini circondato da fitto bosco di bruni cipressi. 

Intorno al tempo in cui ebbe principio questo 
convento abbiamo la seguente notizia : 

« A dì 16 maggio 1572. Il Gran Duca (Francesco I) con- 
cesse a Fra Mario di Mercato Saraceno generale dei Frati 
di S. Francesco, detti Cappuccini la chiesa e convento dei 
Fraticini dove avevano abitato già i Frati Amidei, poi quelli 
di S. Francesco dell'Osservanza e in ultimo i P.P. del Col- 
legio di S. Giovanni (i Gesuiti) ai quali era stata tolta il 
dì 6 febbraio 1569 ». 



♦ ♦ ♦ ♦ ♦ 



NOTIZIE DEL MESE DI GIUGNO 



La Chiesa di 8. Basilio. 

(14 Giugno) 

Su quella piccola piazzetta posta nella loca- 
lità chiamata il Canto alla Macine, dove Via 
Guelfa si congiunge con Via S. Gallo, corrispon- 
deva la facciata della chiesa di S. Basilio da 
molti anni soppressa e modernamente ridotta a 
tempio Evangelico. 

Antichissima fu Porigine di questa chiesa che 
gli storici affermano appartenesse fino dal XI 
secolo ai Monaci Basiliani, chiamati più comu- 
nemente i Frati Ermini od anche i Frati Greci. 

Essi mantennero costantemente il possesso 
della loro chiesa e di un piccolo monastero an- 
nesso ; ma alla metà del XV secolo erano ridotti 
a due o tre, tanto che nel 1469 venderono parte 



l'illustratore fiorentino 79 

del loro convento ad una compagnia, pure inti- 
tolata di S. Basilio, perchè potesse erigervi un 
locale ad uso di propria residenza. Frate Iacopo 
Martignani milanese, ultimo dei monaci Basi- 
liani di Firenze, rinunziò nel 1491 a tutti i beni 
dell'ordine in favore della Congrega dei Preti 
dello Spirito Santo alla quale si ascrisse come 
fratello e venne a morte il 23 dicembre del 1495. 

La Congrega de' Preti dello Spirito Santo, che 
divenne così padrona della chiesa e dell' an- 
nesso convento, era stata costituita da alcuni 
preti del Contado fiorentino e dal 1472 al 1491 
aveva avuto la sua residenza in Via Palazzuolo 
vicino allo Spedale di S. Paolo, in un casamento 
o palazzetto tenuto a livello dalla famiglia Fre- 
scobaldi. 

Ma la Congrega non godette lungamente il 
libero possesso di S. Basilio, perchè nel 1539, 
quando per la costruzione della fortezza da Basso 
venne distrutto il ricco convento di S. Antonio 
dei Canonici di Vienna, Cosimo I concesse 
la chiesa di S. Basilio ed il locale annesso a 
quei religiosi. La Congrega non volle soppor- 
tare in silenzio quest'atto di violenza compiuto 
a di lei danno e ne nacque un'aspra lite durata 
fino all'anno 1555 nel quale i Canonici dovet- 
tero abbandonare la loro nuova sede. 

La Congrega, ritornata padrona del luogo le- 
gittimamente ereditato, lo ridusse in modo da 
poter servire anche di Ospizio ai preti poveri 



80 l'illustratore fiorentino 

e malati e nel 1625 trasformò a carattere più mo- 
derno anche la chiesa che fino ad allora aveva 
conservato l'austera semplicità 'delle sue forme 
originarie. 

La chiesa era abbastanza ampia e decorosa 
e aveva quattro altari, oltre a quello maggiore, 
che fondato circa il 1400 da Gabbriello Pancia- 
tichi, era passato dipoi sotto il patronato della 
famiglia Mini. 

Il Bocchi nelle sue Bellezze della città di Fi- 
renze dice che nella chiesa erano « alcune pit- 
ture molto vaghe ». 

Accenna fra le altre ad una Annunziata bel- 
lissima dipinta nel muro dal Cavallini, alla ta- 
vola dell'aitar maggiore raffigurante S. Basilio 
che discioglie un peccatore dal patto fatto coi 
demonio, a due tavole di Iacopo Vignali rap- 
presentanti S. Antonio e S. Caterina e ad un 
Crocifisso scolpito in sughero da Simone Fila- 
rete (o piuttosto Ferrucci ?). 

La Congrega fu soppressa alla fine del XVIII 
secolo e la chiesa chiusa al culto servì ad 
altri usi, pur conservando esternamente il suo 
aspetto. 

Nella casa che corrisponde sulla piazzetta di 
fianco alla chiesa e dove fu già la porta d 7 in- 
gresso al Convento e poi air Ospizio, vedesi 
tuttora murato un tondo di terracotta invetriata 
dei Della Robbia nel quale la bianca colomba 
ad ali spiegate coi raggi che si partono dal 



l/lLLUSTRATORE FIORENTINO 81 

becco, che era lo stemma della Congrega dello 
Spirito Santo, spicca sul fondo azzurro di un 
elegante conchiglia circondata da una ghirlanda 
di frutta, fiori e foglie. 



Le antiche divisioni della città di Firenze 
in Quartieri e Gonfaloni. 

Tutte le antiche città erano repartite, sia per 
effetti amministrativi, sia per quelli militari in 
sestieri o in quartieri, o in terzieri e questi in 
tante suddivisioni minori. 

Queste divisioni minori, per non uscir cogli 
esempi della Toscana, si chiamavano Contrade 
a Siena, a Montepulciano ed in altri luoghi, 
Cappelle a Pisa, a Prato avevano nome dalle 
Porte, a Firenze invece erano dette Gonfaloni. 

Dopo la costruzione del secondo cerchio delle 
mura, Firenze nella sua parte interna fu divisa 
in quartieri che presero nome dalle quattro 
porte principali : Porta del Vescovo o del Duomo, 
Porta S. Maria, Porta S. Piero e Porta S. Pan- 
crazio o Brancazio. 

Ampliata la città, nel 1078 fu fatta la divi- 
sione in sestieri che ebbero i nomi seguenti : 
Oltrarno, S. Piero Scheraggio, Bórgo, S. Pan- 
crazio, Duomo, S. Piero. Questi sestieri erano 
poi nel complesso divisi in 20 gonfaloni. 



82 



I/ILLUSTRATORK FIORENTINO 



Riformato completamente il governo della 
città, dopo la cacciata del Duca d'Atene, si tornò 
nel 1343 alla divisione in quartieri e ciascun 
quartiere fu suddiviso in quattro Gonfaloni. 

Ogni gonfalone comprendeva determinate parti 
della città separate tra loro o dall'Arno o dalle 
mura o da alcune delle strade principali. Que- 
sta suddivisione aveva scopi amministrativi e 
militari e ciascun gonfalone doveva eleggersi 
un Gonfaloniere, chiamato di compagnia, per- 
chè doveva radunare e comandare una com- 
pagnia di milizie cittadine per la difesa del 
Palazzo dei Signori e della libertà popolare. 
Cotesti sedici Gonfalonieri costituivano poi una 
specie di Consiglio che, opportunamente convo- 
cato, doveva discutere insieme al Gonfaloniere 
di Giustizia ed ai Priori di Libertà gì' interessi 
della Repubblica. * 

Indicaudo per ogni Quartiere i Gonfaloni che 
avevano nome dagli emblemi o segni araldici 
della loro bandiera, procureremo anche di deter- 
minare quali parti della città fossero assegnate 
a ciascuno di essi. 



Quartiere S. Spirito. 

1. Gonfalone Scala. — Era confinato : dal- 
l'Arno, dalle mura cittadine fra la Porta S. Nic- 
colò e la Porta S. Giorgio dalla quale per il 
poggio de' Magnoli scendeva fino a S. Felicita 
e per il piccolo tratto di Via de' Guicciardini 



L 7 ILLUSTRA TORE FIORENTINO 83 

arrivava fino al Ponte Vecchio. V'erano com- 
prese le parrocchie di S. Niccolò, Santa Lucia 
de' Magnoli, S. Maria Soprarno (soppressa) San 
Giorgio e parte di quella di Santa Felicita. 

2. Gonfalone Nicchio. — Dal Ponte Vecchio 
al Ponte S. Trinità era confinato dall'Arno: 
dalla Piazza dei Frescobaldi entrava in Via del 
Presto di S. Martino, allora parte di Borgo Te- 
golato, arrivando fino alla Via de' Michelozzi. 
Traversando Via Maggio e lo Sdrucciolo de' Pitti 
passava dietro il Palazzo Pitti e risalendo in 
linea retta il poggio, giungeva alla Porta San 
Giorgio. Vi erano comprese le parrocchie di 
S. Iacopo Soprarno (soppressa) e parte di quelle 
di S. Felicità e di S. Frediano. 

3. Gonfalone Ferza. — Dal poggio di Boboli 
andava alla Porta Romana, comprendeva il lato 
orientale di Via de' Serragli e verso la Via Si- 
torno, oggi della Chiesa, s'internava fra le case 
sboccando in Via S. Agostino all'entrare di 
Piazza S. Spirito e comprendendo un lato della 
piazza, andava a trovare il confine del Gonfa- 
lone Nicchio in Via de' Michelozzi. Compren- 
deva le parrocchie di S. Felice in Piazza e di 
S. Pier Gattolini. 

4. Gonfalone Brago 8. /Spirito. — Compren- 
deva tutto il resto del quartiere d'Oltrarno fino 
alle mura fra Porta Romana e l'Arno, colle par- 
rocchie di S. Frediano e parte di quelle di 
S. Felice in Piazza e di S. Iacopo Soprarno. 



84 L T ILLUSTRATORE FIORENTINO 

Quartiere di S. Croce. 

1. Gonfalone Carro. — Dal Ponte Vecchio, 
lungo il lato orientale di Via Por S. Maria, 
giungeva alla piazza di Mercato Nuovo e per 
Calimara girava a lato d' Or S. Michele prose- 
guendo poi in Via de' Cimatori fino all'angolo 
di Via de' Cerchi. Per questa via entrava in 
Via della Condotta, poi passando di fianco al 
Palazzo Uguccioni, entrava in Piazza della Si- 
gnoria e seguiva la linea di Via de' Gondi e con- 
tinuava per Borgo de' Greci fino alla stradella che 
si dice oggi Via del Parlaselo ; poi traversando 
le case e la via, oggi de' Neri, seguiva la linea 
della Via d' Altafronte fino all'Arno per far ri- 
torno al Ponte Vecchio. Comprendeva parte 
delle parrocchie di S. Stefano al Ponte, S. Ce- 
cilia, Or S. Michele, S. Romolo, S. Firenze e 
S. Piero Scheraggio. 

2. Gonfalone Lion Nero. — Dalla Piazza d' Al- 
tafronte risaliva l'Arno fino alle mura per ri- 
scendere poi lungo Via delle Torricelle e il 
Corso de' Tintori fin al convento di Santa Croce. 
Seguendo la linea delle case dal lato meridio- 
nale della Piazza di S. Croce andava poi per 
Borgo de' Greci a ritrovare il confine del Gon- 
falone Carro. Le case comprese in questo cir- 
cuito appartenevano alle parrocchie di S. Piero 
Scheraggio, S. Remigio, S. Iacopo tra' Fossi e 
S. Firenze, 



L 1 ILLUSTRATORE FIORENTINO 85 

3. Gonfalone Bue. — Seguendo il confine del 
gonfalone Lion Nero, dalle mura della città di- 
scendeva fino a Piazza della Signoria per il 
Borgo de ? Greci: passava di fianco al palazzo 
degli Uguccioni, traversava Via della Condotta 
fino alla Piazzetta de' Cerchi, tagliava il con- 
vento della Badia e sboccava in Via del Pro- 
consolo, comprendendo le case sul canto di Via 
del Palagio, ora Via Ghibellina. Seguiva la linea 
di questa strada fino alla Via della Fogna, ora 
Da Verrazzano, e tagliando parallelamente fra 
Via Ghibellina e Via de' Malcontenti, tornava 
alle mura. V'erano comprese in tutto o in parte 
le parrocchie di S. Simone, S. Firenze, S. Ap- 
pollinare, S. Romolo e Badia. 

4. Gonfalone Ruote. — Dalle mura scendeva 
lungo il confine del gonfalone Bue da un lato 
e dall'altro, per Via dell'Agnolo, Via de' Pan- 
dolfini, la Via che si chiama ora Dante Alighieri, 
Piazza de' Tavolini, Via de' Cerchi ritrovava 
il confine irregolare e frastagliato del gonfa- 
lone Bue. Comprendeva in parte le parrocchie 
di S. Giuseppe, S. Ambrogio, S. Simone, S. Pro- 
colo, Badia, S. Martino, S. Apollinare e S. Ro- 
molo. 

Quartiere di S. Maria Novella. 

1. Gonfalone Lion Bianco. — Da Via Cali- 
mara, seguendo una linea irregolare limitata da 
stradelle, andava in Via Tornabuoni, piegava 



86 l'illustratore fiorentino 

per Via della Spada e Via del Sole per rag- 
giungere il lato settentrionale di Via della Scala 
e girando dietro il convento di S. Maria No- 
vella comprendeva le case di tre lati della Piazza 
Vecchia entrando poi in Via de' Cenni, ora 
de 7 Panzani. Voltava dipoi per un piccolo tratto 
di Via del Giglio, entrava alla Croce al Trebbio 
sboccando in Piazza degli Antinori. Di fianco 
alla Chiesa di S. Gaetano, raggiungeva con un'al- 
tra linea irregolare la Piazza di Mercato Vec- 
chio per far capo in Calimara. Comprendeva 
parte di molte parrocchie : S. Andrea, S. Mi- 
niato fra le Torri, S. Maria degli Ughi, S. Do- 
nato dei Vecchietti, San Paolo, S. Maria Novella, 
S. Michele Berteldi (oggi S. Gaetano), S. Pier 
Buonconsiglio e S. Maria in Campidoglio. 

2. Gonfalone Lion Rosso. — Dalla Via de' Sas- 
setti per altri vicoli scomparsi, includendo il 
Palazzo detto dello Strozzino e il Palazzo degli 
Strozzi, raggiungeva Via della Vigna Nuova, 
volgeva per Via de' Fossi fino a Via del Sole, 
ritornando poi in Via degli Strozzi, già Via tra i 
Ferravecchi. Il suo territorio era diviso fra le 
parrocchie di S. Miniato fra le Torri, S. Maria 
degli Ughi, S. Trinità, S. Pancrazio e S. Paolo. 

3. Gonfalone Vipera. — Dal Ponte Vecchio per 
Via Por S. Maria proseguiva fino a Calimara 
e volgendo per certi vicoli, sboccava in Pellic- 
ceria traversando Via Porta Rossa e seguendone 
il lato di mezzogiorno fino a Piazza di S. Tri- 



l'illustratore fiorentino 87 

nita. Qui voltava, passando dietro il Palazzo 
degli Spini per raggiungere il Lungarno e ritor- 
nare al Ponte Vecchio. Le case di questo gon- 
falone appartenevano alle parrocchie dei SS. 
Apostoli, di S. Maria Sopra Porta e di S. Trinità. 
4. Gonfalone Unicorno. — Da Pellicceria, fra 
Via Porta Rossa e certi vicoli scendeva in 
Via de' Tornabuoni attraversandola per trovare 
la Via del Purgatorio e Via Parione. Voltava 
per Via de' Fossi, Piazza di S. Maria Novella 
e Via della Scala per raggiunger le mura e 
tornare lungo la linea del fiume fino al vicolo 
dietro il palazzo degli Spini. Le case di questo 
gonfalone appartenevano alle parrocchie di Santa 
Maria degli Ughi, S. Trinità, Ognissanti, S. Paolo 
e S. Lucia. 

Quartiere S. Giovanni. 

1. Gonfalone Chiavi. — Dalle mura della città 
presso alla porta alla Croce, il confine del gon- 
falone era determinato dalle Vie dell'Agnolo, e 
Via de' Pandolfini. Per Via del Proconsolo en- 
trava poi in Borgo degli Albizi, passando fra 
le case a tergo di S. Maria in Campo, traversava 
Via dell' Orinolo, andava allo Spedale di S. Ma- 
ria Nuova e poi per Via della Pergola e Via di 
Pinti raggiungeva le mura. Le parrocchie alle 
quali appartenevano le case di questo gonfalone 
erano: S. Ambrogio, S. Pier Maggiore, S. Pro- 
colo e S. Maria in Campo. 



88 



I/ILLUSTRATORE FIORENTINO 



2. Gonfalone Drago S. Giovanni. — Dalla 
Croce al Trebbio per Via del Giglio fino a 
Piazza di Madonna, Via della Forca, Via de' Cer- 
retani, Piazza del Duomo, Via de' Martelli e 
Via Larga fino alle mura. Dalle mura per Via 
S. Sebastiano, Via della Sapienza, Via del Co- 
comero, oggi Via Ricasoli, fino a Piazza del 
Duomo, da S. Cristofano degli Adimari, il Ghetto 
Piazza degli Agli e di li attraverso alle case e 
poi per Via del Trebbio fino a Croce al Trebbio. 
Comprendeva le parrocchie di S. Maria Maggiore, 
S. Lorenzo, Duomo, S. Salvatore, S. Ruffillo, 
S. Marco, S. Cristofano Adimari, S. Tommaso, 
S. Leo, S. Michele Berteldi. 

3. Gonfalone Lion d'Oro. — Da Piazza del 
Duomo per Via de' Martelli e Via Larga fino 
alle mura per raggiungere il confine del Gon- 
falone del Lion Bianco. Poi per Via de' Cenni, 
Via del Giglio, Via della Forca di Campo Cor- 
bolini e Via de' Cerretani tornava in Piazza 
del Duomo. Il territorio apparteneva alle parroc- 
chie del Duomo, S. Lorenzo, S. Maria Novella, 
S. Maria Maggiore. 

4. Gonfalone Vaio. — Da Or San Michele, Piaz- 
za di Mercato Vecchio, Piazza di S. Cristofano 
Adimari, Piazza del Duomo fino a Via de' Servi, 
le mura, Via della Pergola, Via Folco Portinari, 
dietro S. Maria in Campo, Via del Proconsolo, 
Via Dante Alighieri fino a Or San Michele. 
Parrocchie comprese entro questi confini : San 



l'illustratore fiorentino 89 

Michele in Orto, S. Tommaso, S. Cristofano Adi- 
mari, Duomo, S. Pier Celorum, S. Margherita, 
S. Martino, S. Michele Visdomini, SS. Annun- 
ziata, S. Maria in Campo, S. Benedetto e S. Ma- 
ria Alberighi. 

Le Gualchiere di Remole 
ed una supplica dei gualchierai. 

A sei miglia di distanza da Firenze, sulla riva 
sinistra dell'Arno, esiste tuttora un antichissimo 
ed ampio fabbricato che conserva il nome di 
Gualchiere di Remole, 

L'edifizio ha 1 J aspetto di un castello munito 
di torri alte e merlate e colla sua massa bruna 
e pittoresca si specchia vagamente nelle acque 
del fiume. Dietro al fabbricato centrale si apre 
una piazza sulla quale sorgono alcune case ed 
una chiesetta, mentre tutt'all' intorno ricorre una 
cinta di mura con due porte castellane. 

Tuttociò serve a ricordare l'antichissimo ca- 
stello di Remole del quale si hanno ricordi re- 
motissimi e che fu uno tra i feudi che gì' Im- 
peratori di Germania concessero fino dal XI 
secolo alla Badessa ed alle monache del mona- 
stero di S. Ellero in Valdarno. 

La situazione sua, lungo la riva dell'Arno, fra 
due delle principali strade che guidano a Fi- 
renze, lo costituì anche in tempi successivi un 
gagliardo strumento di difesa, quindi la Repub- 



90 



L 7 ILLUSTRATORE FIORENTINO 




blica ebbe cura di mantenerlo e di tenervi a 
guardia i suoi soldati. 



l'illustratore fiorentino 91 

Dalle monache di S. Ellero il possesso del ca- 
stello pervenne in diverse famiglie fiorentine fra 
le quali i Donati, i Compiobbesi, gli Albizzi, gli 
Alessandri, i Rucellai e nel tempo in cui era fio - 
rentissimo a Firenze il lavorìo delle stoffe di lana 
l'ampio edilìzio venne ridotto ad uso di Gual- 
chiere per la lavatura e la battitura delle lane. 

Certo in quell'epoca le Gualchiere di Remole 
dovevano avere un' importanza ed un' attività 
grandissima, perchè al lavoro di migliaia e mi- 
gliaia di pezze di lana dovevano attender nume- 
rosi artefici, tanto che a difesa delle persone e 
delle mercanzie non si trascurò di mantenere in 
buone condizioni le opere di difesa, cioè le mura, 
i fossati, le torri e le porte. 

L'Arte della Lana, per poter meglio contribuire 
alla prosperità di quel commercio che aveva 
fatto la ricchezza di Firenze, acquistava nel 1540 
tutte le proprietà dei privati e da quel tempo fino 
a che quell'industria non venne a mancar quasi 
affatto di vitalità, esercitò per proprio conto le 
Gualchiere di Remole. 

Alla soppressione delle arti, l'edifizio fu asse- 
gnato alla Camera di Commercio che tuttora ne 
è in possesso ; ma dell'opificio che per tanti anni 
aveva avuto vita prospera e rigogliosa non resta 
ora che la memoria. Poche pile di gualchiere sus- 
sistono tuttora e le altre vennero ridotte a mulini. 

Nel tempo più florido delle gualchiere, gli ope- 
rai che vi erano addetti e che erano esenti da 



92 l'illustratore fiorentino 

tasse, si trovarono gravati da un balzello e ri- 
corsero al Granduca per esserne esentati. 

La loro istanza fu presentata e raccomandata 
dai Nove Conservatori del Dominio e della Giu- 
risdizione fiorentina, ma non ebbe favorevole 
accoglienza dal Granduca. 

Ecco intanto, a titolo di curiosità V istanza in 
parola ed il testo del rescritto. 

Li gualchierai di Remole supplicano che fino dall' anno 
1540 l'Arte della Lana comperò le Gualchiere di Remole 
e che p parola di S. A. S. fu ordinato che li gualchierai 
che vi stessino fossino esenti da tutte le gravezze di X Ma 
e teste e così è stato loro osservato insino al presente e che 
oggi sono molestati dal Rettore di quel popolo p. conto della 
deoimina et però supplicano che sia loro raffermato la me- 
desima grazia et esentione, sopra di che e' è fatto fede del 
provv. re di d. a Arte della Lana che si ottenne la d a esen- 
zione a requisizione e benefìzio di d a Arte perchè non si 
trovava altrimenti chi volessi esercitare quelle gualchiere, 
ma che non ne apparisce altra memoria, salvo per il fatto 
stesso che vi pruova che più rettori stati in d.* popolo dal 
1540 e più volte per ciascuno che non hanno mai riscosso 
da detti gualchierai gravezza alouna di X ma e teste dal 
che pure si inferisce la esenzione di che di sopra, perchè 
altrimenti non ne sarieno stati lassati in drieto tanti anni : 
et senza dirne altro preghiamo. 

Di Firenze, 23 marzo 1570 

Riebbesi il 26 d.° 

Non si producendo Pesentione in scriptis non è da am- 
metterla (1). 

(1) Archivio di Stato. — Archivio dei Conservatori del Do- 
minio e della Giurisdizione Fiorentina, filza dell'anno 1570, 



I/ILLUSTRATORE FIORENTINO 93 

Come si vede, in ogni tempo le tasse sono 
state sempre cagione di contestazioni e di liti 
fra chi cercava di sottrarsi a cotesta gravezza 
ed il fisco che le voleva esigere ad ogni costo ! 



Le Schiave a Firenze. 

A Firenze, come in altre città d ? Italia, alcune 
famiglie tenevano a loro servizio delle schiave 
le quali dovevano essere state acquistate dai 
mercanti che per ragioni di commercio si re- 
cavano in Oriente. 

Di questi resti di schiavitù le ultime tracce 
si trovano nella prima metà del XV secolo e 
precisamente in alcune denunzie al Catasto, 
nelle quali le schiave figuravano insieme alle so- 
stanze ed ai crediti. 

Nel Catasto del Gonfalone Scala del 1427 
Piero e Giachinotto dei Bardi denunziano prima 
« una mula per cavalcare stimata f. Di 6 » ed » 
una schiava vecchia e pazza stimata f. ni 30 ». 

Anche Giovanni di Tommaso Corbinelli de- 
nunziava in quello stesso catasto (gonfalone 
Nicchio) il possesso di « una schiava vecchia ». 



♦ ♦♦♦♦♦♦ 



NOTIZIE DEL MESE DI LUGLIO 



Cenni topografici di Firenze Romana. 

IL 

Gli edifizi. 

Nel 1875 scavando per il fognone in Via dei 
Gondi, furono trovati i resti di un teatro posto 
per la massima parte sotto il Palazzo Vecchio 
con la scena a levante, lunga presso a poco 
quanto la Via dei Leoni cui sta presso. I muri 
sostenenti le volte convergono ad un centro, 
verso l'angolo del Palazzo Vecchio tra le vie 
dei Gondi e dei Leoni; la loro grossezza de- 
cresce neiravvicinarsi al centro medesimo. Le 
volte vi son disposte sopra, in linea inclinata 
cosi da sostenere le gradinate. La costruzione 
è simile a quella del teatro di Fiesole e vi si 
trova pure il pozzo. 



i/l ILLUSTRATO RE FIORENTINO 95 

Potè essere un avanzo del detto teatro il 
Guardingo esistente già presso la porta setten- 
trionale del Palazzo Vecchio, di cui dice il 
Villani: « Guardingo fu poi nomato l'anticaglia 
« dei muri e delle volte che rimasono disfatte 
« dopo la distruzione di Totile ». Il suo nome 
vien da guardare o custodire ed era probabil- 
mente un rudero ridotto a fortilizio per difesa 
della città da quella parte. 

Nella continuazione poi del menzionato fo- 
gnone in Piazza della Signoria si scopersero 
presso la statua di Cosimo le vestigia di una 
doppia porta romana nella dirittura di Via 
Borgognona per cui una strada dovea sboccare 
nell'Anfiteatro rasentando il teatro e il tempio 
di Iside. E lungo il tracciato di quella strada 
eransi trovati nel 1872 a metri 4,50 di profon- 
dità frammenti di statue, epigrafi, urne ed altri 
oggetti dell'epoca romana così da farla credere 
fiancheggiata dai sepolcri, i 

A tal proposito accenneremo che cippi ed 
epigrafi sepolcrali, ritenuti dal Gamurrini di 
coloni Augustei, furono scoperti nel 1873 tra i 
due argini della ferrovia presso la fortezza, 
allo sbocco del Viale in Curva, lungo il percorso 
dell'antica via Cassia. De' tempi romani un al- 
tro sepolcreto fu trovato presso la Pieve di 
S. Stefano in Pane ed un altro con tombe cri- 
stiane del IV secolo sotto la piazza e la chiesa 
di S. Felicita oltr'Arno. 



$$ i/lLLUSTRATORE FIORENTINO 

Il tempio d'Iside sorgeva ove fu poi V Ora- 
torio di S. Firenze, adesso aula del Tribunale. 
Nel 1772 fondando la chiesa si trovaron molte 
epigrafi e basamenti di colonne ; altre se ne 
rinvennero nel 1884 scavando il fognone in 
Borgo dei Greci, in cui furon pure ritrovati 
tanti pregevoli avanzi traversando coi lavori 
l'area dell'anfiteatro. 

Sul muro esterno di questo ultimo monumento 
costruito di bozze ' di pietra forte, sorgono le 
case che tondeggiano da Piazza dei Peruzzi 
per Via Bentaccordi e Via Torta. La area che 
poteva contenere ben quindicimila spettatori è 
traversata dal Borgo dei Greci e dalla Via del- 
l'Anguillara. Era di forma ellittica e delle sue 
pietre fu costruita l'antica facciata di S. Iacopo 
tra' fossi che ancora si vede in Via delle Brache. 
Dopo che esso fu rovinato, le burelle (buche- 
relle) specie d'antri formati dai muri concen- 
trici che sostenevan le gradinate, serviron di 
prigioni e di lupanari. 

Il nome di Parlaselo o Parlagio, scritto in 
latino barbaro perilasiurn, dato nei bassi tempi 
ai teatri ed anfiteatri, credesi derivato dal 
greco a significare circuito o recinto. 

In Piazza S. Giovanni nel 1887 e nel 1895 
apparve ad ovest, dietro la tribuna, ove fu già 
l'atrio, una costruzione tondeggiante a riseghe 
di pietra forte che può credersi la costruzione 
dell'antico tempio di Marte* Più ad ovest ancora, 



L* ILLUSTRATORE FIORENTINO 97 

sotto l'Arcivescovado, si scoperse un gran pa- 
vimento marmoreo; e a nord i resti d'una casa 
romana con Vimpluviurn, estendentesi in parte 
sotto il Battistero. 

Tra Fattuale Via delle Terme ed il vicolo 
di Capaccio fu già un cospicuo edifizio dei 
tempi romani di cui il Manni descrisse gli avanzi 
creduti di terme, sebbene niun rudero apparisse 
di forni né di suspensarae. Vi fu probabilmente 
il Caput aquae o Termine dell'acquedotto di 
cui dicemmo nell'articolo precedente, del quale 
vedevansi alcune arcate in Via Faenza, presso 
lo sbocco di Via Panicale, e che proseguendo 
in dirittura per le Vie Zannetti e dei Vecchietti 
alimentava le terme veramente ritrovate fra 
quest'ultima strada e quella dei Pescioni, nel- 
l'area ove sorge la locanda d'Elvezia. 

Nell'angolo che facevano i lati di tramontana 
e di ponente della città romana nel quadrato 
oggi compreso fra le Vie dei Tosinghi, dei Vec- 
chietti e degli Strozzi ed il lato occidentale 
della Piazza Vittorio Emanuele era la rocca o 
Campidoglio cosi chiamato a imitazione di quello 
di Roma. 

Nelle demolizioni del 1891 sono apparse le 
sue grosse ed estese muraglie rivestite di pie- 
tra ed i suoi giganteschi e durissimi smalti ; i 
ruderi dei suoi templi rialzati di circa quattro 
metri sul livello del Fóro che gli stava dinanzi 
e dove furon poi la Piazza di Mercato Vecchio 



98 l'illustratork fiorentino 

e il Ghetto Nuovo. Sull'area di quest'ultimo, ove 
sorge ora il Palazzo della Fondiaria, apparve 
una bellissima e ben conservata costruzione da 
cui una volta rampante volgeva al Campido- 
glio a sostegno d' una marmorea gradinata 
d'accesso. 

E di marmo era pure lastricato il piano del 
Fòro ove nel crocicchio tra il cardo e il decu- 
mano, presso al luogo ove sorse nel 1431 la 
Colonna di Mercato, si scopersero gli avanzi 
d'un piccolo edifizio, probabilmente ad uso di 
portico pubblico. 

Concludendo diremo, come mentre gli edifìzì 
demoliti eran già guasti e trasformati talché 
ben pochi li stimavan degni di qualche riguardo, 
sono usciti alla luce per la loro demolizione 
importantissimi avanzi etruschi, romani e me- 
dioevali che adesso ognuno può studiare nel 
Museo archeologico ed in Quello di S. Marco. 
Ivi stanno sotto l'amorevole custodia di due 
benemeriti delle antichità nostre, il Prof. Luigi 
Milani ed il Cav. Guido Carocci che insieme al 
Prof. Corinti seppero difenderli dalla incuria 
del Municipio e dalla vandalica furia degli ac- 
collatari. 

Di Firenze vediamo nel cortile del Museo 
archeologico e nelle sale che gli stanno a le- 
vante, i resti del tempio d' Iside, dell'anfiteatro, 
delle terme Capitoline, del fontanile e della 
torre di mattoni trovati presso la porta setten- 



t/ illustratoci: fiorentino 99 

trionale ; rimpluvium ed i pavimenti a mosaico 

di piazza S. Giovanni ; i pezzi di lastrici del 

fòro, delle vie Cardinale e Decumana e di 

cloache ; esempi di costruzioni presillane, della 

colonia e dell' età Adrianea, e avanzi di tombe 

italiche trovate sotto il vicolo del Campidoglio 

ove è ora il Gambrinus. 

E tanti altri cimelii delizia pei cultori delle 

patrie memorie. 

A. Guerri. 



Gli Otto Santi, ovvero gli Otto della guerra 
contro Papa Gregorio XI. 

Stavano i Papi in Avignone e tutti gì' inte- 
ressi che la Chiesa aveva in Italia affidavano 
ai loro Legati i quali commettevano ogni sorta 
d'arbitri e di prepotenze, cercando di suscitare 
inimicizie fra i vari stati per avere occasione 
di accrescere il dominio pontificio. Di questi le- 
gati, uno dei più arditi e più fieri fu Guglielmo 
di Noellet cardinale di S. Angelo che parteg- 
giando per i ghibellini, cercò ogni modo per ab- 
battere il partito guelfo, macchinando d' insi- 
gnorirsi della Toscana. 

Naturalmente trovò l'opposizione più fiera nei 
fiorentini che essendo a capo di parte Guelfa ri- 
corsero ad ogni mezzo per fiaccare l'alterigia 
e l'ambizione di quel cardinale. 

Collegatisi con repubbliche e con signorie 



100 l'illustratore fiorentino 

<T Italia, essi riuscirono a ribellare all'autorità 
della Chiesa molte delle principali città dello 
Stato pontificio e arditamente mossero guerra 
a Papa Gregorio XI, mandando per ogni dove 
le milizie loro e quelle degli alleati a combat- 
tere le soldatesche mercenarie racimolate del 
cardinale. 

Fu lunga la guerra e le sorti furono tutt' altro 
che favorevoli alle mire ambiziose del legato 
Pontificio, tanto che Papa Urbano VI, succeduto 
a Gregorio XI, si vide costretto a venire a patti 
coi fiorentini e concludere una pace onorevole. 

Ad amministrare e dirigere le cose della 
guerra, la Repubblica creò un magistrato di 
cittadini, chiamati gli Otto di guerra, ai quali il 
popolo dette per bizzarria il nome di Otto Santi, 
per il modo sapiente col quale seppero operare 
a vantaggio e a decoro della patria. 

A cotesti otto cittadini vennero tributati onori 
grandissimi e concessi privilegi speciali, a pro- 
posito de' quali crediamo utile riportare quant'è 
scritto in una cronachetta d' incerto autore pub- 
blicata da Domenico Maria Manni. 

1376. e .... udendo e vedendo il populo di Firenze che 
l'ufìcio degli Otto della guerra del comune di Firenze era tanto 
unito, e in concordia insieme a fare, e ad operare ciò ch'era 
onore, e grandezza, e libertà del populo e comune di Fi- 
renze, come savi e discreti pensarono di fare loro ricchi 
doni, acciocché eglino, e gli altri cittadini quando fossono 
in uficio, facessono bene, e valentemente i fatti del co- 
mune ; e donarono a ciascheduno di questi Otto della guerra 



l'illustratore fiorentino 101 

una targa, e un pennone, dipintovi entro l'arme di quello 
cittadino, e di sopra alla sua arme un campo vermiglio 
con lettere d'ariento, che diceano libertà, e donarono a 
ciascuno una coppa d'ariento e due nappi, e dodici cuc- 
chiai di valuta di fiorini cento; e donarono a ciascuno di 
questi Otto un coltello, e che egli, e suo compagno potes- 
sero portare l'arme sempre alla loro vita. E queste cose 
a ciascuno a suoni di stormenti (?), e con compagnia fu 
mandato a casa sua. 

I nomi di questi valenti otto cittadini sono 
questi : 

Nel quartiere di S. Spirito, Alessandro di messer Ric- 
cardo de'Bardi e Giovanni Dini speziale grosso. Quartiere di 
S. Croce, Giovanni di Guido Magalotti e Andrea di messer 
Francesco Salviati. Quartiere di S. Maria Novella, Tom- 
maso di Marco degli Strozzi, e Gnccio di Dino (Gncci) la- 
naiuolo. Quartiere S. Giovanni, Matteo di Federigo Soldi, 
e Giovanni di Mone Biadaiuolo ». 

In attestato poi di altissima fiducia, questi 
otto cittadini vennero confermati nel loro uffi- 
cio per altri sei mesi con deliberazione del 13 
luglio 1376. 



(ìli Orefici e il Ponte Vecchio. 

I Capitani di Parte pubblicarono in Firenze 
il 27 settembre 1594 un bando per ordine del 
granduca Ferdinando I, col quale si comandava 
a tutti gli orefici della città che, a partire dal 
Maggio 1594, tutti dovessero tornare nelle bot- 



102 



IV I LLU ST K A TO UE FIO li ENT I N( ) 




teghe del Pontevecchio, fino a quel tempo oc- 
cupate da beccai, ortolani e simili arti, forse 



l'illustratore fiorentino 103 

per abbellire le vicinanze e le vie, che condu- 
cevano al Palazzo Pitti, già divenuto residenza 
dei Granduchi. I proprietari di quelle botteghe, 
considerando che gli orefici erano obbligati dal 
bando a tornarvi, pretesero di rincarare del 
doppio ed alcuni anche più, le antiche pigioni. 
L' Università degli orafi, ai quali il bando im- 
poneva non pochi sacrifizi, si rivolse allora al 
Granduca, affinchè procurasse che i padroni 
delle botteghe fosser contenti del prezzo onesto 
e conveniente per la pigione. Eiconobbe il So- 
vrano la giustizia della domanda e con rescritto 
del 3 Ottobre 1593, ordinava che per tre anni 
non fossero agli orefici rincarate le pigioni e 
che a loro spese fosser tenuti ad acconciare le 
botteghe a uso dell' arte loro. Non erano però 
queste botteghe quali oggi vediamo, perchè le 
così dette madielle furono fatte negli ultimi 
anni di Cosimo III, cioè nei primi del secolo 
XVIII, restringendo il ponte da ambo i lati e 
nascondendo in parte la forma delle botteghe 
costruite col ponte nel secolo XIV. 

G. B. Ristori 

La famiglia Della Trita. 

Quando gli Adimari antichissimi e potentis- 
simi cittadini vennero dichiarati Grandi ed 
esclusi perciò dal diritto di occupare i pubblici 
uffici nel governo popolare, alcuni di quella fa- 



104 l'illustratore fiorentino 

miglia, non volendo sottostare a cotesta condi- 
zione, rinunziarono air antica nobiltà ed al loro 
cognome per farsi di popolo ed assumere nomi 
differenti. 

Così da quella numerosa famiglia se ne co- 
stituivano molte altre che si chiamarono Ala- 
manneschi, Accorsi, Boccacci, Boccaccini, Ar- 
genti, Cavicciuli, Nipotecosi, Franceschi del 
Corso, Bonaccorsi da S. Cristofano, Della Trita, 
Rinieri, Roberti, Trotti. 

Di queste nuove diramazioni le più impor- 
tanti furono quelle dei Cavicciuli, degli Ala- 
manneschi, dei Bonaccorsi ; mentre quasi tutte 
le altre, col volger del tempo, finirono col rias- 
sumere il loro antico nome. 

In una pergamena dell'anno 1379, proveniente 
dal Convento di S. Croce, £ che si conserva 
oggi air Archivio di Stato, si trovano queste 
notizie relative alla costituzione della famiglia 
Della Trita. 

« Il Gonfaloniere e Priori, dichiarano che la 
famiglia di Lapo di Neri Della Trita degli Adi- 
mari e discendenti, risulta sia popolana e go- 
dere tutti i privilegi e benefìzi che vogliano 
godere i veri e originarj di detto Popolo, col 
diritto di godimento entro 20 anni di alcuni uf- 
fici maggiori e s' intendono divisi e staccati dai 
loro parenti, consanguinei e consorti >. 



l'illustratore fiorentino 105 



Il tabernacolo del Ponte di Stagno 
presso Lastra a Signa. 

A tramontana della via Pisana, poco distante 
dal ponte che attraversa il torrente Vingone 
esiste tuttora in mezzo ai possessi del Marchese 
Della Stufa, un grandioso tabernacolo o maestà. 
che nelF interno è adorno di pregevoli affreschi 
del XV secolo. 

Cotesti affreschi vennero dipinti dal fecondo 
pittore Neri di Bicci e nel suo libro di ricordi 
che si conserva neLF archivio delle RR. Gallerie 
troviamo la seguente notizia che a queir opera 
d' arte si riferisce. 

« A di 15 Giugno 1453 

« Ricordo che addetto di tolsi a dipingnere da Luca di 
Andrea di San Colombano a Settimo uno tabernacolo posto 
al Ponte a Stagno presso alla Lastra in sulla istrada pisana, 
nel quale debo fare queste fìghure cioè nella volta di d.° 
Tabernacolo 1 Dio Padre cho' serafini datorno champo azuro 
rosato (?) e stelle : nel mezzo di d.° tabernacolo l a nostra 
donna chol figliuolo i chollo in una sedia e sei agnoletti 
dattorno, da mano destra S. Luca, S. Gio Batista da mano 
sinistra S. Andrea e S. Antonio chon fregi datorno e marmi 
dapiè e di fuori messi.... di dette figure d ; oro fine e chosì 
tutto ornato doro fine el mantello di nostra d. a dazuro oltra- 
marino fino e tutta bene ornata e ogni altro luogo dove 
azuro acadasi debo tóre azuro di magna fino e chosì delle 
sopra dette cose nesiamo dachordo facendo tutta la spesa 
di mio acetto i cholori o legname di ponte : E dipoi fatto 



106 l'illustratore fiorentino 

il detto lavoro se avviene fusimo d' achordo del pag.° si 
debba per due artefici della pittura falla istimare e die. 
siamo dachordo e dogni altra chosa soprascritta ». 



Il Giardino de' Semplici. 

Giocondo e piacevole luogo di ritrovo fu per 
i fiorentini il Giardino de' Semplici che aveva 
il suo accesso sulla Via del Maglio, oggi Via 
Lamarmora e non pochi lo videro con ramma- 
rico chiuso al pubblico, quando divenne orto 
botanico annesso al R. Istituto di Studi Supe- 
riori. 

Quel giardino era stato creato da Cosimo I, 
il quale, nel 1543, prendeva a livello perpetuo 
dalle monache di S. Domenico del Maglio o di 
Cafaggio 26 staiora di terreno per destinarlo alla 
coltivazione di piante rare. I Granduchi Fran- 
cesco I e Ferdinando I completarono V opera 
del padre e Maestro Luca Ghini erbolajo fa- 
moso, ne ebbe la direzione e vi raccolse piante 
mediche rarissime d' ogni parte del mondo. 

Neir ampia vasca che era alimentata dalle 
acque del torrente Mugr^one, fu trovato anne- 
gato il 27 agosto del 1643 Niccolò di Luca 
ultimo della famiglia Della Luca e la voce pub- 
blica accusò il Cardinale Giovan Carlo de' Me- 
dici di essersi voluto sbarazzare di lui per ra^ 
gioni di gelosia. 



^ILaJa^Jr^ìiL =: 



NOTIZIE DEL MESE DI AGOSTO 



La Battaglia di Marciano. 

(2 Agosto 1554). 

Con Ferruccio a Gavinana, era ornai caduta 
per sempre la Fiorentina Repubblica, e ad 
Alessandro de' Medici, primo duca di Firenze 
trafitto da Lorenzino e da Scoronconcolo, era 
succeduto in giovanissima età Cosimo figlio di 
Giovanni delle Bande Nere. Questi, nominato 
Duca dal Senato dei Quarantotto, desiderava 
ardentemente di aggiungere al dominio di Fi- 
renze quello di Siena, la quale allora era sotto 
la protezione di Francia. 

Pertanto all'acquisto di Siena egli rivolse ogni 
suo studio, non senza il consenso dell'Impera- 
tore Carlo V, da cui ebbe Tedeschi e Spagnuoli, 
onde potè formare un poderoso esercito, che 



108 l'illustratore fiorentino 

affidò al Marchese di Malignano, cioè a Gian 
Iacopo de' Medici, capitano di ventura nominato 
da Carlo V Marchese di Malignano pei servigj 
resi all' impero. Costui a dì 27 Gennaio 1553 
si recò a Siena e tentò d' impadronirsi del ba- 
stione fuori la porta di Camollia. Se non che 
Piero Strozzi, fuoruscito fiorentino, che rappre- 
sentava le ultime reliquie del partito repubbli- 
cano, gli resistè gagliardamente e lo costrinse 
ad abbandonar l'impresa. 

1 Senesi conobbero allora quali fossero le 
mire di Cosimo, e reputarono opportuno di non 
starsene colle mani a cintola. Nominarono lo 
Strozzi capitano generale ; ed egli fortificò la 
città, mentre il Marignano la stringeva d'assedio. 
La resistenza dei Senesi fu meravigliosa. Le 
donne istesse fecero prodigj di valore. Infatti, 
esse formarono tre schiere composte di mille 
donne, guidate ciascuna da nobili donzelle, cioè 
da Laudomia Forteguerri, Livia Fausti e Fausta 
Piccolomini. Quelle valorose innalzarono colle 
proprie mani, dirimpetto al colle dell'Osser- 
vanza un terrapieno a difesa della loro città, 
per la quale si esposero ad ogni pericolo. 

Piero intanto, soccorso da Enrico II re di 
Francia, fece delle provvisioni, e procurò a 
tutto potere di tener lontano dalla città il Mar- 
chese di Marignano. Quindi è che egli portò la 
battaglia nella Val di Chiana, dove a lui sem* 
brava di poter combattere con grande vantaggio, 



l'illustratore fiorentino 109 

Era poi suo disegno impadronirsi di Arezzo ed 
introducendosi nel Valdarno recare grave im- 
barazzo al Duca. Dopo alcune scaramucce av- 
venute in diversi luoghi, fatto passare all'esercito 
il ponte della Chiana, facendo per via stragi e 
devastazioni ed incendiando ogni cosa giunse 
in vicinanza d'Arezzo. Anche qui avvennero 
alcune scaramucce senza che lo Strozzi ne 
avesse quel vantaggio che ne aspettava : di 
guisachè egli reputò opportuno di tornare al 
ponte della Chiana ; quivi fu raggiunto dal Mar- 
chese di Marignano che per ordine di Cosimo 
gli teneva sempre dietro. Il Marchese aspettava 
il momento di potere esser sicuro della vittoria 
ond'è che scansava il combattimento. L'esercito 
francese assediò Foiano e l'espugnò. Il Mari- 
gnano si volse all'assedio di Marciano. 

Avvennero come per lo passato alcune sca- 
ramucce, finché il Marignano in seguito agli 
ordini del Duca che non voleva che lo Strozzi 
continuasse a fare scorrerie per il suo stato 
decise di venire a una battaglia decisiva. Il 
Marignano aveva 3 2000 fanti, 1200 cavalli e 200 
uomini d'arme. Lo Strozzi era più debole in 
ordine alla cavalleria. Ora avvenne che i due 
eserciti camminando sulla cresta delle colline 
giunsero al termine di una valle dove le due 
opposte catene di colli sui quali passavano 
erano tra loro vicinissime. Pertanto gli eserciti 
scesero nella valle divenuta angustissima e 



110 l'illustratore fiorentino 

s'azzuffarono. Essi non eran divisi che da un 
piccolo torrente. Quel luogo appellavasi Scan- 
nagallo. 

Era il 2 d'Agosto, giorno sacro alla festa 
di S. Stefano Papa e martire. La pugna durò 
tutta la giornata e d'ambedue le parti grande 
si palesò il valore dei combattenti. Se nonché 
a un certo punto la cavalleria che difendeva 
la soldatesca di Piero si dette a precipitosa 
fuga. Era Popera del tradimento. Imperocché 
Lodovico Borgonovo comandante della cavalle* 
ria era stato comprato con Toro del nemico* 
Infatti poco tempo innanzi, per mezzo di un con- 
tadino gli erano stati inviati dodici fiaschi di 
stagno che si erano creduti pieni di trebbiano 
ed invece erano ripieni di scudi d'oro. Costui 
adunque non ebbe rossore di abbandonare l'eser- 
cito di Piero che rimasto privo della cavalleria, 
non potè resistere altrimenti agli assalti del- 
l'avversario. La strage fu grandissima. I morti 
furono 4000, e quanti caddero nelle mani dei 
soldati di Cosimo, furono trucidati senz' altro. 
Ond'è che si reputò fatale il nome, che già era 
stato dato a quel luogo, di Scannagallo. Nella 
funestissima pugna lo stesso Piero rimase gra- 
vemente ferito ; e fu gran fatto, se con alcuni 
dei suoi si potè salvare a Montalcino. 

Il Settimanni a dì 2 Agosto 1554, giovedì, 
scrive : « Nel luogo dove fu fatta la giornata 
Piero Strozzi aveva per fronte Marciano, Lu* 



l'illustratore fiorentino 111 

cignano per ispalle, e Foiano per fianco, a man 
dritta luoghi presidiati da esso ». 

Della riportata vittoria immediatamente fu 
dato avviso a Cosimo, il quale, quando ne ri- 
cevette l'annunzio, trovavasi presso Santa Tri- 
nità, e precisamente nel luogo dove poi fu in- 
nalzata la colonna di granito coir iscrizione : 

COSMUS MED. MAGN. 

DUX ETRURTAE 

AN. M.D.LXX 

Cosimo si recò subito alla Chiesa della San- 
tissima Annunziata e a quei frati fece cantare 
il Te Deum in ringraziamento per la vittoria. 
In Firenze poi per tre giorni di seguito si fe- 
cero grandi feste. Cento bandiere prese al ne- 
mico furono esposte volte air ingiù in Palazzo 
Vecchio. Narra il Settimanni che il segretario 
del Marchese di Marignano, venuto apposta ad 
informare anche vie meglio il Duca intorno a 
quello che era avvenuto sul campo di Scanna- 
gallo, raccontò che raccogliendo il bottino di 
guerra, era stata trovata l'argenteria dello Strozzi 
ed un piccolo tamburo dove era la sua scriva- 
nia col sigillo e cifre e la patente di capitano 
generale, scritta in francese. Cosimo fino a 
quell'ora aveva ignorato affatto che Piero fosse 
capitano generale in Italia pel re di Francia. 

Molte cose furon fatte a ricordare la vittoria. 
Fu istituita la religione dei Cavalieri di Santo 



112 l'illustratore fiorentino 

Stefano, perchè, come abbiam detto, appunto a 
dì 2 Agosto, festa di quel Santo Pontefice fu 
vinta la pugna. 

In piazza di San Felice il Duca fece erigere 
con simile intendimento una colonna di marmo. 
Quella colonna in seguito fu tolta, come vien 
significato da questa iscrizione, che si legge in 
una casa dirimpetto alla Chiesa : 

A MEMORIA DELLA PUGNA TRIONFATA A MARCIANO 

COSIMO I 

NEL MDLXXII IN QUESTA PIAZZA 

MARMOREA COLONNA INALZAVA 

CHE PER MORTE NON POTÈ INAUGURARE 

COLLA STATUA DELLA PACE 

E LEOPOLDO II 

NEL MDCCCXXXVIII 

RIMOSSO L'IMPERFETTO MONUMENTO 

AL COMODO DEL POPOLO CRESCENTE 

PROVVEDEVA 

Anche in Palazzo Vecchio son memorie del 
fausto avvenimento. Infatti Cosimo ordinò al 
Vasari di dipingerlo nel salone detto dei Cin- 
quecento. Ivi in un ottangolo è rappresentata 
« la grandissima scaramuccia fatta a Marciano 
in Val di Chiana che seguì tre giorni avanti la 
rotta » ; ed il pittore afferma di avere in partico- 
lare usata diligenza « in ritrarre il sito di quel 
luogo, come sta appunto ». In questo ottangolo 
egli fece eziandio una figura grande che rap- 



l'illustratore fiorentino 113 

presenta « il padule della Chiana che a questo 
romore alza la testa ». Sotto l'ottangolo si legge 
questa iscrizione : 

GALLI REBELLESQ. PRAELIO CEDUNT 

Parimente nella parete, che è dalla parte di 
Borgo de 7 Greci, il Vasari dipinse in tre grandi 
quadri la presa de' forti di Siena ; la presa di 
Portercole e la fuga dello Strozzi ; e questo 
fatto di Val di Chiana nel quale lo Strozzi ebbe 
la terribile rotta fu « fatto tanto notabile, dice il 
Vasari, e di tanta reputazione e grandezza al 
Signor Duca Cosimo ». 

Ma uno de' principali monumenti, che ricor- 
dano la vittoria di Marciano, si è il tempio 
dedicato a Santa Vittoria, che sorge nel luogo 
dove oggi è la parrocchia del Pozzo, in mezzo 
al campo di quella battaglia. Fu edificato dal- 
l'architetto Bartolommeo Ammannati per ordine 
di Cosimo. Bello è l'aspetto, che il tempio pre- 
senta a chi viene da Lucignano. Sembra posto 
siccome sopra un altipiano lunghissimo, e la 
sua posizione è tale che agevolmente si può 
vedere da molti luoghi, ed eziandio a grandis- 
sima distanza. Il popolo lo chiama la Torre- 
L'editìzio è un bell'ottagono dalle linee pure. 
Le pareti sono tutte di mattoni arrotati e per- 
fettamente commessi. Le fascie e i pilastri 
degli. angoli sono di pietra, di pietra è la cor- 
nice di coronamento coll'attico su cui posa la 



114 



l'illustratore fiorentino 



cupola. Nelle pareti esterne sono piccole nicchie 
vuote ; e sopra a quelle, finestre circolari o 
rettangolari; 





Il Tempio di Santa Vittoria al Pozzo presso Marciano. 

Nella trabeazione air intorno potei leggere a 
stento qualche lettera di un' iscrizione, che vi 
fu scolpita a ricordo della vittoria. 



l'illustratore fiorentino 115 

La bella cupola è coperta di lastre di piombo. 
Dicono che le lastre, molte delle quali sono andate 
perdute, sieno state fatte col piombo delle palle 
nemiche. Il tempio ha tre porte. Sulla principale, 
sotto Tarme medicea, si legge questa iscrizione : 

COSMVS MEDICES 
MAGNVS DVX 
* ETRVKIAE 
A. D.M.D.LXXII 

La forma e la decorazione interiore del tempio 
sono della stessa maniera della forma e deco- 
razione usata esternamente. Le pareti sono tutte 
ricoperte di tinta azzurrognola, e presentano 
brutta vista a colui che le mira. Anche qui sono 
.alcune iscrizioni. Sopra la porta principale, sotto 
Tarme in cui è un leone rampante, si legge : 

GIOV. BAT. GIAFIGI 
PRO. DAR. 20 DORD. NE 
DEL SERE. M0 COS. MED. 
GRA. DVCA d. TOSO. 
M.D.LXXI1. 

Nelle pareti presso la porta principale, si leg- 
gono queste due iscrizioni : 

D. STEPHANO • PON • MAX - MAR ■ 
PIO III SVMI • ITID • PON • AVTHORI- 
TATE • AC • CONSILIO • COS * MED • 
CV • REGIIS • ORNAMENT • MAG • 
ETHRVRI.E DVX • EQSTRE • IN • 
SVA PVINC • ORDNE • ADVERSV • MA- 
RITIM • HOST1V INCVRSVS • SACTISS ■ 
€REAVIT • ET NVCVPAV • 



116 l'illustratore fiorentino 

D. STEPHANI • SVMI • PON • MAR • NOIE 
COS f MED • C V • REGALIB • INSI- 
GNIB • MAG • ETHRVRI^E • DVX • PIO 
III - Q • IN • EO • PONTIFICATV • SVC- 
CESSIT • AVTHORE • NAVALEM, • CON- 
TRA • XPIANOR • HOSTES • MILITIAM — 
RELIGIOSISS E • INSTITVIT. 

Il bel tempio, che è in pessime condizioni 
esternamente ed internamente, a ragione è stato 
interdetto, ed ora è spoglio della suppellettile 
sacra. Il più grande squallore regna ovunque 
e certamente avrà ben meritato delle Arti belle 
chi ne procurerà il restauro. 

Anche nel popolo di Marciano e nei popoli 
vicini si conserva viva tuttora la memoria di 
tal fatto, come mi veniva significato dal de- 
gnissimo pievano del Pozzo, Anastasio Baini, 
che mi fu guida eruditissima nella visita del 
Tempio. Anche oggi si ripete comunemente 
questa specie di proverbio : 

Piero Strozzi — dove Phai — ituoi bravoni? 
— a Santa Vittoria — in quei burroni. 

Breve tempo sopravvisse la Repubblica Senese 
alla sconfitta di Marciano. Lo Strozzi, ristabilito 
in salute, continuò a dare il guasto alla Val di 
Chiana e alla Maremma per allontanare da 
Siena le milizie del Marchese di Marignano e 
per potervi entrare a soccorrere i cittadini. 

Infatti nel maggior buio della notte con due- 
mila fanti e con duecento cavalieri, mosse a 



117 

quella volta. Avendo incontrato i soldati del 
Duca venne con loro a battaglia ; ma ne ebbe 
la peggio. Nulladimeno con i pochi soldati che 
gli rimasero potè entrare in Siena donde cacciò 
le bocche inutili. Questo accadeva a dì 18 Set- 
tembre 1554. 

Cosimo intanto ordinò che si rinforzasse l'as- 
sedio. Quindi è che i Senesi furono ridotti in 
brev'ora a patire la fame. 

Dopo quindici mesi, a dì 17 Aprile 1555, Siena 
fu costretta a capitolare, e così cadde anche 
questa gloriosa repubblica. 

Molti preferirono l'esilio alla servitù medicea. 

A Montalcino fu creata una nuova repubblica, 
la quale finalmente dopo quattro anni di eroica 
resistenza dovè cedere a Cosimo, che terribilmen- 
te si vendicò di tutti coloro che avevano favorito 
gV infelici Senesi, come terribilmente si sarebbe 
vendicato, se gli fosse stato possibile, eziandio 
dello Strozzi, che a qualunque costo, vivo o mor- 
to, avrebbe desiderato di avere nelle sue mani. 

Can. Dott. G. Buccm. 
San Giovannino dei Cavalieri. 



* 



(29 Agosto) 

Questa chiesa, oltre ai vari cambiamenti di 
titolo cui andò soggetta, ebbe a subire rifaci- 
menti e guasti tali, che oggi è una delle chiese 



118 l'illustratore fiorentino 

più ruinose della città. È detta San Giovannino 
dei Cavalieri, ma è invece dedicata a San Nic- 
colò vescovo. La sua origine risale al secolo XIV. 

Il dì 20 di Aprile deiranno 1323 Cambio di 
Cambio cittadino e mercatante fiorentino e donna 
Sapia, moglie del fu Gello Sacchetti domanda- 
vano licenza al capitolo della chiesa di Firenze 
di potere costruire nel popolo di San Lorenzo, 
nella località detta Camporeggi un oratorio sotto 
il titolo di Santa Maria Maddalena, avente per 
confini da tre lati la via e i frati ermini, dal 
quarto l'ospedale di San Giovanni dei porti; il 
che fu loro concesso con obbligo di pagare ogni 
anno al capitolo di San Lorenzo un cero di 
libbre 4 nel giorno della festa titolare (1). 

Nel luogo dove fu costruita la chiesuola di 
Santa Maria Maddalena abitavano varie donne 
di cattiva vita, che furono ridotte a penitenza 
da Don Enrico di Niccolò da Calenzano, mo- 
naco della Badia di Firenze, il quale con le ele- 
mosine raccolte acquistò quelle casucce e di 
lupanari che erano le convertì in luogo di pe- 
nitenza. L'oratorio di. Santa Maria Maddalena 
fu concesso allora ai monaci della Badia, sotto 
la cui giurisdizione rimase finché non fu ceduto 
ai Celestini, il che avvenne con bolla di Gio- 
vanni Gaetano Orsini, legato in Toscana di Pp. 
Giovanni XXII, spedita il dì 15 di marzo del- 

(1) Arch. di St. Fior. Dipi. Sant'Appollonia, 1323, 20 
Aprile. 



l'illustratore fiorentino 119 

Fanno 1329 ab incarnaiione (1330 s. e.) e di- 
retta a Tedice Aliotti vescovo di Fiesole e a 
Simone priore di Sant'Andrea. (1) La cessione 
fu proclamata il di 24 di Dicembre del 1343 e 
i monaci celestini si obbligarono al censo an- 
nuo di un cero di libbre 4 da pagarsi alla Ba- 
dia nel giorno della festa dell' Assunzione. (2) 

L'oratorio di Santa Maria Maddalena fu de- 
molito e i monaci, in onore del loro patrono 
San Pier Celestino, posero mano alla costru- 
zione di una chiesa grandiosa a tre navi con 
cinque grandi archi di sesto acuto per parte, 
con la cappella per V altare maggiore e due 
cappelle laterali e un ampio chiostro. I cele- 
stini eressero il campanile dove tuttora si trova 
una campana con P indicazione dell' anno 1336, 
donde facilmente si deduce che la nuova chiesa 
e il monastero fossero compiuti tra il 1328 e 
il 1336. (3) 

I monaci rimasero in questo luogo per circa 
duecentoventicinque anni e poi passarono in 
San Michele Visdomini, quando nel 1557 furono 
costretti a cedere il loro monastero alle monache 
di San Giovanni Gerosolimitano, (4) le quali 

(1) Manni. Osservazioni istoriche sopra i sigilli antichi. Tomo 
V, Sigillo I pag. 10. 

(2) Arch. di St. Fior. Dipi. Badia, 1343, 24 Dicembre. 

(3) Idem, Convento 133, N. 62. 

(4) Furono istituite nel 1392 da Fr. Riccardo Caracciolo, 
gran maestro di Lodi, il quale donò loro la chiesa e Pospe- 



120 l'illustratore fiorentino 

essendo numerose, posero mano a dei lavori di 
riattamento, che furono condotti in fretta, con 
F intenzione di spendere il meno possibile e di 
cavare un numero ragguardevole di stanze da 
uno scarso monastero e da una chiesa amplis- 
sima. (1) 

Le tre navi furono guaste e manomesse, gli 
archi furono murati per metà per fabbricarvi 
celle, infermerie, il coro superiore e poi quel 
F inutile androne, che serve di vestibolo alla 
chiesa. Le porte che davano accesso alle navi 
minori furono chiuse e le molte superfetazioni 
imposte air antica fabbrica tanto la deturparono, 
che invano oggi vi si cercherebbe orma di an- 
elale di San Niccolò alla porta di San Pier Gattolini, con 
un giardino e alcune case possedute dai cavalieri gerosoli- 
mitani. Le monache rimasero in questo luogo fino al 1529, 
anno in cui per 1 ; assedio furono costrette a sloggiare, es- 
sendo il monastero troppo vicino alle mura della città. Fu- 
rono allora ricoverate in casa dei Nerli, poi nelle case dei 
Bini. Terminato l'assedio Pp. Clemente VII fece dare loro 
la fabbrica della Sapienza, che era in piazza San Marco, 
dove si recarono nel 1531. Mentre si ri duceva il locale a 
monastero, il duca Alessandro, il quale aveva deciso di farci 
le stalle, trasferì le monache nel monastero di San Salva- 
tore dei Camaldolensi. Ma neppur qui rimasero a lungo; 
perchè Cosimo I volendo fortificare maggiormente Firenze, 
ordinò che da quella parte fosse fabbricata una cortina, il 
che danneggiò assai il monastero. Passarono allora in San 
Giovanni dello Scalzo e quindi nel monastero dei Celestini, 
ove rimasero fino al 1808, anno in cui furono soppresse. 

(!) Arch. di St. Fiorenti Conventi 133, n. 62. 



I? ILLUSTRATORE FIORENTINO 



121 



tichità. La tribuna con l'altare maggiore, che 
ricordava la munificenza dei Tedaldi, di cui ri- 
mane lo stemma nell' arco, venne manomessa 
per farne un coro, che fu separato dal corpo 
della chiesa dal barocco altare decorato di me- 
diocri dipinti di Pier Dandini e del Gherardini. 




Chiesa e Monastero di San Pier di Murrone in Via S. Gallo 

nella prima metà del sec. XV. 

(Dal Cod. di Marco di Bartolommeo Rustichi,) 

al quale si debbono anche gli affreschi della 
volta, che dipinse insieme a Rinaldo Botti, Le 
due cappelle laterali alla tribuna furono chiuse 
per ridurne una a uso di sagrestia, e Y altra a 
uso di guardaroba. In un libro di ricordi si legge 
che per rovinare la chiesa e il monastero fu- 
rono spesi 3000 scudi. 



122 ]/ ILLUSTRATORE FIORENTINO 

La chiesa così manomessa fu consacrata il 
dì 9 di Aprile dell'anno 1553 per mano di Be- 
nedetto Nerli vescovo di Volterra, il quale la 
dedicò a San Niccolò, come è ricordato dalla se- 
guente iscrizione che si legge neLT interno, sopra 
la porta che dall'androne conduce nel tempio: 

E. DOMINUS BENEDICTUS DE NERLIS EP, 
VOLATER. DIE DOMINICA — IN ALBIS IX 
APRILIS MDLIII HANC ECCLESIAM AD 
HONOREM— S. NICOLAI EPISCOPI ET CONF. 
CONSECRAVIT L. Q. — DIES IPSAM EA DIE 
VISITANTIBUS IN PERPETUUM — DE VERA 
INDULGENTIA IN FORMA ECCLESIAE CON- 
SUETA — TEMPORE VEN. ABBATISSAE DO- 
MINAE BARTHOLOMEAE DE SIMONIBUS. 

San Niccolò, cui fu dedicata la chiesa, fu ben 
presto dimenticato e si preferì invece chiamarla 
San Giovanni decollalo, San Giovannino dei 
Cavalieri dal patrono delle gerosolimitane e 
sotto questo titolo è tuttora conosciuta. 

Tra tanto scempio, si ammira sempre qualche 
oggetto d'arte del tempo dei Celestini. È pre- 
gevole un' incoronazione della Madonna creduta 
di mano di Andrea Orcagna; la natività di Gesù, 
del Ghirlandaio. La natività del Battista è opera 
di Tiberio di Santi di Tito. Vi si trovano anche 
alcuni antichi reliquiari di rame dorato e un cro- 
cifisso, che le monache portarono dalla loro 
primitiva sede. 



l'illustratore fiorentino 123 

Sparse per la chiesa si leggono importanti 
memorie sepolcrali che ricordano cavalieri ge- 
rosolimitani e benefattori. 

Un disegno di questa chiesa e del monastero 
quale si trovava nella prima metà del secolo 
XV lo abbiamo nel diario di Marco di Barto- 
lommeo Rustichi, il quale la ricordò con queste 
parole: Anchora ve la chiesa di santo piero da 
monte murrone papa cilestrino. (1) 

Arnaldo Cocchi. 

(1) Seminario Fiorent. Codice pregevolissimo, compilato 
circa V anno 1425 e nel quale si vedono riprodotte molte 
antiche chiese di Firenze. Cfr. Cocchi. Le chiese di Firenze 
dal sec. IV al sec. XX voi. I, pag. 21. 



NOTIZIE DEL MESE DI SETTEMBRE 



Un primo flore del rinascimento 
in San Domenico di Fiesole. 

La Chiesa di San Domenico di Fiesole col- 
Fattiguo chiostro, cominciata a costruire nel 1406 
dal Beato Giovanni Dominici, e per i torbidi 
dello scisma rimasta incompleta, terminata poi 
nel 1418 dopo il largo donativo di Barnaba de- 
gli Agli, riuscì un lavoro di forme affatto me- 
dievali, eleganti insieme e severe, sebbene gik 
fosse passato allora il gusto del gotico e co- 
minciassero a prender voga le forme classiche 
del rinascimento. 

Non poteva il Dominici, l'austero autore della 
Lucuta noctis, così di leggieri abbandonar le 
antiche tradizioni tanto a lui care ed accettar 
novità di forme, specie nella costruzione di un 



l'illustratore fiorentino 



125 



chiostro ove i Domenicani eran da lui richia- 
mati all'osservanza esatta delle antiche loro 
discipline ; e se la chiesa ebbe i suoi finestroni a 
sesto acuto, col gentile coronamento degli ar- 
chetti sotto la tettoia e brillarono nell'interno 




Chiostro di San Domenico dì Fiesole. 



nei lor fondi dorati le care madonne del Beato 
Angelico incorniciate nei loro trittici, il chiostro, 
a imitazione di quelli di Santa Maria Novella, ma 
più povero assai e modesto, ebbe le sue colon- 
nette ottagone che reggevano una semplice tet- 
toia, e il refettorio col suo atrio e la sala ca- 



126 l'illustratore fiorentino 

pitolare ebbero di forma affatto trecentesca i 
peducci delle loro volte, severe e scevre d'ogni 
ornamento. Tutto insomma richiamava quei buoni 
religiosi alla primitiva povertà e semplicità. Fi- 
renze, che agitavasi allora nella ricerca di nuove 
bellezze in arte e letteratura, era lontana da 
quei solitari e fedeli custodi dell' antico spirito 
domenicano : e questo è l'ambiente in cui deve 
studiarsi la vita di quei due grandi uomini che 
degnamente chiusero il medio evo ; prodigio 
l'uno di scienza, Paltro di artistico valore, santi 
e domenicani ambedue, Antonino Pierozzi e Fra 
Giovanni Angelico. 

Così premuniti, non ebbero poi i buoni reli- 
giosi alcuna difficoltà ad accogliere quanto di 
eletto e di sano era nelle forme del rinasci- 
mento che poi tutto dominò : e vediamo nel 1436 
sorgere San Marco, ove con Michelozzo, e forse 
con Donatello e Brunellesco, lavorò divinamente 
l'Angelico abbandonando nella tavola del mag- 
gior altare della chiesa Pantico sistema del trit- 
tico e racchiudendo in una bella incorniciatura 
classica le sue figure campeggianti in un vago 
fondo di cielo. 

Ed anche il convento fiesolano, sebbene più 
tenacemente geloso delle sue forme primitive, 
non esitò alfine, dopo un'altra metà di secolo, 
ad accettar le belle novità architettoniche ; e 
sorse allora addossato alla nuda muraglia che 
guardava levante, dinanzi alla vaga distesa delle 



l'illustratore fiorentino 127 

colline digradanti da Fiesole, da Maiano e da 
Settignano fino al piano di Ripoli, quello che fu 
per il Convento di San Domenico il primo fiore 
del rinascimento : un loggiato a volta, a colonne 
con capitelli ionici finamente ornati, e sopra dì 
esso un secondo loggiato a tettoia con colon- 
nette, su cui ricorreva la travatura sorretta da 
mensole eleganti. Ecco il documento tratto dalla 
Cronaca, pag. 4 r. : 

Circa afiu D.ni 1486 tempore prioratus fr.is Bonifatii 
de Salodio edificatimi e atrium sive semiclaustrum curo co- 
luuis et sup.ius testudinem cum solario coluflato parvis co- 
luriis 8U8tentantibus tectum ex parte orientali iuxta ortum 
ubi e. puteus ex elemosinis procuratis p. dictum fr.em 
Bonifatium a civibus Florentinis. 

Il loggiato inferiore resta ancora ; danneggiato 
per le intemperie delle stagioni e più per Fin 
curia e l'abbandono dopo la soppressione napo- 
leonica, fu, non è molto, restaurato con diligenza: 
ma la vaga terrazza coperta scomparve: es- 
sendo sembrato ai proprietarii dell'artistico lo- 
cale succeduti ai religiosi più sbrigativo sistema, 
piuttosto che restaurarla dai guasti del tempo, 
demolire ogni cosa e coprir la spesa della demo- 
lizione colla vendita dei materiali. Così il primo 
fiore del rinascimento, di cui l'austero Convento 
del Dominici erasi abbellito nel secolo XV, ri- 
mase, possiam dire, sfogliato: quasi languida 
memoria secolare, ma pur cara e preziosa. 

P. L. Ferretti de' Pred. 



128 l'illustratore fiorentino 

L' oriolo di S. Spirito. 

(11 Settembre). 

Il Settimanni nel suo Diario manoscritto dice 
che il giorno 11 Settembre 1571 alle ore 23 si 
cominciò a suonare la campana di S. Spirito che 
serve per Formolo e che fu regalata ai frati Ago- 
stiniani dal Granduca Cosimo I. 

In questa stessa occasione fu terminata la co- 
struzione della piramide del campanile che era 
rimasta per molti anni interrotta. 

Chiesa di San Michele Yisdomini. 

(29 Settembre). 

L' edifìzio non ha artisticamente un pregio, 
considerevole. Se ne togli la forma elegante 
della porta, tutte le decorazioni della parte 
esterna sono insignificanti, mentre Y interno, a 
forma di croce latina, è di un insieme fra il 
classico ed il barocco con pilastri ad arcate di 
stucco, abbastanza eleganti, ma di un tipo assai 
comune alle chiese rifatte nel XVIII secolo. 

Alla forma attuale la ridussero i Monaci Ce- 
lestini che qui vennero trasferiti nel 1532 dal 
convento di S. Piero del Murrone in Via S. Gallo, 



l'illustratore fiorentino 129 

distruggendo ogni traccia del carattere e delle 
decorazioni della vecchia chiesa che si diceva 
eretta col disegno di Andrea Orcagna. 

In origine però la chiesa dedicata a S. Mi- 
chele e che fin da tempo remoto fu di patro- 
nato di quella potente consorteria dei Visdomini 
o Bisdomini, custodi ed amministratori del Ve- 
scovado fiorentino in tempo di sede vacante, non 
era posta in questa località ; ma sorgeva invece 
sull'area occupata dipoi dalla cupola di S. Maria 
del Fiore. 

La prima notizia intorno alla demolizione 
della vecchia chiesa si trova in una provvisione 
della Signoria, dell'anno 1300, colla quale si 
delibera di dare alle famiglie patrone un com- 
penso di libbre 2000 per la parte di chiesa che 
era stata disfatta. 

Nel 1363 gli operai di 8. Maria del Fiore si 
occupano della costruzione della nuova chiesa : 
essi comprano infatti certo terreno dalla fa- 
miglia Falconieri, compresa una parte del muro 
antico della città ed ordinano a Giovanni di 
Lapo Ghini di presentare loro il disegno della 
fabbrica. 

Nel 1366 s'iniziano i lavori, sebbene la vecchia 
chiesa non fosse stata ancora del tutto disfatta, 
e nell'anno successivo il lavoro dev'esser rima- 
sto compiuto perchè gli operai di S. Maria del 
Fiore pagano ai patroni libbre 2829 di moneta 
corrente pari a libbre 2000 di quella antica. 

9 



130 l'illustratore fiorentino 

Nei documenti delP Opera del Duomo figura 
come abbiamo detto il nome dell' architetto 
Giovanni Girini e non quello di Andrea Orca- 
gna tradizionalmente indicato come Fautore 
della nuova chiesa, la quale fu benedetta da 
S. Andrea Corsini Vescovo di Fiesole. 

La chiesa di S. Michele Visdomini continuò ad 
esser semplice parrocchia secolare fino all' anno 
1553 nel quale venne concessa ai padri di S. Pier 
Celestino che eressero dal lato di Via de' Cre- 
sci, ora Via Bufalini, un piccolo convento dove 
tornarono ad abitare nel 1560. 

Fu soltanto alla metà del XVIII secolo che 
i monaci Celestini trasformarono internamente 
la vecchia chiesa col disegno dell'architetto 
Michelangiolo Pacini, spendendo nei lavori di 
riduzione la somma di 29,540 lire. 

In questi lavori di rinnuovamento scompar- 
vero molti affreschi che adornavano le pareti 
e fra gli altri alcuni di Matteo di Nardo e di 
Cosimo Rosselli e due tavole che erano state 
dipinte dal primo di cotesti artisti. I nuovi al- 
tari furono eretti col disegno del Pacini a spese 
di varie famiglie del popolo (1) ed in essi ven- 
vennero collocati i dipinti che ornavano un 
giorno le distrutte cappelle. 

Di questi dipinti quello che offre maggiore 

(1) Gli altari furono eretti dalle famiglie : Alessandrini, 
Berti, Buontalenti, Del Palagio, Macinghi, Pecori, Pelli, 
Petrucci, Portinari, Pucci e Rossi di Bergamo. 



l'illustratore fiorentino 131 

interesse è la tavola che Jacopo da Pontormo 
fece per commissione di Francesco Pucci e che 
adorna l'altare di questa famiglia, il secondo a 
destra di chi entra in chiesa. Rappresenta la 
Vergine col bambino, S. Giuseppe, S. Francesco 
e S. Giovanni Battista e gli storici delParte, a 
cominciare del Vasari, ritengono questa come 
una delle opere più perfette del Pontormo. 

Deir Empoli sono la Natività dell'altare dei 
Rossi di Bergamo (1° a destra) e l'Assunzione di 
quello dei Del Palagio (1° a sinistra). All'altare 
dei Buontalenti (3° a sinistra) la Concezione che 
il Borghini ed altri scrittori attribuiscono al 
Morandini detto il Poppi è invece di Francesco 
del Brina del quale si legge in basso la firma 
colla data 1570. 

Le pitture degli altri altari sono di Antonio 
Ciampelli, del Morandini e del Passignano. 

In sagrestia sono banchi ed armadi di legno 
con intagli ed intarsi di squisita fattura del XV 
secolo. 

I Celestini vennero soppressi nel 1782 ed al 
lora la chiesa tornò ad esser parrocchia secolare 
ed il piccolo convento venne venduto a privati. 

Sull'alto della facciata, fra la porta ed una 
finestra, è un tondo di pietra cogli stemmi dei 
Visdomini e dei Tosinghi e la seguente iscri- 
zione : Questo segno è comune de' Vicedomini 
figliuoli della Tosa Aliotti fondatori e padroni 
di questa chiesa. 



132 l'illustratore fiorentino 



La Via del Fosso, oggi Giuseppe Verdi. 

Dopo la morte di Giuseppe Verdi, il Consiglio 
Comunale di Firenze ebbe il lodevolissimo pen- 
siero di onorare la memoria del sommo maestro 
intitolando dal di lui nome una delle vie della 
città. E fin qui nulla di più opportuno e di più 
doveroso : Firenze rendeva omaggio ad una 
delle più fulgide glorie d'Italia ed un plauso 
unanime avrebbe accolto la proposta di chiamare 
Via Giuseppe Verdi una delle strade dei nuovi 
quartieri. Invece fu atto deplorevole ed ingiusti- 
ficabile quello di sostituire un nome moderno 
ad un nome antico, distruggendo un documento 
parlante della storia cittadina. 

Si trovò che il nome di Via del Fosso poteva 
esser soppresso senza tanti riguardi, forse perchè 
non era simpatico, senza pensare che esso non 
rammentava resistenza di un fosso, di uno scolo 
d'acqua qualunque, ma che stava a ricordare, a 
determinare in modo preciso la linea e lo spazio 
occupato dal fosso che circondava le mura del 
secondo cerchio. E così fra pochi anni, scom- 
parso quel nome, mancherà una memoria tanto 
importante per la topografia della vecchia città. 

Quando non c'erano i cartelli coi nomi delle 
vie il popolo continuò per lungo tempo a chia- 
mare del Fosso e de ? Fossi tutte quelle strade 



L'ILLUSTRATORE FIORENTINO 133 

aperte nello spazio occupato dai fossati delle 
mura; poi poco alla volta vi si sostituirono nuovi 
nomi ed ora non è rimasto più che quello della 
Via de' Fossi, fra Borgognissanti e Piazza S. Ma- 
ria Novella, via che insieme a quella oggi ribat- 
tezzata, stava a determinare i due punti estremi 
dell'antica città. 

Fino a pochi anni addietro, il nome di Via del 
Fosso era rimasto anche al tratto di strada fra il 
Ponte alle Grazie e la piazzetta delle Colonnine 
o di S. Iacopo tra i fossi ; ma in questo caso fu 
più logico comprendere questo tratto rimasto 
staccato nella Via de' Benci. 

Nessuno potrà però seriamente giustificare la 
soppressione di un nome che per la storia della 
nostra città aveva, per quanto potesse sembrare 
antipatico, più valore di qualunque altro nome 
moderno. 

Quella strada che fino a pochi anni addietro 
conservava il nome di Via del Fosso, compren- 
deva un tratto che per causa della terribile 
inondazione del 1333 venne battezzato col nome 
di Via del Diluvio, essendosi in questa località 
assai bassa inalzata più che altrove l'acqua del- 
l'Arno. 

Su questa via prospettava da un lato il muro 
squallido e nudo delle carceri chiamate le Stinche 
e siccome la via si allargava qui più che altrove, 
la località venne anche intitolata Piazza delle 
Stinche. 



134 l'illustratore fiorentino 

Di prospetto alle Stinche erano case apparte- 
nenti ad antiche famiglie: sul canto di Piazza 
S. Croce era una casa dei Doffi e di fronte a que- 
sta ne sorgevano diverse dei Risaliti, incorporate 
dipoi col palazzo Lenzoni. Sul canto di Via Ghi- 
bellina, chiamato Canto agli Aranci, il palazzetto 
oggi Barsanti fu dei Lioni e più tardi per il corso 
di varj secoli degli Iacopi, quindi dei Fabrini. 

Fra Via Ghibellina e il Canto alle Rondini 
molte delle case appartenevano al celebre mona- 
stero di S. Pier Maggiore del quale si veggono 
tuttora diversi stemmi. Sul canto di Via Ghibel- 
lina, fra questa e la Via dei Pandolfini già delle 
Badesse, erano dal lato verso ponente le case dei 
Salviati addossate ai resti delle mura cittadine 
del secondo cerchio ; dall'opposto lato era un 
palazzo dei Riccialbani. 

Il palazzo Mannucci Benincasa su quella specie 
di piazzetta vicino al Canto alle Rondini, fu edi- 
ficato alla metà del XVIII secolo da S. E. Angiolo 
e dal fratello Giovan Battista Tavanti nel luogo 
già occupato da quattro antiche casette. 

Dal lato opposto tutte le case poste fra la Via 
de' Pandolfini e Borgo degli Albizzi vennero erette 
dopo la soppressione del monastero di S. Pier 
Maggiore nei terreni già occupati dagli orti a 
quello annessi. 



l'illustratore fiorentino 135 



Un Messo dalla vista corta. 

A certo Angiolo soprannominato il Casciano 
messo della Corte del Nunzio pontificio di Firenze, 
parve di vedere, nel terzo dì della Pasqua di rose 
dell'anno 1740, nella chiesa dell'Annunziata, una 
cortigiana d'alta sfera, detta la Rossina; e tosto 
ne fece querela avanti la Corte arcivescovile, af- 
finchè venisse condannata, per inobbedienza ai 
bandi ecclesiastici, allora vigenti, i quali proi- 
bivano alle cortigiane V accesso a certe date 
chiese, fra le quali eravi appunto quella della 
SS.ma Annunziata. 

In forza di tale comparsa e citazione, sotto di 
8 Giugno dello stesso anno, Ginevra figlia di 
Antonio detto il Morello confortma,io, (pasticciere) 
il quale aveva la bottega in via de' Servi, e mo- 
glie di Francesco Della Rena, detta la Rossina 
(per essere, come la sua sorella Chiara, cortigiana 
essa pure, di pel rosso e di mediocre statura) 
comparve avanti al Canonico Vincenzio Buonac- 
corsi, giudice del criminale della Corte Arci- 
vescovile, e interrogata dal giudice, se fosse 
solita di andare in chiesa: 

R. secondo in che chiese: In quelle che non 
si può andare non ci vo\ In quelle che non 
sono nel Bando ci vo\ 

Interrogata quindi se in quella festa dello Spi- 



136 l'illustratore fiorentino 

rito Santo fosse stata nella Nunziata o in altra 
chiesa. 

R. No, perchè ero in villa del signor Antonio 
Del Turco in Val di Pesa. 

Contestatole dalla Corte, com' ella fosse stata 
veduta da un certo Angiolo detto il Casciano, 
al terzo dì della Pasqua di rose nella chiesa 
dell'Annunziata. 

R. Questo non è vero perchè ero in villa» 

E che la graziosa e simpatica peccatrice di- 
cesse la verità, lo affermano sotto il vincolo del 
giuramento, i seguenti testimoni : 

Taddeo di Giovanni Taddei, attesta che pas- 
sando per la via dell'Acqua, il lunedi della Pente- 
coste, dopo desinare, col Signor Vincenzio di Ia- 
copo Federighi picchiò alla casa della signora 
Ginevra Morelli, detta la Rossina, gli fu ri- 
sposto dalla serva : che la non era in casa, per 
essere ita in villa del sig. Antonio Del Turco, 
in Val di Pesa fino da Domenica mattina per 
trattenersi finite la feste. 

Iacopo Del Turco dichiara alla sua volta, come 
la verità è: che passando per la via dell'Acqua 
la mattina della Pentecoste insieme al signor 
Gio.Batta Del Garbo vide salire in carrozza la 
signora Ginevra Morelli detta la Rossina e gli 
(sic) domandammo : dove andava. Mi rispose in 
% villa del Signor Antonio Del Turco. 

Lo stesso afferma il sig. Gio.Batta Del Garbo. 

E finalmente il signor Antonio Del Turco di- 



l'illustratore fiorentino 137 

chiara di aver tenuto seco, nella sua villa di 
Val di Pesa tutte e tre le feste della Pentecoste 
la signora Ginevra Morelli detta la Rossina. 

Ecco qui quattro gentiluomini fiorentini, i 
quali dichiarano, con mirabile franchezza, avanti 
ad un tribunale ecclesiastico, i primi tre, di es- 
sere a loro cognizione, come la Giovanna Mo- 
relli detta la Rossina aveva passato i tre giorni 
della Pentecoste nella villa del signor Antonio 
in Val di Pesa, il quarto di averla tenuta seco 
in detto tempo. 

Curioso modo in vero di santificare la discesa 
dello Spirito Santo! 

Inutile aggiungere come, dietro tali attestazioni, 
il tribunale ecclesiastico non potesse fare a meno 
di assolvere la signora Ginevra Morelli dalla 
multa in cui sarebbe incorsa, se l'accusa fosse 
stata provata. 

Qui alcuno potrebbe osservare: come un Messo 
della Nunziatura pontificia avesse potuto prendere 
un granchio di quella fatta da scambiare, cioè, 
il viso ben noto di una cortigiana, con quello 
di un' altra donna ! 

VatteF a pesca. Forse costui era di vista corta, 
o novizio nel mestiero, oppure aveva santificato 
la Pentecoste in modo diverso dal Sor Antonio 
Del Turco, cioè carezzando il collo rozzo di 
un fiasco paesano invece del collo liscio e de- 
licato della Ginevra. 

Infatti, non solo manca nel processo V indica- 



138 l'illustratore fiorentino 

zione dell'ora in cui il fatto sarebbe avvenuto, 
indicazione di sommo rilievo, ma manca altresì 
la descrizione del pegno che le cortigiane sole- 
vano dare neir atto della cattura per liberarsi 
dalla carcere preventiva, e che era, inoltre, una 
prova della loro contravvenzione e una garanzia 
per le spese del processo. 

Vero è che l'accusa sarebbe stata invalidata 
dalle disposizioni dei quattro testimoni : Non 
si era mica gentiluomini per nulla a que' tempi ! 

È noto come la povera Ginevra venisse assas- 
sinata, alcuni anni dopo, nel proprio letto da un 
gentiluomo scostumato e ribaldo chiamato Pier 
Maria di Tommasino Medici, detto Pesce-cane. 

L'assassinio ebbe luogo il sabato 28 Marzo 
1649, e movente di questo, fu il furto. 

Insieme alla Rossina venne uccisa la fantesca 
dal servitore de' Medici, di nazione Lombardo, 
chiamato Paolo delle Stellette, il quale arrestato 
poco tempo dopo, fu appiccato e squartato al 
canto del Pino dove dimorava la Rossina. Pier 
Francesco, in grazia del nome illustre che por- 
tava, sfuggì al carnefice, ma non alla giustizia 
di Dio perchè, alcuni anni dopo la morte della 
Ginevra, morì di veleno a S. Piero aSieve (dove 
erasi rifugiato, e dove continuava a commet- 
tere un monte di ribalderie), che dicevasi esser- 
gli stato apprestato, per ordine segreto del Gran- 
duca. 

P. M. Dul Rosso 



NOTIZIE DEL MESE DI OTTOBRE 



Un ribelle di Cosimo I de' Medici che torna alla 
obbedienza. 

Nessuno forse più di Cosimo I dei Medici mise 
in pratica il noto parcere subiectis et debellare 
superbos : nessuno forse fu più di lui pronto a 
lanciare i fulmini della sua ira, ma nessuno fu 
del pari altrettanto pronto a ritirarli e a mo- 
strarsi grande e generoso verso coloro che es- 
sendosi acquistato un nome chiaro per qualche 
fatto egregio o d ? ingegno o di mano mostra- 
vano desiderio d ? essere assoluti del peccato che 
aveva loro procurato la sua collera. In una pa- 
rola Cosimo tanto era facile a punire, altret- 
tanto era facile a perdonare, e i perdonati po- 
tevano vivere non solo sicuri all'ombra della 
corona ducale, ma potevano anco ripromettersi 
cariche ed onori. 



140 l'illustratore fiorentino 

Caduta la Repubblica alcuni fiorentini pensa- 
rono non poter vivere sotto il governo princi- 
pesco, e pur troppo il breve, ma tirannico do- 
minio del bastardo Alessandro li confermò in 
tale idea. Spento l'esoso signore e venuto al po- 
tere l'adolescente Cosimo parve a coloro che 
sognavano ancora i tempi del Ferruccio che 
l'età troppo giovane del nuovo Duca non potes- 
se offrire alcuna garantigia di buona signoria e 
perseverarono quindi nel proposito di libertà, e a 
conseguirla si adoprarono con ogni mezzo; ma 
venne la sconfitta di Montemurlo e vennero di 
necessità i supplizi dei ribelli. E fu in grazia 
di questi appunto che gli agitatori sopravvis- 
suti, o per essersi mantenuti fino ad allora pru- 
dentemente nell'ombra o per altra qualsivoglia 
loro fortuna, dinanzi ad un principe energico 
che voleva, e costantemente voleva, consoli- 
darsi sul trono facendo ampia e larga giustizia 
di coloro che gli negavano l'ossequio non solo, 
ma che lo minacciavano pur anco nella vita, 
non che nello Stato, non si stimarono più si- 
curi in Firenze e non trovarono di meglio che 
imitare quello che avevano già fatto altri loro 
concittadini, rinunziare cioè di propria volontà 
alla patria, unirsi con gli altri fuorusciti e an- 
darsene raminghi esuli di corte in corte a of- 
frire la loro mente e il loro braccio a so- 
vrani stranieri. Cosi molti fiorentini si recarono 
in Francia e là nella reggia di Francesco I, di 



l'illustratore fiorentino 141 

Inrico II e di Caterina dei Medici, cugina di 
Cosimo stesso, ma certo non benevola a lui, 
fecero favorevolmente conoscere la loro città 
natale. Di quelli che non avendo voluto sa- 
pere del reggimento mediceo si illustrarono 
fuori d ? Italia, furono dei primi i due fratelli 
Strozzi, Piero e Leone, detto quest 7 ultimo il 
Priore di Capua. L'uno fu buon generale, e, 
scampato per miracolo dalla rotta di Monte- 
murlo, la sua valentia nelle armi la dimostrò 
specialmente nella difesa che e' fece di Siena 
nel 1554; l 7 altro fu buon ammiraglio e fu uc- 
ciso combattendo sotto Portercole. 

Un loro seguace fu Pandolfo di Cosimo della 
medesima loro casata. Costui era giovanetto allor- 
ché cadde la Repubblica, pure ¥ età troppo tenera 
non lo trattenne ; si arruolò sotto i due nominati 
suoi parenti e avendoli serviti « per spatio di 
« anni quindici in circa per mare et per terra» 
si acquistò voce di buon soldato e di ottimo 
marinaro. Legato con i due fratelli per sangue 
ed oramai più per amicizia, il nostro Pandolfo 
seguì Piero alla guerra di Siena contro Cosimo, 
e il 6 aprile 1554 ebbe per tale cagione bando 
di ribelle dal Duca. La sua fama di espertissimo 
capitano di galera giunse nondimeno anco a Co- 
simo; onde avvenne che poiché egli apprezzava 
e stimava il merito ovunque si trovava e am- 
biva anzi farsene quasi il centro, non fosse dif- 
ficile a Pandolfo ottenere il perdono allorché 



142 l'illustratore fiorentino 

lo chiese il 2 giugno 1565 con la lettera che 
qui oggi io stampo perchè mi sembra importan- 
tissima. È dessa infatti una breve storia delle 
sue peregrinazioni, storia narrata con schietta 
verità insieme con schietta umiltà, ma pure anco 
senza grande cortigianeria, non tenendo conto 
di certe frasi che erano comuni in quel tempo 
e che era d' uopo usare dovendosi rivolgere a 
persona altolocata. Lo scrittore chiede in so- 
stanza perdono al Duca, ma intanto gli fa sa- 
pere che air infuori di lui ha potenti protettori 
e, mentre lo assicura che « oltre al fare il de- 
« bito di fedeliss. m0 vassallo et servitore » (pa- 
role stereotipate allora in tal genere di lettere) 
reputerà fortuna grandissima che si serva Cosimo 
della persona e d'ogni altra cosa di lui come 
più gli piacerà, aggiunge e con una certa nasco- 
sta fierezza « se no mi starò obbedientiss. mo 
« affare e fatti miei ! » E Cosimo vedremo come 
lo credesse « buono a qualcosa per il servi. 
suo ». 

Ritornato Pandolfo Strozzi in grazia del Duca, 
fu da lui il 27 novembre 1n566 fatto cavaliere di 
Santo Stefano, (1) e con tal veste nel '71 fu alla 
battaglia di Lepanto come capitano della Santa 
Maria. Non so quando morisse ; i suoi biografi 



(1) Cfr. Biscioni - Buolo Generale dei Cavalieri di S. Ste- 
fano, manoscritto in A. S. F. 



l'illustratore fiorentino 143 

dicono che nel 1576 era sempre vivo (1). In ogni 
modo egli cominciò a farsi conoscere come ri- 
belle, e chiuse la sua vita come generale delle 
galere dell'Ordine di S. Stefano, del cui manto 
l'aveva rivestito quello stesso principe che già 
l'aveva colpito della sua giustizia punitiva. 

Sorte diversa da quella di Pandolfo l'ebbe 
Griovan Battista suo fratello. Anco egli fu acca- 
nito nemico dei Medici e poiché combattè con- 
tro Cosimo, a Marciano, nel memorabile 2 ago- 
sto 1554 preso prigioniero, ebbe il 13 settembre 
tagliata la testa m Firenze. Nei due fratelli 
Pandolfo e Giovan Battista Strozzi, si vede 
quanto differentemente trattasse Cosimo coloro 
che gli si sottomettevano umilmente e coloro 
che rimanevano ostinati nel combatterlo : gli 
uni e gli altri voleva vincere, ma a' primi 
erano riserbati gli onori e le ricchezze, mentre 
ai secondi era giustamente riserbato il palco e 
la corda. 

Firenze, 21 luglio 1908. 

« Ill mo et Ecc mo Sig. r mio osser. mo (2) 
« IL desiderio grandiss. mo che io ho d'essere reintegrato 
« in gra. di V. E. a Ill. ma mi porge ardire di scriverle la 

(1) Cfr. Litta, Famiglie illustri d? Italia, Famiglia Strozzi, 
Tavola XII. 

(2) R. Archivio di Stato in Firenze. — Arch. delMed. 
durante il Principato, — Carteggio Universale — Filza 516, 
a e. 24. 



144 l'illustratore fiorentino 

« presente con la qnale per conseguire l' intento mio ho 
« giudicato necess. et conveniente raccontare quali sieno 
« state 1' attioni mia passate, se bene con altra mia gliene 
« feci intendere più tempo fa, come la può ricordarsi. 

« Dico adunque havere servito il s. Piero Strozzi et li 
« suoi fr. elli per spatio d'anni quindici in circa per mare 
« et per terra, come soldato, nel qual tempo entrai in 
« quella comp. a eh' in Lione dava nome di repub. ca fioren- 
« tina. Venni da Malta con il Priore di Capua a Port' Er* 
« cole, dove stetti sino alla morte sua, doppo la quale mi 
« transferì nelle Maremme di Siena, et quivi stetti sino 
« che dal s. Piero fui spedito di ritorno a Port' Ercole, che 
« fumo quindici giorni in circa, da Port' Ercole andai a 
« Marsilia, dove trovandomi con carica d' una Galera m'ac- 
« compagnai con altre quatro galere franzese eh' all' hora an- 
« davano per soccorrere detto luogo di Port' Ercole, et ha- 
« vendolo trovato perduto ritornai in Francia, dove con- 
« tinuai nel med.° servitio sino alla morte del detto s. Piero; 
« questo è quanto io posso ricordarmi havere fatto contro 
« al servi. di V. E. a Ill. ma di che humilissimamente le 
« domando perdono supplicandola di volere usare verso di 
« me la sua solita benignità et clementia con ricevermi in 
« gratia sua, et se bene non mi sarebbano mancati in que- 
« sta Corte sig. ri grandi che volentieri harebbano fatto 
« questo offitio per me, verso V. E. a Ill, ma ho voluto non 
« di manco confidare più della bontà et benignità sua, che 
« d'ogni altro aiuto et favore et riconosciere dallei sola la 
« gratia ch ; io spero ottenere sì come ancora ho detto qui 
« a bocca all'Imbasciatore suo, assicurando V. E. a Ill. ma 
« che oltre a fare il debito di fedeliss. m ° vassallo et ser- 
« vitore suo, le resterò in perpetua obligatione, et se le 
«parrà ch'io sia buono a qualcosa per il servi. suo re- 
« puterò favore grandiss. 1110 che la si serva della persona 
« et d'ogni altra cosa mia come più le piacerà ; se no mi 
«starò obbedientiss. mo affare e fatti miei: et con questo 



l'illustratore fiorentino 145 

« fine bacio humilissimamen. te le mani di V. E. a IU, ma 
« pregando Dio che la conservi lungamente felicissima. Di 
« Roma, alli ij di Giugno nel 1565. 

« Di V. Ecc a Ill ma 
« Humiliss. m0 et obbedientiss. mo vassallo et s re 

« Pandolfo di Cosimo Strozzi » . 
Fuori : All' III™ et Ecc^o Sig.or ji S. or Duca 
« di Fiorenza et Siena, S. or et Prone 
« mio 08ser. mo ». 

C. 0. Tosi 



La battaglia di Lepanto. 

(7 Ottobre 1571). 

Nella celebre battaglia navale contro i Turchi 
ebbero parte grandissima le galere fiorentine 
della Religione dei Cavalieri di S. Stefano Papa 
e Martire sulle quali si trovarono molti genti- 
luomini d'illustri e potenti famiglie fiorentine. 

In quell'aspra pugna morirono fra gli altri : 
i Cav. Cristofano Buonaguisi, Cav. Carlo Lioni, 
Cav. Giannozzo Da Magnale, Cav. Federigo 
Martelli, Cav, Giov. Maria Puccini, Cav. Anto- 
nio Salviati, Cav. Simone Tornabuoni e Luigi 
Cianchi. 

Fra i feriti vi furono : il Cav. Angiolo Biffoli 
capitano d'una galera sulla quale perirono 60 
uomini, Fra Angiolo Martellini, Cav. Tommaso 
de' Medici capitano della galera Fiorenza che 
andò perduta, Fra Luigi Mazzinghi e Fra Piero 
Spini tutti Cavalieri di Malta. 

io 



146 l'illustratore fiorentino 



Il torrione dei Uhiberti nel Corso. 

Lungo la via che un giorno si denominava 
Corso di Por S. Pietro e che più tardi, senza 
motivo giustificato si chiamò semplicemente 
Corso, sorge sul canto di Via S. Elisabetta un 
grandioso edifizio a guisa di torrione che colla 
sua parte tergale corrisponde sulla Piazza di 
S. Elisabetta, in antico detta di S. Michele delle 
Trombe. 

Questo grandioso fabbricato, che oggi è di 
proprietà Alfani, è stato modernamente restau- 
rato e molto opportunamente liberato dallo stra- 
to di calcina che nascondeva sotto un rivesti- 
mento uniforme le severe e solide mura formate 
di filaretto di pietra. 

Così si è potuto avere una chiara idea della 
struttura di questo fabbricato che apparisce co- 
me un aggruppamento di torri, ridotte nel XIII 
o XIV secolo ad uso di casa d'abitazione. Di- 
fatti mentre sussistono i resti delle anguste 
aperture e dei mensoloni sporgenti delle vecchie 
torri, si veggono praticate nelle mura di note- 
volissimo spessore ampie finestre ad arco a por- 
zione di cerchio, quali si usavano nelle fabbriche 
sorte in quei due secoli. 

Forse le torri erano fra loro separate da 
angusti vicoli o piuttosto da semplici interca- 
pedini tanto che le mura di ciascuna di esse 



l'illustratore fiorentino 147 

fossero affatto staccate dalle altre, com'era l'u- 
sanza de' tempi. / . 

Certo quelle torri appartenevano a differenti 
famiglie dimoranti nel popolo di S. Michele delle 
Trombe e dagP indizi che possono trarsi dai do- 
cumenti più antichi parrebbe che fossero state 
di proprietà in parte dei Cavicciuli consorti degli 
Adimari, degli Erbolotti e d' altri. 

Da un primo documento del 1259 apparisce 
che Ugolino Cazzello e Gherardo d' Ildebrando 
di Manno venderono il 9 dicembre */ 4 di torre 
a Rinieri di Giliberto di Manno ed un altro 
istrumefito del 1282 ci dà notizia che Lapo di 
Abate Erboletti vendè un altro quarto di pa- 
lazzo con torre a Ruggero di Giliberto. Allo 
stesso gruppo di torri deve riferirsi un altro 
documento del 13 gennaio 1314 nel quale Cecco 
di Guccio da Pontorme confessa di aver ricevuto 
da Silvestro di M.° Salvatore una casa o torre 
detta del Bottaccio per dote di Giovanna del 
quondam Folco sua futura sposa. 

Notizie sicure di questo fabbricato non si 
hanno che col Catasto del 1427 nel quale, per- 
duto il carattere di un gruppo di torri, era di- 
venuto palazzo o casa di abitizione ed appar- 
teneva a Jacopo Ghiberti. 

Certo furono i Ghiberti, che, fin dal 1259 
avendo cominciato ad acquistare parte di queste 
torri, come abbiamo visto dai documenti ricor- 
dati, costituirono qui la loro dimora. 



148 l'illustratore fiorentino 

Come da loro passasse in altre mani, ce lo 
dice nella sua denunzia a] Catasto del 1480 
(gonfalone Vajo - S. Giovanni) Vittorio figlio 
del celebre scultore Lorenzo Ghiberti e pur esso 
abilissimo nell'arte del padre. Egli scrive in- 
fatti : « Abbiamo una casa nel popolo di S. Mi- 
chele delle Trombe la quale è d' Attaviano Al- 
to viti e dell' Agnola sua donna, la quale erede, 
o vero testamentaria di M. a Marca sua avola e 
madre di Jacopo Ghiberti padre di d. a Agnola 
la quale casa ane (hanno) obbligata come per 
un lodo, insino a tanto chelloro sia soddisfatto 
di certe ragioni ». 

Anche nel 1498 Vittorio Ghiberti accenna fra 
i suoi beni i diritti che aveva su questa casa ; 
ma quelle ragioni alle quali accennava nella 
sua precedente denunzia sembra non fossero 
mai sodisfatte, perchè la proprietà dell'edilizio 
rimase costantemente alla famiglia Altoviti. Nel 
1498 infatti esso è di Attaviano d' Oddo Alto- 
viti, nel 1 534 appartiene ad un altro Attaviano 
di Jacopo e fin nel libro delle consegne del 1776 
figura in proprietà degli Altoviti. 

Dopo i recenti restauri ai quali abbiamo ac- 
cennato, T edifizio conserva i caratteri di un 
torrione o palazzo del XIV secolo ed è interes- 
sante appunto perchè offre molti elementi vi- 
sibili per lo studio delle severe e robuste co- 
struzioni di quel tempo. 



l'illustratore fiorentino 149 



Il Palazzotto Comunale di Caprese. 

Che Michelangiolo Buonarroti sia nato a Ca- 
prese nell'alta valle del Tevere anziché a Chiusi 
in Casentino, nel tempo in cui Lodovico suo pa- 
dre era podestà dell'uno come dell'altro ca- 
stello è cosa ammessa ormai dai più, perchè 
essa trova appoggio in un atto che figura fra 
le memorie dello stesso Lodovico che si con- 
servano nell'archivio Buonarroti. 

Da queir atto, del quale esiste una copia dei 
tempi di Michelangiolo, apparisce che il figlio 
di Lodovico nacque il 6 Marzo 1474 e che fu bat- 
tezzato nella chiesa di S. Giovanni di Caprese. (1) 

Non eguale sicurezza può aversi nel deter- 
minare l'edifizio che a quei tempi serviva di 
residenza ai Podestà e nel quale Michelangiolo 
avrebbe dovuto avere i natali. ^ 

Come la maggior parte dei vecchi castelli, 
anche quello di Caprese subi per cagione delle 
guerresche vicende ed anche per le notevoli ro- 
vine trasformazioni e demolizioni infinite, talché 
oggi ben pochi resti sussistono del suo gagliardo 
ed ampio fabbricato. 

Esiste in Caprese il palazzetto che fu per 

(1) La chiesa di S. Giovanni, che era ridotta ad un cu- 
mulo di rovine, è stata da poco tempo restaurata e resti- 
tuita al culto. 



150 l'illustratore fiorentino 

qualche tempo sede dei Podestà e che oggi è 
residenza del Comune ed in quello vennero in 
occasione del centenario Michelangiolesco poste 
delle iscrizioni che indicavano anche la stanza 
dove il sommo artista sarebbe venuto alla luce. 
Ma i documenti esistenti dicono che il pa- 
lazzo del podestà fu ricostruito nel 1489 a tempo 




Palazzo Comunale di Caprese 



Fot. A li nari 



del Podestà Girolamo Parigi ed in esso non si 
trovano stemmi di residenti che siano anteriori 
al XVI secolo. È da ritenersi perciò che prima 
e più antica residenza dei rappresentanti della 
repubblica dovesse essere il palazzo o cassero 
dei Conti Guidi antichi signori di Caprese e 
cotesto palazzo più non esiste. Forse sorgeva a 
destra di chi entra per la porta del castello 



L 7 ILLUSXRATORE fiorentino 151 

nel luogo dove sono oggi alcune case di robusta 
costruzione e quest'opinione esprime anche Ge- 
remia Chinali in una sua accurata ed ampia il- 
lustrazione di Caprese. (1). 

Resta pertanto inalterato il fatto che Miche - 
langiolo è nato a Caprese e se non è facile de- 
terminare con piena sicurezza V edifìcio preciso, 
le lapidi possono stare benissimo sulla facciata 
del palazzetto che è la fabbrica più importante 
del castello e che oggi riassume in sé i vec- 
chi ricordi locali. 

Modesto e piccolo è quel palazzo, ma esso 
conserva un singolare carattere di antichità e 
presenta un iiìsieme oltremodo pittorico. 



Addio, mia bella, addio ! 

Che quest'inno, il più popolare fra noi e forse 
il più celebre fra tutti gli inni nazionali, sia 
stato scritto dalP avv. Carlo Bosi, pochi igno- 
rano oggidì. Nato nel 1813, morì il Bosi nel 
1886 e, poeta gentile sotto lo pseudonimo Ba- 
socrito, anagramma del suo nome, lasciò gra- 
ziose poesie. Nessuno però sa che fu dal suo 
autore scritto quest' inno nel caffè che si chiamò 
Castelmur, sul canto della via de' Calzaioli e 

(1) Geremia Chinali — Caprese e Michel angiolo Buonarroti — 
Arezzo, Bellotti 1904, 



152 l'illustratore fiorentino 

della via de' Tavolini la sera del 20 marzo 1848, 
quando partì per la guerra dell' indipendenza 
il primo battaglione dei volontari fiorentini. Col 
verso « Io vengo a dirti addio » avea F autore 
incominciato quest' inno, ma il popolo, senza 
dispiacere delP autore, lo corresse « Addio, mia 
bella, addio ». Nel sessantesimo anno da che 
fu scritto e pochi mesi dopo la chiusura del fa- 
moso caffè, mi è sembrato non disdicesse questo 
ricordo, dolente che Fautore delle guerresche 
note delP inno rimanga sconosciuto. 

Gr. B. Ristori 



: sgg r ?> og 'oigTfeg 



NOTIZIE DEL MESE DI NOVEMBRE 



La Chiesa ed il Convento d' Ognissanti 
Antichi ricordi dei Frati Umiliati. 

Fra le antiche chiese di Firenze quella di 
Ognissanti è una d^lle più importanti per i 
molti ricordi storici che ad essa si riferiscono 
e per la dovizia infinita delle opere d'arte onde 
nel corso dei secoli venne adornata. 

Nelle sue origini essa ci rammenta in parti- 
colar modo l'opera efficace e produttiva di un 
ordine monastico, quello degli Umiliati, che, 
fondato a Milano nel 1239, si diffuse in molte 
parti d' Italia, non solo per dedicarsi all'eser- 
cizio delle praticfie religiose, ma ancora per 
dare incremento e sviluppo ad industrie ed a 
commerci divenuti dipoi fiorenti ssimi. 

Venuti a Firenze nel 1239, gli Umiliati si sta- 
bilirono dapprima nel monastero di S. Donato a 



154 V ILLUSTRATORE FIORENTINO 

Torri o in Polverosa nei piani al disotto della 
città ; ma la località bassa, palustre, soggetta 
di continuo alte inondazioni dell'Arno e del 
Mugnone, non si prestava affatto a far prospe- 
rare le officine che essi vi avevano impiantato, 
sicché pensarono di trasferirsi in Firenze, dove 
avrebbero più facilmente avuto modo di procu- 
rarsi artefici e dare maggiore sviluppo alle fab- 
briche di stoffe di lana. 

Fra il 1250 e il 1251 essi ottennero la con- 
cessione della cappella di Santa Lucia e Fan- 
nesso spedaletto, posti nella località chiamata il 
Prato ed anche Pisola d'Arno, dove eressero 
un primo monastero ed iniziarono P impianto di 
officine alle quali potevano dar maggiore atti- 
vità, valendosi come forza motrice delle acque 
dell'Arno. 

L'attività prodigiosa degli Umiliati valse in 
breve tempo a trasformare completamente co- 
testo luogo dove, comprando e ottenendo in 
dono ampj spazj di terreno, poterono in breve 
corso di anni costruire una chiesa grandiosa, 
un ampio convento e tutti gli edifizi che erano 
necessari per la lavorazione delle lane. 

Fu così che in quella località chiamata Pisola 
d'Arno, perchè posta fra P Arno ed il Mugnone, 
sorsero fabbricati grandiosi per la lavatura e 
l'asciugatura delle lane, per la tessitura delle 
stoffe, insieme a gualchiere ed a tiratoi. 

DelP importanza di cotesto grande stabili- 

\ 



l'illustratore fiorentino 



155 



mento industriale e della ricchezza e potenza 
dei frati Umiliati rimase il ricordo in tante opere 




o 



da essi compiute, perchè oltre alla chiesa ed 
al convento si debbono a loro l'apertura e la 



156 L 7 ILLUSTRATORE FIORENTINO 

costruzione del Borgo d' Ognissanti, del Ponte 
alla Carraia, della pescaia attraverso al fiume, 
del canale per mettere in movimento gli opifici, 
delle gore, dei mulini ecc. che fino ai nostri 
tempi sussistevano. 

Tentar di riassumere le memorie relative agli 
Umiliati ed alla loro industria, che senza dubbio 
fu il principio dello sviluppo grandissimo che 
Parte della lana ebbe per varj secoli a Firenze, 
sarebbe opera troppo lunga e non è questo il 
nostro intendimento. 

Qui ci limitiamo a raccogliere in un bre- 
vissimo sunto • alcune memorie che si riferi- 
scono appunto ai tempi in cui gli Umiliati si 
trasferirono da S. Donato a Firenze e iniziarono 
le loro costruzioni, togliendole da pergamene 
che si conservano nel nostro K. Archivio di 
Stato, provenienti dalla Commenda Covi e dagli 
spogli del Senatore Carlo Strozzi. 

1250. — Messer Jacopo di Mainetto Tornaquinci e Fallie- 
rone e Lottieri suoi figli vendono a Fra Ruffino degli 
Umiliati priore di S. Donato a Torri due case e terreni 
posti vicino a Firenze fra S. Paolo e S. Lucia per fio- 
rini 497 (1). 

1251.-31 Maggio. — Uberto di Mondella Podestà di Fi- 
renze da licenza ai Frati di tutti i Santi abitanti presso 

(1) La consorteria potente e numerosa dei Tornaquinci 
possedeva fin da tempo remoto i terreni fra V Arno ed il 
Mngnone e nella così detta isola d'Arno aveva pure la pro- 
prietà di varii mulini. Anche la chiesa di S. Maria Novella 
fu eretta sui terreni dei Tornaquinci. 

\ 



l'illustratore fiorentino 157 

S. Eusebio (1), chiamati gli Umili, di poter fabbricare 
vicino alla strada dell' Isola d'Arno, alla Carraia. 

12 51. -Settembre. — Contratto di donazione fatto da Gio- 
vanni Vescovo di Firenze ai Frati Umiliati , della cappella 
di Santa Lucia di S. Eusebio e sue pertinenze per un'an- 
nua corresponsione di 15 soldi parvi pisani e un cero di 
libbre 1 per censo al vescovado di Firenze nel giorno di 
S. Giovan Battista. 

1256. — I frati Umiliati si stabiliscono nel convento accanto 
alla chiesa di S. Salvatore d' Ognissanti da loro edificata. 

1275.-20 Dicembre. — Fra Benvenuto degli Umiliati compra 
una casa nel popolo di S. Pancrazio da Coppo de' Ciam- 
pani, Stoldo di Chiarissimo e Baldovino di Ri miccio. 

1278. — Istrumento colla proposta fatta dagli Umiliati di 
cedere al comune di Firenze tutta l' Isola d' Ognissanti 
fino al fosso del campo della chiesa di S. Lucia con patto 
che il Comune, faccia fare un borgo ed una porta. 
Il comune, conosciuta l'entità della cosa, approva. 

1278. — I Frati Umiliati comprano e ricevono in dono 
dalla Repubblica varj terreni ed ampliano il loro con- 
vento ed i loro opifìci. 

1288.-24 Febbraio. — Protesta dei Frati Umiliati contro la 
badessa e monache di Marignolle che volevano fondare 
un monastero sui terreni comprati da Gianfìgliazzo di 
Rosso Gianfìgliazzi vicino a S. Eusebio. 

1289.-28 Marzo. — Nuova protesta dei frati rivolta al Vescovo 
Andrea perchè le monache avevano iniziata la fabbrica. 

1289.-11 Giugno. — Breve di Papa Niccolo IV che impone 
alle monache di Marignolle di togliere di mezzo le ves- 
sazioni che facevano ai Frati Umiliati colla fabbrica del 
loro convento. 

(1) Lo Spedale di S. Eusebio, destinato ad accogliere i 
lebbrosi, era sul Prato detto d' Ognissanti, poco lungi dalla 
chiesa di S. Lucia ed era sotto l'amministrazione dell'arte 
dei Mercatanti. 



158 l'illustratore fiorentino 

Questi sono i primi documenti che si riferi- 
scono alla storia del convento degli Umiliati 
d'Ognissanti, i quali fino al XVI secolo poterono 
esercitare le industrie loro e godere in pace i 
loro possedimenti. 

Poco dopo però, i molti beni del convento 
furono ridotti a commenda col titolo di Propo- 
situra dei Frati d'Ognissanti e, secondo Fuso 
del tempo, concessi in benefizio a Vincenzo 
Covi nobile e chierico di Brescia per bolla 
di Papa Paolo III in data 7 Aprile 1541. 

In quel tempo i padri Umiliati, mercè V intro- 
missione del Duca, al quale non erano troppo 
graditi, vennero cacciati da Ognissanti e nel 
1554 chiesa e convento furono dati ai Frati Mi- 
nori di S. Francesco. 

Quanto ai beni della Commenda Covi, nel 
1566 vennero incorporati nel patrimonio del- 
l' Ordine di S. Stefano e posti in nome del Gran 
Maestro, Cosimo Duca di Firenze. 

L' Arme dei Cancellieri di Pistoia e Romolo Fer- 
rucci di Fiesole. 

Soltanto da pochi giorni ho Y onore e il pia- 
cere di conoscere personalmente il Sig. Guido 
Macciò di Pistoia; ma da lui, ricercatore dili. 
gentissimo quanto modesto di memorie della sua 
patria, per mezzo di persona amica, già da 
tempo aveva avuto V appunto seguente : 



l'illustratore fiorentino 159 

« Archivio Cancellieri — 1592, Agosto 11. — 
« Sotto dì detto si messe la nostra arme dei 
* Cancellieri, di pietra sulla cantonata, fattaci 
« da maestro Romolo scultore fiorentino eccel- 
<« lentissimo, condotto da Firenze a Pistoia a 
« nostre spese con provvisione di scudi uno al 
v< giorno e il vitto per quanto durerà l'opera e 
« che i giorni festivi che non lavora corra solo 
« le spese. Venne a Pistoia a dì 18 Luglio e si 
« finì come sopra ». 

Questo dai ricordi di Giovan Battista Cancel- 
lieri, che vanno dair anno 1551 al 1610. Dai 
ricordi giovanili di quella tal persona, che mi 
procurò T appunto indicato, ho che molti anni ad- 
dietro il cicerone che menava in giro per Pi- 
stoia i pochi forestieri che allora vi capitavano, 
arrivato sulla Piazza di S. Bartolommeo, indicava 
con una certa compiacenza quel bel porcello po- 
sto in alto sulla cantonata alla sinistra di chi vi 
giunga dalla Piazza del Duomo e diceva: « Quello 
è di Donatello. » Non so se le parole del cice- 
rone a.vranno trovato fede piena neglifospiti pi- 
stoiesi, ma certo in molti degli abitanti della 
Città era ormai inveterata la tradizione (1) di 

(1) Cfr. Tolomei — Guida di Pistoia, 1821, pag. 90, 
ove confondesi evidentemente l' originale con una copia 
dell' arme, avente la figura rivoltata, trasportata dall'antico 
sul nuovo palazzo ora Ganucci Cancellieri presso San Fi- 
lippo. V. anche Tigri — Guida di Pistoia, 1853-4, pagg. 195 
e 211. 



160 l'illustratore fiorentino 

scorgere in quell'arme della potente famiglia una 
opera Donatelliana. 

A chi però abbia occhi per vedere e intel- 
letto per ragionare riesce facilmente palese Ter- 
rore del cicerone, dei forestieri da lui ingannati 
e dei cittadini pistoiesi vogliosi di aggiungere 
una gloria di più alle tante che pur racchiude 
la loro patria. Ma è pur sempre una splendida 
opera d'arte decorativa quella che ancora oggi 
si ammira sul palazzotto oramai non più degli 
antichi signori. La solennità Vlelle linee nella 
massa dello scudo signorilmente accartocciato 
con maniera che fa sentire il barocco, ma lo 
schiva ; la verità e naturalezza con cui il sozzo 
animale ivi rappresentato assume, per quanto è 
possibile, una graziosa movenza; la finezza con 
cui l'immenso blocco di pietra fu trattato dallo 
scalpello vi fanno scorgere la mano maestra ; 
ed io che nelle ricerche storiche della mia Fie- 
sole porto quello stesso amore che in quelle 
della sua Pistoia porta il Sig. Guido Macciò, 
mando a lui da lontano un pensiero di viva 
gratitudine per avermi procurato quella notizia, 
la quale mi fa riconoscere in quel « Romolo 
« scultore fiorentino eccellentissimo condotto da 
« Firenze a Pistoia » da Raffaello Cancellieri 
giureconsulto, che di poi nel 1601 eresse in fide- 
commisso quella sua casa oggetto per lui di cure 
assidue e di spese per quei tempi non lievi, un 
mio glorioso concittadino, di cui è bene che la 



L 7 ILLUSTRATORE FIORENTINO 161 

fama, a poco a poco oscuratasi, rifulga di nuovo 
pari al merito, in esempio ai fiesolani moderni, 
che pure trattano la pietra e il marmo. 

Figliuolo di Francesco detto il Tadda, famo- 
sissimo scultore e più famoso per aver ritro- 
vata la maniera di temperare il ferro per ren- 
derlo atto a scolpire il porfido, « a dì 30 di 
Settembre 1545 si battezzò (al sacro fonte 
fiesolano) Eomolo Michelagnolo (sotto buono 
auspicio con questo secondo nome poneva il 
padre il suo fanciullo) dei Ferruzzi, compare 
« M.° Tribolo scultore », (1) il quale con buona 
sorte scelto a tale officio dovette anche egli in- 
fondere nel suo pupillo tanta parte della sua 
genialità. Divenuto adulto e avutone il segreto 
dal padre suo scolpì Romolo infatti, a mezzo 
rilievo sul porfido, il ritratto del Granduca Fer- 
dinando I e della sua moglie Cristina di Lo- 
rena ; eseguì un bel deposito di marmo del Ve- 
scovo di Pistoia Giov. Battista Ricasoli morto 
nel 1572 e sepolto in S. Maria Novella di Fi- 
renze ove è condotto ottimamente a bassori- 
lievo il medaglione col ritratto del defunto pre- 
lato; fu Fautore della statua detta del Villano eret- 
ta in Livorno in onore di quei concittadini e sul- 
l'esemplare di Orazio Mochi fiorentino valente 
modellatore, ma altrettanto infelice scultore fu 
dato a Romolo ad eseguire in pietra il famoso 

(1) Archivio Capitolare Fiesolano — Libro dei battezzati, 
li 



162 l'illustratore fiorentino 

gruppo del giuoco del Saccomazzone. Ma soprat- 
tutto si segnalò questo nostro Romolo, come 
scrive il Baldinucci, nello ' scolpire in pietra 
ogni sorte di animali quadrupedi, perciò dai 
duchi di Toscana fu molto stimato e gli fu- 
rono fatti fare non pochi lavori, che abbelli- 
rono il giardino di Boboli. Lo stesso Baldi- 
nucci ci fa sapere ancora come nel dicembre 
del 1620 gli fossero assegnate alcune stanze 
nella Sapienza per esercitarvi la sua profes- 
sione. Ebbe il suo domicilio in Firenze ove 
sembra che nel 1604 comprasse una casa ; 
anzi il Burgassi dice che « la sua abitazione 
« fu nella contrada, che dallo Spedale di Santa 
« Maria Nuova e canto di via della Pergola si 
« inoltra verso la via di Pinti, e contiguo alla 
« porta della detta abitazione vedesi un vago 
« sgabelletto di pietra retto da un' arpia, e nel 
« prospetto della casa un ? arme di pietra (1) fatta 
« col suo scalpello » (2), e vi morì il 3 mar- 
zo 1621. Nell'anno 1701 si estinse la sua di- 
scendenza e i beni passarono nella famiglia Pa- 
triarchi pure fiesolana. 

DalP essere stata Firenze la sua abituale re- 
sidenza e il campo principale della sua atti- 

(1) Sepoltuario delle Chiese fiorentine, Ms. Mar. voi. II, 
pag. 517. 

(2) Sopra una casa modernamente rifatta in Via San- 
t 7 Egidio, vedesi ancora in alto quest' arme Ferrucci di 
assai buona scultura. 



L ? ILLUSTRATORE fiorentino 163 

vita artistica ebbe Romolo Ferrucci, come altri 
molti, il nome di scultore fiorentino ; ma a lui 
bene aggiunge Giov. Battista Cancellieri Y epi- 
teto di eccellentissimo ; e forse per la fama già 
acquistatasi coll'eseguire il sepolcro di un ve- 
scovo Pistoiese, o meglio per quella che ebbe 
nello scolpire ogni sorta di bestie, lo condusse da 
Firenze a Pistoia Raffaello Cancellieri per farvi 
T arme sua della quale è pezzo primario V im- 
mondo, ma pur tanto saporito animale. E più otti- 
mamente non poteva il Cancellieri essere da altri 
contentato come dal nostro fiesolano, il quale in 
soli 24 giorni, dei quali molti non lavorativi, poiché 
appunto in quell'epoca ricorrono le feste patro- 
nali di S. Iacopo, e perciò con soli 18 scudi, o 
quasi, di spesa e più il vitto, si ebbe quel ge- 
niale ornamento alla sua magione, la paternità 
del quale nessuno certo avrà mai sul serio at- 
tribuita a Donatello, ma che io son lieto di ri- 
condurre al mio glorioso concittadino. 

Can. Dionisio Brunori. 

Un possesso di un fiorentino in Francia 
nel XV secolo. 

Sfogliando i campioni della Decima, fonte ine- 
sauribile di notizie nuove e di non poco valore 
per la nostra storia, trovo il curioso cenno di un 
possedimento che un fiorentino del XV secolo 
aveva presso Lione in Francia. 



164 • l'illustratore fiorentino 

E tratto dalla denunzia dei suoi beni fatta 
nel 1427 al gonfalone del Lion Rosso da quel- 
P Andrea Rucellai, degenere figlio di Messer 
Francesco, e uomo tristissimo, che per avidità 
di guadagni si rese indegno del nome di una 
famiglia che con tanti cittadini illustri e bene- 
meriti onorò costantemente la sua citta. Costui 
andato in Francia e fingendosi ambasciatore 
della Repubblica, fece credere di avere autorità 
per ottenere la liberazione del Duca di Borbone 
caduto prigioniero degF inglesi e riuscì ad ot- 
tenere fraudolentemente ogni sorta di favori. 
Scoperta la cosa, Andrea insieme ad un suo 
complice, Piero di Bartolo Masi, tornando a 
Firenze venne nel 1434 decapitato nella corte 
del Palazzo del Podestà. 

Ritornando alla sua denunzia agli ufficiali della 
decima, essa dimostra nella forma colla quale 
è dettata la dubbiezza che il Rucellai aveva in- 
torno alla legittimità del suo possesso Eccola : 
« un luogo | da abitare che mi die il Delfino di 
Francia che mi rende f.ni C ma come voi sa- 
pete, questi signóri danno e tolgono alloro posta 
il più delle volte : detto si chiama bello luogo 
fBeaulieu) posto in su rodano presso alione ». 



L r ILLUSTRATORE fiorentino 165 

La famiglia di Cosimo il Vecchio de' Medici. 

Fin dal tempo di Averardo, che fu lo stipite 
del ramo principale della famiglia, i Medici 
avevano accumulato coll'esercizio della merca- 
tura e del cambio cospicue richezze che Gio- 
vanni d'Averardo e il figlio Cosimo accrebbero 
in modo notevolissimo, tanto da poter senza sa- 
crifici dar prova di quella infinita magnificenza 
che li rese arbitri della cosa pubblica. 

Delle sostanze che Cosimo il Vecchio lasciò 
morendo nel 1464 al figlio Piero e che costi- 
tuivano la parte del patrimonio familiare, pos- 
siamo avere un' idea spogliando la denunzia 
fatta da questi agli Ufficiali della Decima e che 
figura nel campione del Gonfalone Lion d'oro 
del 1469. 

In Firenze Piero di Cosimo possedeva : Un 
palagio con corte e loggia in Via Larga (oggi 
proprietà della provincia) — una casetta e tre 
botteghe in Piazza di S. Lorenzo dietro a San 
Giovannino — sette botteghe in Mercato Vec- 
chio — due case in Via Larga — tre case, fat- 
tene una, sul Canto di Balla rimpetto a S. Mi- 
chele Bisdomini (oggi palazzo Piccolellis) — 
un'altra casa in Via Larga e parte del banco 
della famiglia presso la loggia dei Cavalcanti. 

In campagna possedeva poi : un abituro ad 
uso di fortezza a Cafaggiolo, un albergo a San 



166 l'illustratore fiorentino 

Piero a Sieve, una casa d ? abitazione nel Ca- 
stello di Gagliano, una casa da signore detta 
Schifanoia a S. Piero a Sieve, un palagio ed 
una casa da signore a Careggi, varie case nel 
Castello di Calenzano, un casamento a Fiesole, 
la casa da signore a Fonterossi alle Rose, le 
possessioni di Colmezzano e Castelguasto in Ma- 
remma. 

Nella denunzia delle bocche che faceva se- 
guito a quella delle sostanze, la famiglia di 
Piero risultava cosi composta : 

Contessina (de' Bardi) madre di anni 78 — 
Piero di 52 — Lucrezia (Tornabuoni) sua donna 
di 40 — Lorenzo di 20 — Clarice di 17 e Giu- 
liano di 15, figli. Inoltre, aggiungeva Piero « ab- 
biamo in famiglia bocche 50 fra in sulle ville 
e Firenze ». 



NOTIZIE DEL MESE DI DICEMBRE 



Perchè il palazzo dei Signori Priori 
si chiama Palazzo Vecchio. 

In una corrispondenza fiorentina pubblicata nel 
Corriere d'Italia di Roma del 18 agosto 1908, 
si dava la notizia che alla domanda, « che tante 
volte i fiorentini si saranno rivolta senza riu- 
scire a trovarne la spiegazione », era stata data 
risposta dal d r Roberto Davidsohn nel quarto 
volume delle Forschungen zur Geschichte von 
Florenz. Mi affrettai a dichiarare errata la spie- 
gazione del d r Davidsohn, (1) ma brevemente 

(1) Nel giornale fiorentino La Nazione del 21 agosto fu 
inserita la mia rettificazione e lo stesso giorno venni a sa- 
pere che 1' anonimo autore della corrispondenza era il mio 
carissimo amico Gaetano Bruscoli il quale, tenendo conto 
delle constatazioni storiche riguardanti Firenze, che via via 
si pubblicano nei periodici stranieri, con zelo e sollecitu- 
dine le porta a conoscenza dei suoi concittadini. Il Bru- 



168 



l'illustratore fiorentino 



come comporta lo spazio concesso da un gior- 
nale quotidiano. Ora però, mi piace esporre con 
più larghezza agli amatori della erudizione fio- 
rentina gli argomenti sui quali fondo la mia 
contradizione. 

L'illustre storico, fraintendendo in parte i 
documenti da lui veduti relativi al palazzo del 
Capitano del Popolo, detto poi del Potestà ed 
oggi denominato del Bargello, attribuisce al pa- 
lazzo dei Priori V istrumento del 17 settembre 
1320. Con esso gli Operai, Soprastanti e Ufficiali 
deputati sopra la costruzione del palazzo del 
Comune, nel quale allora dimorava il Vicario 
Regio, allogano al maestro Tonio di Giovanni 
del popolo di san Lorenzo molti dei lavori da 
farsi in quelPedifizio, tra i quali totum labore- 
riurn lapideum — super davanzale de lapidibus 
rnagnis existens supra seu ante logiam dicti 
palata usque ad palatium veterem. 

Fra le condizioni e dichiarazioni contenute 
nel contratto vi è quella che maestro Tonio 
possa rompere o far rompere detto palatium 
veterem et etiam novum, se occorresse per col- 
scoli nello stesso giornale di Roma quattro giorni dopo, 
cioè il dì 25 Agosto tornò soli' argomento e, confessando 
di tener conto delle mie osservazioni, si trattenne dal di- 
chiararsi, volendo prima vedere il predetto IV volume delle 
Forschungen ; ma appena potè esaminarlo, sciolse il riserbo 
e riconobbe errata la spiegazione del d. r Davidsohn, dichia- 
rando nel Giornale del 12 settembre che la sola ammissibile 
era quella data da me. 



L 7 ILLUSTRATORE fiorentino 169 

legare V opera nuova con T ediflzio preesi- 




Palazzo del Podestà — La Scala, 

stente. Ricordando il d r Davidsohn di aver 
letto in altro documento del 26 marzo 1302 



170 



l'illustratore fiorentino 



che i Priori e il Gonfaloniere di giustizia di- 
moravano nel loro palatio novo, afferma essere 
evidente che tra quest'anno 1302 e il 1320 si 
costruisse per essi un secondo, palazzo, e che, 
per conseguenza, a quello per loro incominciato 
a fabbricare nel 1299, dopo appena ventanni 
si desse il nome di vecchio. 

Leggiamo in Giovanni Villani che dai « buoni 
uomini di Firenze fu eletto il 20 ottobre 1250 
Capitano di popolo messr Roberto da Lucca ; e fu 
il primo Capitano di Firenze e feciono 12 Anziani 
di popolo — i quali guidavano il popolo e con- 
sigliavano il detto capitano e ricogliénsi nelle 
case della Badia sopra la porta che va a Santa 
Margherita, e torna vansi alle case loro a man- 
giare e dormire. — E ? 1 gonfalone principale 
del popolo, che avea il Capitano, era dimezzato 
bianco e vermiglio. — E per più fortezza di 
popolo ordinaro e cominciaro a fare il pa- 
lagio il quale è di dietro alla Badia, e in sulla 
piazza di Santo Apollinare, cioè quello ch'è di 
pietre conce (1) colla torre ; che prima non avea 
palagio di Comune in Firenze ». (2) 

(1) Pietre conce, cioè piane e lavorate come lo sono quelle 
colle quali fu costruito questo palagio del quale la torre 
però è di pietra bugnata o baulinata, cioè di bozze colla, 
faccia sporgente. Il nuovo palazzo ha i muri di filaretto, 
cioè di piccole pietre lavorate semplieemente col martello, 
e come usualmente si dice accapezzate. 

(2) Per evitare ripetizioni, avverto che le parole di questo 
articolo racchiuse da virgolette, quando non sia indicato 



l'illustratore fiorentino 171 

Per portare ad effetto il deliberato, il Consi- 
glio degli Anziani nominò tre sindaci; e questi 
nell'anno 1255, in più volte, comperarono non 
poche case di legno e di pietra, torri, casolari 
ed orti nei popoli di Sani' Apollinare e di Santo 
Stefano alla Badia. Ben presto fu posto mano al 
lavoro, come si rileva da un contratto del 31 
luglio del detto anno, col quale i monaci della 
Badia vendono un terreno sul quale hedifica- 
tum est prò particula palatium populi fioren- 
tini. Non si conosce precisamente quando questo 
fosse destinato per il Potestà, ma certo presso 
alla fine del tredicesimo secolo, come lo dimo- 
stra la Provvisione del 6 agosto 1292 colla quale 
si stanziarono lire 67 prò reparatione pallata 
comunis fiorentini in quo moratur dorninus 
potestas. Cessato di esser la residenza del Capi- 
tano, non fu più chiamato palazzo del Popolo 
e si disse costantemente palazzo del Comune 
finché non fu abolito l'ufficio del Potestà. 

Venuto nel luglio 1316 in Firenze il conte 
Guido da Battifolle come Vicario del re Roberto 
di Napoli « s'ordinò e cominciò e fece gran parte 
del palagio nuovo ove sta la potestà » ed ai la- 
vori di questo palazzo e di quello del Popolo 
sopraintendeva una medesima deputazione di 
cittadini (Provvisione del 30 ottobre 1318). Il 20 



da dove son riportate, son tratte tutte dalla Cronaca di 
Giovanni Villani. 



172 I_ ? ILLUSTRATORE FIORENTINO 

novembre dell'anno successivo si stanziarono 
100 fiorini d'oro prò constructione, reparatione 
et perfectione pallata Comunis in quo moratur 
dominus Vicarius cum sua faynilia; e il 4 set- 
tembre 1320 si destinano per la prosecuzione 
della fabbrica stessa le multe esatte e da esigere 
per giuochi, proibiti, per porto d'armi proibite 
e da chi era trovato fuori di notte dopo il terzo 
suono della campana. Cessata la signoria del re 
Roberto, si riprese ad eleggere il Potestà come 
per lo addietro. Il 24 dicembre 1325 si tornò a 
chiamare un nuovo signore e questo fu Carlo 
duca di Calabria il quale, probabilmente a 
cagione dei lavori che si facevano nel nuovo 
palazzo del Comune, abitò nel palazzo e case 
de' Cerchi, mentre il suo Vicario stava con la 
famiglia nelle case de' Macci ad jura reddenda 
(Provvisioni del 23 settembre e 30 decem- 
bre 1326). 

Partito il dì 28 dicembre del 1328 il duca di Ca- 
labria e restata libera Firenze dalla signoria di 
un tiranno, fu immediatamente ripristinato l'uf- 
ficio del Potestà e si continuarono subito i lavori 
della sua residenza, facendosi a tale oggetto uno 
stanziamento di danaro il 23 gennaio del 1329. 

Più volte il palazzo o i palazzi del Comune 
ebbero a subire gravi danni : a quelli prodotti 
dall'assalto dato dal popolo minuto nel gennaio 
1295, che ne arse le porte, cacciò il Potestà e 
prese e rubò le masserizie, si aggiunsero quelli 



l'illustratore fiorentino 173 

cagionati dall' incendio sviluppatosi la notte del 




Palazzo Vecchio. 



28 febbraio 1332, nella quale « arse tutto il tetto 
del vecchio palazzo e le due parti del nuovo 



174 L'ILLUSTRATORE FIORENTINO 

dalle prime volte in su, per la qual cosa s'or- 
dinò per lo Comune che si rifacesse tutto in 
volte infino a' tetti ». E quasi non bastasse la 
violenza degli uomini e quella del fuoco, un 
altro elemento concorse ad accrescere i danni 
stessi : il 4 Novembre 1333, giorno della memo- 
randa inondazione, l'acqua « nella corte di sotto 
dove si teneva la ragione raggiunse l'altezza 
di braccia sei ». Che le notizie del nostro mag- 
gior cronista siano degne di fede è cosa univer- 
salmente riconosciuta; ed una delle tante prove 
è anche questa notizia relativa ai lavori resi 
necessari dal grande incendio del 1332 che ha 
la sua conferma nella Provvisione del 27 agosto 
dello stesso anno, colla quale fu nominata una 
balia ad reparationem palata comunis florentie. 
Sembra che i grandiosi lavori deliberati non 
fossero condotti con molta sollecitudine, poiché 
non prima del 16 luglio 1345 furpno allogati 
a fare ad alcuni maestri, a favore dei quali si 
ordinava il pagamento delle somme loro do- 
vute per gli eseguiti lavori : tra i vari stanzia- 
menti ve n'è uno del 24 novembre a favore del 
maestro Neri di Fioravante per fattura di un 
tetto super voltam veteris palata. 

Credo di avere bastantemente dimostrato che 
la denominazione di palazzo vecchio, tante volte 
ripetuta nei documenti e da G. Villani, si rife- 
risce a quello del Comune o del Potestà e non a 
quello del Popolo ; aggiungo inoltre che V esi- 



l'illustratore fiorentino 175 

stenza di un secondo palazzo dei Priori, supposto 
incorporato nel primo, non è davvero indicata, 
come sembra al d r Davidsohn, nel Libro impe- 
riale di Giovanni Bonsignori di Città di Castello 
del quale riporto il seguente brano : 

« Quasi nel mezo della città, in su una gran piaza amat- 
« tonata, sta il palagio della abitatione et residentia de' Si- 
« gnori Priori el quale è di pietra tutto di meravigliosa 
« belleza — drieto al detto palagio stanno due palagi dove 
« sta el Capitano et lo Executore, che sono due rettori 
« forestieri sopra le chause chriminali, e drieto a loro 
« è una gran chasa chon chortile dove stanno sempre 
« assai lioni che vi figliano ogni anno, e ora ve ne la- 
« sciai 24. Presso a questo, in sulla piaza, è una loggia di 
« pietra choncia tutta insino al suolo in su quatro archi 
« di notabile belleza, e dall' altra parte un poco più oltre 
« al palagio sta el palagio del potestà che è una chosa 
« molto singulare, tutto di pietra, sotto il quale sta la cha- 
« mera del tesoro del detto chomune. Anchora è presso al 
« detto palagio de' priori, a cinquecento passi, uno horato- 
« rio (Orsammichele) di maravigliosa bellezza ec. ». 

Il Bonsignori terminò il suo libro il 10 di- 
cembre 1478 e si conserva nella Biblioteca 
Nazionale di Firenze. 

Il palagio dei Priori ebbe la denominazione 
di vecchio solamente sotto il principato. Dopo- 

(1) Colla provvisione dell' 8 Novembre 1335 fu deliberato 
Y acquisto di tre palazzi e di alcune casette dal lato di via 
de' Manieri, oggi via dei Gondi. Il Duca d' Atene congiunse 
col palazzo dei Priori queste case per incastellarsi, cioè per 
fortificarsi, come scrive Matteo Villani ; ed i leoni che prima 
stavano presso la Zeccca furono qui portati nel 1353. 



176 L T ILLUSTRATORE FIORENTINO 

che Cosimo I il 15 Maggio 1540 lasciò il palazzo 
Medici, oggi Riccardi di Via Larga e « tornò 
per ferma stanza et abitazione nel palazzo dei 
Signori » questo cominciò a chiamarsi palazzo 
Ducale o di Piazza. Per quanto venisse presto 
da Cosimo ampliato e reso comodo di stanze 
principesche, era pur tuttavia insufficiente a 
contenere i principali uffizi e magistrati, il 
Capo dello Stato e il Gran Principe ereditario 
(Francesco). Perciò Cosimo attese alacremente 
ad abbellire e ridurre a nuova e più comoda 
reggia quello che nel 1550 la duchessa Eleonora 
avea comprato dagli eredi di Luca Pitti, e ben 
presto vi andò ad abitare. Per congiungere i due 
palazzi e « per godere a sua posta ed a tutte 
Fotte et con più facilità le delitie hor di questo 
ed hor di quel luogo », come attesta il contem- 
poraneo Domenico Mellini, fece costruire Cosimo 
il Corridore, che fu terminato nel novembre 
1565 per le nozze del principe Francesco con 
l'arciduchessa Giovanna d'Austria. Alla metà 
del decembre giunse a Firenze la sposa e con 
accompagnamento solenne scese al palazzo 
principale del Duca, cioè a quello già de' Si- 
gnori, come narra Agostino Lapini nel suo 
Diario fiorentino (1). 

Dopo la morte di Cosimo, il nuovo Granduca 
si stabili definitvamente nel palazzo Pitti, ab- 

(1) Sansoni, Firenze, 1900, p. 149. 



l'illustratore fiorentino 177 

bandonando quello di Piazza, che cominciò a 
chiamarsi il palazzo vecchio come in contrap- 
posto a quello dei Pitti, nuova residenza del 
Sovrano. 

La piazza, che fino al 1859 fu chiamata del 
Granduca, fu così detta per la statua equestre 
fattavi erigere nel 1594 da Ferdinando I in 
onore di Cosimo padre suo. 

Iodoco Del Badia 

I paramenti Sacri di S. Croce. 

L'ampia ed artistica Sagrestia di S. Croce, 
ricca di affreschi preziosi, di tavole artistiche, 
di lavori di scultura e di splendidi mobili di 
legname, intagliato ed intarsiato mirabilmente, 
custodisce ancora diversi antichi paramenti che 
si. veggono esposti air ammirazione dei visita- 
tori negli armadi di vaghissima fattura che 
Giovanni di Michele maestro di legname esegui 
fra il 1440 e il 1450 per commissione di Tom- 
maso di Lionardo Spinelli. 

Quei paramenti di stoffa, di squisito disegno 
non sono che pochi resti di un corredo ricchis- 
simo onde la chiesa dei Minori Conventuali era 
provvista. E che i Frati di S. Croce avessero 
dovizia di coteste stoffe vale a provarlo il fatto 
che essi suolevano imprestarli ad altre chiese 
della città, perchè servissero alla celebrazione 
di solenni funzioni in certe festività. 



178 l'illustratore fiorentino 

A tale uso allude una pergamena proveniente 
dall' Opera di S. Croce e che oggi si conserva 
air Archivio di Stato, colla quale un ordine del 
Pontefice dispone che cotesti arredi non venis- 
sero più oltre concessi in prestito, salvo un 
solo caso, affinchè non andassero deteriorati e 
dispersi. 

È una bolla di Papa Giulio II in data 15 Di- 
cembre 1504, colla quale si accorda ogli Operai 
di S. Croce di tenere i paramenti sacri e altre 
suppellettili nella casa di loro abitazione (forse 
nella loro residenza), onde siano meglio conser- 
vati; proibisce inoltre il Pontefice di prestarli 
ad altri rettori di chiese, come erasi praticato 
fino allora con grande detrimento dei medesimi, 
e concede solo che possano servire una volta 
solo air anno nel Palazzo dei Priori di Libertà ; 
ossia alla Cappella interna di Palazzo Vecchio. 

Fondazione della Compagnia dei Battilani 

Fino a non molti anni addietro, ha avuto vita 
la compagnia che una confraternita di Battilani 
aveva fondato nella Via delle Ruote, Cotesti 
Battilani, che costituivano una sezione, o mem- 
bro, come si diceva allora, dell'Arte della Lana, 
erano numerosi e poterono costituire un fondo 
assai rilevante per la nascitura compagnia, tanto 
che, appena ottenutane la facoltà, edificarono una 
chiesa assai vasta e riccamente provvista di ar- 



l'illustratore fiorentino 179 

redi, con ampi locali per le loro radunanze uno 
spedaletto ed altri edifizi per uso di abitazione. 
Suir angolo di Via S. Keparata costruirono poi 
anche un ricco tabernacolo con eleganti orna- 
menti di pietra di carattere dei XVI secolo e 
vi fecero dipingere da valente artista, forse 
Alessandro Allori, la Madonna col bambino fra 
i Santi Giovanni Battista e Giovanni Evangelista. 

La Compagnia ebbe lunga e prospera vita e 
quando venne soppressa, riservati certi diritti 
ai confratelli superstiti, i di lei beni e diversi 
oggetti interessanti che le appartenevano pas- 
sarono in proprietà della Congregazione di San 
Giovanni Battista (1). 

Da un documento dell'Archivio del Capitolo 
Fiorentino si ha la data precisa della fonda- 
zione di quella Compagnia. 

« A di 29 marzo del 1490 il Capitolo Fioren- 
tino è autorizzato a vendere alla Compagnia 
di S. Maria degli Angeli dei Battilani varj ter- 
reni in Via del Campacelo (oggi Via S. Repa- 
rata) per edificarvi oratorio, spedale e case per 
186 ducati larghi d'oro (2) ». 

(1) Fra le cose più interessanti, sono da notarsi il libro 
degli statuti rilegato in velluto e adorno di graziosi minii 
ed il cofano che conteneva le borse coi nomi dei confratelli 
per l'elezione delle cariche, cofano di bella forma e vaga- 
mente adorno di pitture. 

(2) Com'è noto, le vie di S. Zanobi e di S. Reparata ven- 
nero aperte nella località chiamata Campo Regio che per 



180 l'illustratore fiorentino 

La costruzione di queste fabbriche fu fatta 
con fino gusto d' arte e la chiesa, oggi chiusa 
al culto, nonostante le trasformazioni subite 
conserva ancora i resti della sua originaria 
struttura e delle sue eleganti e ricche decora- 
zioni. 



concessione imperiale apparteneva fino da tempo remoto 
al Capitolo della Cattedrale fiorentina. Molte delle case ven- 
nero erette dallo stesso Capitolo e portano tuttora sulla 
facciata il cherubino che è appunto lo stemma del Capitolo 
e molti tratti di terreno vennero venduti o dati a livello 
a privati perchè potessero fabbricarvi. 



USTDICE 



Ai Lettori 
Calendario . 



Notizie di Firenze. 

Addio mia bella addio ! (Can. G. B. Ristori) . 
Antiche divisioni della città di Firenze in Quar- 
tieri e Gonfaloni . , . 
Battaglia (La) di Lepanto. 
Bernardo di Francesco maestro di vetri . 
Busti (I) dei Granduchi Medicei 
Carestia (La) del 1340 .... 

Case di pittori in Borgo S. Frediano 
Chiesa e conservatorio di S. Francesco di Sales 
detti il Conventino .... 

Chiesa di S. Basilio ..... 

» di S. Giovannino de' Cavalieri (Arnaldo 
Cocchi) ...... 

» S. Michele Bisdomini 
» e convento d ; Ognissanti — Antiche me 
morie dei frati Umilati . 
Compagnia dei Battilani (Fondazione della) 



Pag. V 
» VII 



151 





» 


81 




» 


145 




» 


32 




» 


5 




» 


33 




» 


61 


s 


» 


13 




» 


78 





» 


123 




» 


128 




» 


153 




» 


178 



ig. 


55 


» 


165 


» 


103 


» 


1 


» 


94 


» 


50 


» 


106 



182 INDICE 

Cosimo I de' Medici gentiluomo privato (C. 0. 

Tosi) 

Famiglia (La) di Cosimo il Vecchio de' Medici. 

» (La) Della Trita 

Firenze Romana — Cenni topografici — Le 

mura, i lastrici, le fogne e l'acquedotto 

(Augusto Guerri) ..... 
Firenze Romana — Gli edifizj (A. Guerri) 
Funzione (La) del fuoco Santo {A. Cocchi) 
Giardino (II) de' Semplici. .... 

Lettera inedita di Giovanni Targioni Tozzetti 

(Dolt. Paolo Galletti) . ...» 59 

Messo (Un) dalla vista corta (P. Minucci Del) 

Bosso) . . , . . . . . » 135 

Moglie (La) di Ricciardo Del Bene (Carlo Car- 

nesecchi) ..,....» 63 
Monache (Le) in Firenze alla metà del XVI 

secolo . . . . . . . » 60 

Orefici (Gli) e il Ponte Vecchio (Can. G. B. 

Ristori) ........ 101 

Oriolo (L') di S. Spirito . . . . . » 198 

Otto (Gli) Santi, ovvero gli Otto della guerra 

contro Papa Gregorio XI ...» 99 

Palazzo Vecchio -• Perchè il palazzo dei Si- 
gnori Priori si chiama Palazzo Vecchio 

(Jodoco Del Badia) . 
Paramenti (I) sacri di S. Croce. 
Ponte (II) di Santa Trinità 
Popolazione (La) di Firenze nel 1562 
Ribelle (Un) di Cosimo I de' Medici che torna 

all'obbedienza (C. O. Tosi) 
Riposo festivo (II) Nulla di nuovo sotto il sole 

(P. M. Del Bosso) 
Schiave (Le) a Firenze 
Scuola (Una) in Via Maggio al XVI secolo 



» 167 

» 177 

» 19 

» 11 

» 139 



» 


29 


» 


93 


» 


12 



INDICE 



183 



Stufe (Le) o Bagni .... 


. Pag. 


30 


Tetto (II) dei Pisani . 


» 


42 


Torrione (II) de ; Ghiberti nel Corso. 


» 


146 


Via degli Alfani • 


» 


10 


» del Fosso ora Giuseppe Verdi . 


» 


132 


» dell'Oche 


» 


46 






Notizie di località fuori di Firenze. 

Badia a Settimo — Contributo alla Storia della 
Badia a Settimo (Prof. Antonio Canestrelli) 

Caprese — Il palazzetto Comunale . 

Fiesole — Giuseppe Antonio Torricelli di Fie- 
sole (Can. Dionisio Brunori) . 
» S. Domenico — Un puro fiore del rina- 
scimento (P. Lodovico Ferretti) 

Francia — Un possesso d' un fiorentino in 
Francia . 

Lastra a Signa — Il tabernacolo del Ponte di 
Stagno ....... 

Marciano — La battaglia di Marciano (Can. 
(Doti. Gennaro Bucchi) .... 

Montughi — Il convento dei Cappuccini . 

Pistoia — Come si viaggiava da Pistoia a Fi- 
renze nei secoli XIIV-XVI e XV 1 (Dott. 
Alberto Chiappelli) ..... 
» L ; arme dei Cancellieri e Romolo Fer- 
rucci di Fiesole (Can. D. Brunori) . 

Quarata in Val d ; Ema ..... 

Remole — Le Gualchiere ed una supplica dei 
Gualchierai ...... 

Illustrazioni. 



» 


31 


» 


149 


» 


71 


» 


124 


» 


163 


» 


105 


» 


107 


» 


77 



23 

158 
14 

89 



Busto della Granduchessa Vittoria Della Rovere 
scolpito da Giuseppe Antonio Torricelli . 



73 



184 



INDICE 



Castello e Gualchiere di Semole 

Castello di Quarata in Val d' Ema . 

Chiesa e monastero di S. Pier di Murrone in 

Via S. Gallo 

Chiesa d' Ognissanti . . . . . 

Chiostro di S. Domenico di Fiesole . 
Palazzetto Comunale di Caprese 
Palazzo del Potestà — Scala . 
Palazzo Vecchio ..... 

Ponte di S. Trinità ..... 

Ponte Vecchio ...... 

Portafuoco del Sabato Sauto 
Tempio di Santa Vittoria al Pozzo presso Mar 
ciano . . . . 

Tetto (II) de ? Pisani 



. Pag. 


90 


» 


15 


1 

» 


121 


» 


155 


» 


125 


» 


150 


» 


169 


» 


173 


» 


21 


» 


102 


» 


51 


» 


114 


» 


43 




^£§> Prezzo Zv. 2.00 <J^ 








UNIVERSITY OF ILLINOIS-URBANA 




301121 




02165567